Posted in PHM

Salvini: “Conto su risposta positiva da Bruxelles o si vuole male dell’Italia”. E su Battisti: “Lo voglio in galera”

“Siamo stati ragionevoli e non lasceremo che l’Ue ci impedisca di rimettere dei soldi nelle tasche degli italiani. Conto su una risposta positiva da Bruxelles nelle prossime ore, altrimenti dimostrerà di volere il male dell’Italia. Non ci sarà nessuna nuova tassa sulle auto. Battisti è un delinquente e con la collaborazione del presidente Bolsonaro lo riporteremo in Italia, perché stia in una galera italiana e non sulle spiagge brasiliane. C’è già un volo pronto”. Così Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell’Interno, a margine della terza giornata della Scuola di Formazione Politica della Lega.
L'articolo Salvini: “Conto su risposta positiva da Bruxelles o si vuole male dell’Italia”. E su Battisti: “Lo voglio in galera” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, in serata il vertice per chiudere Salvini: “Nessuna nuova tassa sull’auto” Di Maio: ‘Mi fido degli alleati di governo’

Un vertice per ricomporre le tensioni che agitano la maggioranza e trovare la quadra della manovra. Sarà “per affrontare alcuni temi dirimenti” come spiegavano ieri sera fonti del governo, che questa sera Giuseppe Conte, Luigi Di Maio e Matteo Salvini si troveranno a Palazzo Chigi con il ministro dell’Economia Giovanni Tria, i sottosegretari Garavaglia e Castelli e il titolare dei rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro. Un summit allargato in cui si toccherà la carne viva della legge di bilancio, necessario dopo gli scontri consumati nelle ultime ore tra le due anime dell’esecutivo sull’ecotassa, preceduto dall’ultima stoccata proveniente dal fronte leghista: “Il reddito di cittadinanza non c’è – ha detto il sottosegretario leghista Armando Siri a La Stampa – impossibile partire ad aprile”.
La corsa contro il tempo è iniziata. Mancano 16 giorni all’esercizio provvisorio e l’esame in commissione a Palazzo Madama non è ancora iniziato. Il testo è bloccato dalla guerra di nervi che..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Roma, migranti in piazza contro il decreto sicurezza. Soumahoro (Usb): “Gli invisibili fanno sentire la loro voce”

Il sindacato di base Usb guidato da Aboubakar Soumahoro ha portato in piazza alcune migliaia di migranti da tutta Italia per dire no alla legge Salvini che ha eliminato la protezione umanitaria per i richiedenti asilo. “Gli invisibili hanno preso il loro destino il mano – afferma Soumahoro – questa piazza finalmente vede gli esclusi gli sfruttati prendere il loro destino in mano”. Con lo slogan “Get up stand up” l’Usb da sempre attiva nei settori del lavoro maggiormente occupati dai migranti come le campagne e il facchinaggio sostiene che la legge da poco approvata in . parlamento con la firma del Ministro dell’Interno Salvini produrrà migliaia di nuovi clandestini che andranno ad alimentare il lavoro illegale e la criminalità.
Presenti alla manifestazione anche una folta delegazione di Potere al Popolo: “Chi ci ha rubato i diritti il futuro il lavoro e la salute – dice Viola Carofalo – non sono i cittadini stranieri ma il governo presente e quelli precedenti”.
L'articolo Roma, ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Lega a piazza del Popolo: se la Digos diviene l’esercito padano

Le spie del pensiero politicamente corretto sono entrate nel nostro tempo e battono forte. Sui social network è all’opera sin dalla nascita una commissione moralizzatrice che fustiga, sulla base delle risultanze di qualche algoritmo, con sospensioni e censure prevalentemente inappellabili, il destinatario di segnalazioni, più propriamente spiate. Per via di insondabili processi matematici vengono spesso fustigate dichiarazioni banali, anche condivisibili, e lasciati liberi di scorrazzare nel web pensieri violenti contro le persone quando non calunniosi. Ma la spiata, o il giudizio sull’onorabilità altrui, si va facendo strada tanto che i Cinquestelle hanno provveduto a creare uno spioncino virtuale per le segnalazioni sull’altrui condotta immorale o politicamente inopportuna sulla base della evidente valutazione che i militanti di quel movimento siano corpi estranei, perfetti sconosciuti, l’uno nemico dell’altro, riuniti alla rinfusa sotto una bandiera.
Ora la svolta anche nella poliz..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Pd, Martina: “Dialogo coi vertici del M5s? Fantapolitica. I vertici sono totalmente succubi della propaganda di Salvini”

“I retroscena politici parlano di contatti tra il Pd e il M5s? E’ fantapolitica. Non so davvero dove abbiano preso questi ragionamenti, ma non esiste un contatto con i vertici dirigenti del M5s. Non esiste nella maniera più assoluta“. Sono le parole di Maurizio Martina, candidato segretario del Pd, in una lunga intervista concessa a Radio Popolare.
E spiega: “So bene che la Lega e il M5s non sono la stessa cosa. Il nostro obiettivo deve essere quello di recuperare tanti elettori che il 4 marzo non hanno votato centrosinistra, ma hanno votato i 5 Stelle per speranza o per domanda di cambiamento e che oggi sono in grandissima difficoltà. Li incontriamo tutti i giorni, penso che ciascuno di noi abbia a che vedere con cittadini che hanno dato un voto di fiducia già tradito”.
Il politico dem precisa: “Non credo nella possibilità di un lavoro dei 5 Stelle che riconverta quello che in 100 giorni hanno fatto e ancora dicono in queste ore, totalmente succube della propaganda leghista. Qualche g..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Terzo settore scende in piazza per il primo sciopero nazionale: “15-25mila posti di lavoro a rischio con il Decreto Sicurezza”

Una prima assoluta, per l’Italia: venerdì 14 dicembre i lavoratori del terzo settore, i dipendenti delle cooperative sociali e gli educatori professionali scendono in piazza per il primo sciopero della categoria organizzato dall’Unione Sindacale di Base. Un settore da sempre atipico. E silenzioso. Almeno finora. Giovani e meno giovani che lavorano nel sociale, con contratti precari e stipendi spesso molto bassi, che dedicano la loro professionalità all’assistenza dei più vulnerabili, siano essi anziani, bambini, portatori di handycap, stranieri o marginalizzati. L’appuntamento è alle 11 a Roma, davanti a Montecitorio.
Ma quali sono nello specifico i motivi del malcontento e le rivendicazioni? “Difendere la qualità dei servizi significa difendere la nostra professionalità. Difendere i nostri posti di lavoro significa difendere il diritto di milioni di cittadini di accedere al diritto alla salute, all’accoglienza, al welfare universale, ai servizi alla persona, ai servizi culturali”. Ma..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Salvini contro Famiglia Cristiana: ‘Attacchi e bugie, è giornale di ultrasinistra’. La replica: ‘Difendiamo l’umanità’

Matteo Salvini contro Famiglia Cristiana. Il ministro dell’Interno ha definito “un settimanale di ultrasinistra” l’organo di stampa d’ispirazione cattolica. “Da loro attacchi e bugie”, ha detto. Il numero in edicola il 14 dicembre infatti, il giornale diretto da Antonio Rizzolo si occupa della storia di due ghanesi cacciati dal centro di accoglienza di Crotone, in applicazione del decreto Sicurezza approvato dal Parlamento nei giorni scorsi. All’attacco del leader del Carroccio ha replicato poco dopo lo stesso direttore: “Dal ministro boutade messe lì, noi non siamo né di sinistra, né di destra, raccontiamo solo le cose. C’è la difesa dell’umanità e dei diritti e c’è chi pensa ad altro”. Per il sacerdote le parole di Salvini sono “opinione del ministro, noi raccontiamo i fatti che si sono svolti. C’è un problema nell’applicazione del decreto Sicurezza visto che anche i prefetti non sanno cosa fare. Mancano i decreti attuativi e c’è enorme confusione. Siamo all’indomani del 70esimo dell..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Tav, il 4 dicembre Salvini si diceva contrario al referendum: “Politica si prenda le sue responsabilità”

Se oggi Salvini si dice favorevole a un referendum sul Tav, meno di una settimana fa (il 4 dicembre) il ministro non si mostrava così possibilista. E così rispondeva a Bruno Vespa nel corso della presentazione dell’ultimo libro del giornalista:”Referendum sulla Tav? No, penso che la politica debba prendersi le responsabilità. Sai come la penso, mi si portino dei numeri, ma noi siamo per l’Italia dei sì”
L'articolo Tav, il 4 dicembre Salvini si diceva contrario al referendum: “Politica si prenda le sue responsabilità” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Di Maio: “Incontro Salvini-imprese? I fatti si fanno al mio ministero”. Il leader della Lega: “Un referendum sul Tav? Perché no”

Il botta e risposta tra i due vicepremier che nasce dall’incontro di ieri, domenica, tra Matteo Salvini e i rappresentanti delle imprese, si arricchisce di una prima presa di posizione, con il ministro dell’Interno e leader della Lega che mette sul piatto la possibilità di un “referendum” sul Tav. “Perché no?”, risponde Salvini a chi gli chiede se una consultazione possa essere la strada da seguire nel caso in cui “dall’analisi costi benefici sulla’Alta velocità non dovessero arrivare una risposta chiara”.”L’importante è avere dei sì o dei no. Io tifo sì. Se i tecnici ci dicessero no o forse, si possono ascoltare i cittadini”, precisa poi il vicepremier del Carroccio, parlando a margine dell’incontro con i presidenti territoriali di Confindustria Lombardia, nella sede di Assolombarda a Milano.
L’incontro di domenica di Salvini con le associazioni dei datori di lavoro era stato definito “concreto e proficuo”, un momento di disgelo con l’esecutivo, dopo frecciatine reciproche andate ava..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Di Maio: “Boccia e imprese da Salvini? I fatti si fanno al Mise. Taglio pensioni d’oro non si discute”

“Se mi sento scavalcato dall’incontro tra Salvini e gli imprenditori? Penso che tutti i ministri hanno il dovere di incontrare sempre le imprese. Come ha detto Boccia, ora ci aspettiamo i fatti. Ieri hanno fatto le parole e i fatti si fanno al Mise, perché è il ministero che si occupa delle imprese”. A rivendicarlo il ministro e vice premier, Luigi Di Maio, a margine della firma del Protocollo d’intesa tra Mise e Regione Lazio per il Wi-Fi gratuito nelle zone colpite dal terremoto del 2016, a chi gli chiedeva dell’incontro di ieri al Viminale tra il vicepremier, Matteo Salvini, e una delegazione di rappresentanti delle imprese. “Ieri c’erano poco piú di 10 sigle, domani ne riuniamo oltre 30 sigle di tutti i comparti”. Ma non è l’unico terreno di scontro con la Lega di Salvini. C’è poi il capitolo legato al taglio delle pensioni d’oro. Sulla retromarcia leghista, con Salvini che punta soltanto a stoppare gli adeguamenti, Di Maio ha rivendicato: “Le pensioni d’oro si devono tagliare, il ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Salvini: ‘L’Ue guardi Parigi, noi preveniamo quelle scene. Tagli a pensioni d’oro? Solo blocco dell’adeguamento’

“Noi esercitiamo il buon senso, la ragionevolezza. La manovra può migliorare e cambiare, ma deve mettere soldi nelle tasche degli italiani. Qualcuno vuole in Italia scene modello Parigi, dove milioni dalle campagne vanno a manifestare nelle città? Noi quelle scene vogliamo prevenirle. Con quello che sta succedendo a Parigi mi rifiuto di pensare che da Bruxelles mandino ispettori e sanzioni per uno zero virgola. Siamo l’Italia”. Matteo Salvini, intervistato da Lucia Annunziata a Mezzorainpiù su Raitre, avverte la Ue che pretendere troppo da Roma potrebbe mettere a rischio la stabilità sociale. E questo non conviene a nessuno, è il messaggio inviato nei giorni in cui la Commissione attende che siano messe nero su bianco le proposte per cercare di evitare la procedura di infrazione. “Non vogliamo uscire da niente, ma stare dentro l’Ue e cambiarne da dentro le regole”, ha ribadito Salvini.
Poi il leader leghista ha per la prima volta commentato l’annuncio di Luigi Di Maio sui tagli “fino ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Salvini, tre motivi per cui dobbiamo smetterla di (s)parlare di lui

Noi antisalviniani dovremmo smetterla di (s)parlare di Salvini. Un po’ perché, sin qui, abbiamo solo fatto il suo gioco. Appena lui dice una qualunque fesseria – e a questo punto è chiaro che lo fa apposta – noi subito ci strappiamo le vesti: così contribuendo solo a diffonderla (la fesseria) e spendendo un patrimonio per rammendarle (le vesti). Ma soprattutto dovremmo smetterla perché così finiamo per dargli troppa importanza, gonfiando ulteriormente un ego, già smisurato di suo. Se va avanti così, uno di questi giorni vorrà invadere la Polonia, poi qualcuno gli spiegherà che non confina con l’Italia e allora vorrà comunque invadere qualcos’altro, l’Albania o Malta, quello che càpita, e poi saranno comunque cavoli nostri.
Voi direte che mi sto contraddicendo, perché ne sto parlando anch’io, di Salvini. Vero, ma ho addirittura tre buone ragioni per farlo.
1. La prima è che più si parla di un politico e più rapidamente passa di moda: guardate Renzi, che ormai non farebbe notizia neanc..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Salvini, tre motivi per cui dovremmo smetterla di (s)parlare di lui

Noi antisalviniani dovremmo smetterla di (s)parlare di Salvini. Un po’ perché, sin qui, abbiamo solo fatto il suo gioco. Appena lui dice una qualunque fesseria – e a questo punto è chiaro che lo fa apposta – noi subito ci strappiamo le vesti: così contribuendo solo a diffonderla (la fesseria) e spendendo un patrimonio per rammendarle (le vesti). Ma soprattutto dovremmo smetterla perché così finiamo per dargli troppa importanza, gonfiando ulteriormente un ego, già smisurato di suo. Se va avanti così, uno di questi giorni vorrà invadere la Polonia, poi qualcuno gli spiegherà che non confina con l’Italia e allora vorrà comunque invadere qualcos’altro, l’Albania o Malta, quello che càpita, e poi saranno comunque cavoli nostri.
Voi direte che mi sto contraddicendo, perché ne sto parlando anch’io, di Salvini. Vero, ma ho addirittura tre buone ragioni per farlo.
1. La prima è che più si parla di un politico e più rapidamente passa di moda: guardate Renzi, che ormai non farebbe notizia neanc..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Salvini vede imprenditori e costruttori: “Finalmente dialogo con il governo, ora aspettiamo i fatti”

Anche Matteo Salvini prova a ricucire con gli imprenditori. Dopo la lettera del vicepremier e ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio al Sole 24 Ore, in cui si anticipava anche l’avvio martedì 11 di un “tavolo pmi”, domenica l’alleato leghista Matteo Salvini ha fatto un passo in più. E ha incontrato al Viminale i vertici di tutte le 12 associazioni imprenditoriali che lunedì scorso avevano protestato a Torino a sostegno del Tav e contro la manovra: da Ance a Legacoop passando per Confindustria, Confagricoltura e Confesercenti. Più Coldiretti, Confimi e Filiera Italia. Il giudizio del numero uno di viale dell’Astronomia Vincenzo Boccia, che dopo un’apertura di credito alla Lega aveva virato su posizioni di netta critica all’esecutivo, è positivo pur in attesa di novità concrete. “Oggi per la prima volta dall’insediamento”, ha detto Boccia, “il governo ha convocato i rappresentanti del mondo dell’economia e riusciamo a dialogare in termini di confronto. Il clima e il dialogo sono..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Governo, Scanzi: “Dopo Europee, Salvini sarà tentato di passare all’incasso. Pd? Non hanno imparato nulla, le sbaglia tutte”

“Matteo Salvini nega di voler mollare il governo con il M5s, ma se alle Europee la Lega farà il botto, il vicepremier sarà tentato di passare all’incasso, da leader dominante del centrodestra. In estrema sintesi, la politica italiana dipende da Salvini: non una notizia strepitosa per gli italiani“. A rivendicarlo Andrea Scanzi, giornalista de ‘Il Fatto Quotidiano’, presentando alla fiera di “Più Libri, più liberi” a Roma il libro “Salvimaio“, seguito di ‘Renzusconi’, edito da Paper First. “Il M5s rischia di perdere troppi pezzi di elettorato a causa del governo con la Lega? Al momento ha perso circa il 4-5%, dovranno trovare una battaglia vincente per ogni rospo – dai condoni, al Tap e non solo – che sono stati o saranno costretti a ingoiare”, ha aggiunto Scanzi. Certo, ha aggiunto, “il problema per Salvini sarà quando dovrà mostrare che non è soltanto chiacchiere e distintivo”. Di fronte a un governo “forte seppur con tante contraddizioni”, per Scanzi servirebbe una forte opposizione ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Fratelli di Crozza, Salvini non resiste e svela in diretta le prossime operazioni di polizia. L’imitazione del ministro è esilarante

Nel corso dell’ultima puntata prima della pausa natalizia di Fratelli di Crozza, in onda il venerdì in prima serata su Nove, Maurizio Crozza/Salvini passa le sue giornate in diretta sui suoi social e, nonostante sia stato ripreso dal procuratore della Repubblica Spataro, continua a svelare tutti i piani segreti della polizia: “Quando un procuratore della Repubblica dice che con un mio tweet io metto a rischio un’operazione di polizia, sbaglia! Sbaglia nei modi e sbaglia nei tempi: io sono uno di voi e mi piace condividere. Per esempio mi informano che domani mattina faranno un’imboscata a tre cosche mafiose che avevano intenzione di vedersi in una gelateria di Segrate che si chiama Coni e Fragole”
L'articolo Fratelli di Crozza, Salvini non resiste e svela in diretta le prossime operazioni di polizia. L’imitazione del ministro è esilarante proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Lega, vox tra i militanti in piazza: “Soddisfatti, ma abbiamo mani legate da alleanza con M5s. Tav? Favorevoli”

Le voci dalla piazza di Matteo Salvini promuovono il leader della Lega e bocciano il Movimento 5 stelle: “Abbiamo mani legate da alleanza di circostanza, nel governo si vede chi sono i professionisti della politica e chi sono gli improvvisati”. In tantissimi approvano l’operato di Salvini al Governo, promuovendo come miglior atto il ‘Decreto Sicurezza’. “È riuscito a chiudere i porti, basta con l’immigrazione” dicono da piazza del Popolo, dove oltre trentamila hanno applaudito il leader leghista. Molti i militanti provenienti dal Meridione. Unanime il sì alla Tav, mentre alcuni bocciano il reddito di cittadinanza, misura simbolo del M5s
L'articolo Lega, vox tra i militanti in piazza: “Soddisfatti, ma abbiamo mani legate da alleanza con M5s. Tav? Favorevoli” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Lega, in piazza il forcone, il gilet giallo e il fautore di “Italexit”. E c’è anche il “nostalgico”: “Salvini? Erede del Duce”

Matteo Salvini chiama, il popolo della Lega, da Nord a Sud, risponde. Nel giorno dell’Immacolata, in Piazza del popolo a Roma va in scena la manifestazione ‘L’Italia rialza la testa‘, appuntamento fortemente voluto dal vicepremier e leader leghista per celebrare “i primi sei mesi di buonsenso al governo”, come si legge sui tabelloni montati ai lati del palco e sull’opuscolo distribuito dai volontari ai militanti: un racconto dei risultati rivendicati dal Carroccio nel corso della prima parte della esperienza governativa ‘legastellata’. Dalla Valle d’Aosta alla Sicilia: la piazza salviniana si tinge di blu (è il colore della Lega ‘nazionale’ 2.0) con attivisti e simpatizzanti giunti da tutto lo stivale. Tra loro anche un esponente del movimento dei forconi e un fautore dell’Italexit, versione nostrana della Brexit. Ma non manca il nostalgico, con tanto di croce celtica e aquila fascista al petto: “Salvini? L’erede di Mussolini”
L'articolo Lega, in piazza il forcone, il gilet giall..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Lega, Salvini in piazza del Popolo: “Europa che si ferma allo spread e agli zerovirgola è destinata a fallire”

“Se l’Europa è quella che si ferma allo spread, alla finanza, agli zerovirgola, è un’Europa destinata a fallire. Serve un’Europa che ritorni a lavorare, per la dignità dei cittadini”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a Piazza del Popolo. In Europa “c’è bisogno di anima e identità che qualcuno ha perso in nome della globalizzazione. Ogni tanto ci richiamano ad essere rispettosi delle regole e dei trattati internazionali. Sotto questo sole tanto caldo ma anche tanto freddo per quanto accaduto stanotte nelle Marche, serve una nuova Ue fondata sul rispetto, il lavoro e il progresso. Come è possibile garantire quello che c’è scritto nei trattati sulla piena occupazione e la crescita sostenibile? Guardate alla crisi economica che anche la potentissima Germania sta cominciando a vivere, pensate ai gilet gialli. La violenza non è e non sarà mai giustificata ma chi semina povertà e falsa speranza raccoglie protesta“, ha proseguito Salvini,
L'articolo Lega, Salvini in ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Lega, Salvini riempe piazza del Popolo. Cita Martin Luther King e dice: “Datemi il mandato per trattare con l’Ue”

Matteo Salvini sale sul palco accompagnato dalle note dell’aria della Turandot di Puccini ‘Vincerò’, mentre dalla piazza si accendono fumogeni tricolori. Il discorso del vicepremier e leader della Lega alla sua piazza del Popolo, riempita di fedeli al Carroccio, comincia con il ricordo dei sei ragazzi morti ad Ancona e subito una promessa: “In questo Paese chi sbaglia paga. E chi ha sbagliato paga e paga fino in fondo da nord a sud. Ovunque, da Genova ad Ancona”. L’ufficio stampa della Lega sostiene che ad ascoltare Salvini ci siano 80mila persone. Diecimila in più rispetto a quelli dichiarati dagli organizzatori della manifestazione del Pd del 30 settembre scorso. Ma la capienza massima di piazza del Popolo, senza palchi né altro, è stimabile tra le 56mila e le 62mila persone.
L’intervento di Salvini è un cambio di registro rispetto ai toni del passato: “La vita è troppo breve per perdere tempo in odio e polemiche – dice dal palco – questa è una piazza di amore e di speranza, la lasc..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Ancona, cordoglio dopo concerto di Sfera Ebbasta. Mattarella: “Non si può morire così”. Conte: “Risposte chiare e celeri”

Dal Capo dello Stato al premier Giuseppe Conte. In molti dopo ciò che è successo a Corinaldo, dove nella notte tra il 7 e l’8 dicembre sono morte sei persone e ferite un centinaio nel tentativo di fuga dalla discoteca Lanterna Azzurra, hanno espresso vicinanza alle famiglie delle vittime e ai feriti. E su Facebook il presidente del Consiglio ha fatto sapere che andrà nelle Marche per “verificare sul posto quello che è successo”.
“È una tragedia che lascia impietriti. Il pensiero di tutti è di vicinanza e solidarietà alle famiglie delle giovanissime vittime, al loro dolore lacerante, e alle condizioni dei tanti feriti con l’augurio di pronta guarigione. Si dovrà fare piena luce sull’accaduto, accertando eventuali responsabilità e negligenze”, ha dichiarato Sergio Mattarella. “I cittadini hanno diritto alla sicurezza ovunque, nei luoghi di lavoro come in quelli di svago – ha aggiunto – La sicurezza deve essere assicurata con particolare impegno nei luoghi di incontro affollati, attraver..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Lega, le immagini di piazza del Popolo dall’alto. Salvini: “Minuto di silenzio per le vittime di Corinaldo”

“Una festa non può essere una festa se stanotte sei ragazzi usciti per andare a divertirsi sono rimasti vittime di una tragedia. E quindi quella di oggi è una giornata di affetto, di abbraccio, di riflessione, di preghiera, in cui ci stringiamo a quelle famiglie marchigiane. Prima di cominciare a raccontarvi quello che stiamo facendo da sei mesi, un minuto di abbraccio e di silenzio”. Lo ha detto Matteo Salvini salito sul palco di piazza del Popolo, per ricordare le vittime della tragedia di Corinaldo. La manifestazione della Lega a Roma è iniziata con un minuto di silenzio
L'articolo Lega, le immagini di piazza del Popolo dall’alto. Salvini: “Minuto di silenzio per le vittime di Corinaldo” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Lega in piazza del Popolo, Salvini sul palco cita Martin Luther King e dice: “Non perdere tempo in odio e polemiche”

Matteo Salvini sale sul palco accompagnato dalle note dell’aria della Turandot di Puccini ‘Vincerò’, mentre dalla piazza si accendono fumogeni tricolori. Il discorso del vicepremier e leader della Lega alla sua piazza del Popolo, riempita di fedeli al Carroccio, comincia con il ricordo dei sei ragazzi morti ad Ancona e subito una promessa: “In questo Paese chi sbaglia paga. E chi ha sbagliato paga e paga fino in fondo da nord a sud. Ovunque, da Genova ad Ancona”. Ma il discorso di Salvini è un cambio di registro rispetto ai toni del passato: “La vita è troppo breve per perdere tempo in odio e polemiche – dice dal palco – questa è una piazza di amore e di speranza, la lasciamo ad altri la violenza”. Il vicepremier cita il leader del movimento per i diritti civili degli afroamericani, Martin Luther King: “Per farsi nemici basta dire quello che si pensa. C’è bisogno di unità e di concordia”.
“Abbiamo cominciato il cammino giusto, se i portavoce di poteri forti sono contro di noi, vuol di..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Accordi&Disaccordi, Matteo Salvini su Nove: “Quando ho tempo guardo su Youtube i vecchi video di Berlinguer”

Una passione per le vecchie tribune politiche e per Enrico Berlinguer. Lo ha confessato Matteo Salvini, ospite dell’ultima puntata di “Accordi&Disaccordi”, il programma tv realizzato da Loft Produzioni e condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi, in onda su Nove. “Le piaceva Enrico Berlinguer?”, chiede Scanzi. “Molto, ogni tanto vado su YouTube non solo a guardarmi Berlinguer, ma anche Moro, Almirante – risponde il ministro dell’Interno – Idee diverse, ma una passione che invidio”. Il giornalista è divertito dalla rivelazione del vicepremier: “Questo mi incuriosisce, cioè, lei quando ha un po’ di tempo va su Youtube e guarda i video”. “Non è che passo tutto il mio tempo a fare questo, ho anche una vita normale – ammette il leader del Carroccio – Ogni tanto mi piace vedere le vecchie tribune politiche. Anche Pannella, c’erano dei discorsi affascinanti. Se mi sente mio figlio mi dà dello sfigato…”. “Uno a sinistra sentendo Salvini che guarda Berlinguer, si sarà suicidato, però…!”, conclude ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Accordi&Disaccordi, Matteo Salvini su Nove: “Con Gattuso ci siamo chiariti, ho reagito da tifoso non da ministro”

Rino Gattuso e Matteo Salvini hanno fatto pace. Dopo il duro botta e risposta del 25 novembre scorso, in occasione dell’1 a 1 con la Lazio, quando l’allenatore del Milan si era risentito per le parole del vicepremier (“Fossi stato in Gattuso avrei fatto qualche cambio”) e aveva risposto: “Con tutti i problemi che ci sono, Salvini si lamenta perché non ho fatto cambi. Se ha tempo di pensare al calcio, siamo messi male. Si occupi di politica”, arrivano ulteriori parole distensive da parte del ministro dell’Interno, ospite dell’ultima puntata di “Accordi&Disaccordi”, il programma tv realizzato da Loft Produzioni e condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi, in onda su Nove: “Ci siamo messaggiati perché Rino è un cuore rossonero e ci mette l’anima – spiega Salvini – Però ero a Roma perché avevo una riunione politica sulla manovra economica, vado a vere Lazio – Milan, una partita difficile, campo pesante, sofferenza incredibile, difesa a tre con Zapata, Abate, Rodriguez. Passiamo in vantaggio, ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Accordi&Disaccordi, Salvini su Nove: “Caso Spataro? Ho twittato dopo aver ricevuto il comunicato di ‘indagine effettuata’”

Nulla da rimproverarsi sul caso Spataro: “Ho twittato a operazione effettuata”. Così Matteo Salvini, ospite dell’ultima puntata di “Accordi&Disaccordi”, il programma tv realizzato da Loft Produzioni e condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi, in onda su Nove, torna sulla polemica che lo ha visto protagonista insieme al procuratore di Torino Armando Spataro che, alcuni giorni fa si era “lamentato con lei perché durante un’operazione contro la mafia nigeriana, lei ha twittato mentre l’operazione era in corso”, ricorda Luca Sommi. “Se è già parlato tanto però io le leggo una frase: ‘Un ministro dell’Interno che twitta su indagini in corso non merita neppure un commento. il fatto in sé la dice tutta su quel personaggio’. Chi l’ha detto?”, chiede il giornalista. “Non lo so, c’è l’imbarazzo della scelta, basta aprire i giornali tutti i giorni”, risponde il vicepremier. “Lo ha detto lei, riferendosi ad Angelino Alfano – rivela il conduttore – Quando era ministro dell’Interno sul caso di Yara Ga..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Leu contro Salvini: “Indecente la campagna social contro Boldrini, è gogna. Cancellate quei commenti, viene da vomitare”

“Matteo Salvini si ricordi che è ministro della Repubblica italiana. La campagna social per promuovere la manifestazione di domani a Roma della Lega è una vera e propria gogna mediatica. Gogna che oggi ha preso di mira Laura Boldrini. Indecente. Il tutto nei giorni immediatamente successivi alla giornata internazionale contro la violenza sulle donne”. A rivendicarlo Federico Fornaro, capogruppo del gruppo Leu alla Camera, difendendo l’ex presidente della Camera, sotto attacco sui social network dopo l’iniziativa della Lega. “Basta scorrere i commenti pubblicati sulla pagina Facebook ufficiale del ministro dell’Interno per comprendere come e quanto un’esponente, donna, di un gruppo parlamentare di opposizione sia stata volutamente esposta al dileggio e alle minacce. “Fermatevi, a leggere certi commenti viene da vomitare. Cancellateli”, ha concluso Fornaro, chiedendo l’intervento del presidente Conte. Nessuna reazione, invece, dai banchi leghisti. L'articolo Leu contro Salvini: “Ind..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Accordi&Disaccordi, Salvini su Nove: “Sono antifascista e anticomunista, CasaPound non è il mio modello”

“Antifascista e anticomunista, lontano dal modello di CasaPound”. Alla vigilia della manifestazione ‘Prima gli italiani’ di domani in piazza del Popolo a Roma, Matteo Salvini, ospite dell’ultima puntata di “Accordi&Disaccordi”, il programma tv realizzato da Loft Produzioni e condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi, in onda su Nove, dà un’insolita versione di se stesso. “Cosa pensa del fascismo?”, chiede Sommi. “Io sono per la libertà, per la democrazia, per la libertà di pensiero e di parola, di opinione, di circolazione”, è la risposta del vicepremier. “Quindi lei è antifascista?”, insiste il giornalista. “Assolutamente, sono contro tutti i totalitarismi. Quindi antifascista e anticomunista – afferma il ministro dell’Interno – Chi processa le idee toglie il diritto alla libertà, non è un mio modello”. “A CasaPound si professano “fascisti del Terzo millennio” – interviene ancora Sommi – Quindi lei li cancella?”. La risposta del leader del Carroccio è perentoria: “Io sono la Lega, quando..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Salvini, famiglie con bambini cacciate dai centri Sprar: parte la raccolta fondi

Abdegal, Solomon e i loro due gemelli sono stati buttati fuori dal centro Sprar che li ospitava. Stesso destino per Steve, Victoria e il loro piccolo Christian. Sono due delle decine di famiglie colpite in tutta Italia dagli effetti del dl Sicurezza. Ora un progetto di crowdfunding si propone di dar loro una mano. Si chiama UMANItalia ed è promosso dalla cooperativa InMigrazione, impegnata – si legge suo suo sito – nel sostegno agli stranieri in Italia” e che da anni monitora la gestione delle strutture di accoglienza.
“Sono famiglie alle quali l’Italia aveva concesso la protezione umanitaria – spiegano gli organizzatori – ora, con l’entrata in vigore del decreto Salvini, centinaia di nuclei con bambini piccoli e neonati vengono letteralmente buttati in mezzo a una strada senza alcun sostegno. Sono persone che hanno avviato percorsi di integrazione positivi ed erano in attesa di avere un posto nel circuito di seconda accoglienza Sprar”. Quello gestito dai Comuni che il testo messo a p..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Chef Rubio stronca la pasta al ragù di Matteo Salvini: “T’hanno cacato nel piatto minì”

“T’hanno cacato nel piatto minì”. È questo il commento lapidario di Chef Rubio, al secolo Gabriele Rubini, al piatto di pasta al ragù pubblicato qualche giorno fa dal ministro dell’Interno Matteo Salvini su Twitter. Il cuoco romano ha criticato il vicepremier con una frase in dialetto romanesco che ha raccolto subito centinaia di like.

“Due etti di bucatini Barilla, un po’ di ragù Star e un bicchiere di Barolo di Gianni Gagliardo. Alla faccia della pancia!”, aveva scritto infatti Salvini pubblicando la foto del suo pranzo: l’intento era quello di mostrarsi alle persone “più comune” possibile ma quella pasta è sembrata a molti davvero poco invitante.
Due etti di bucatini Barilla, un po’ di ragù Star e un bicchiere di Barolo di Gianni Gagliardo. Alla faccia della pancia!
Buon pomeriggio Amici😋 pic.twitter.com/CuwMT9Tlj3
— Matteo Salvini (@matteosalvinimi) 4 dicembre 2018
L'articolo Chef Rubio stronca la pasta al ragù di Matteo Salvini: “T’hanno cacato nel piatto minì” proviene ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Lega, Salvini: “Nostri voti al Sud? Meridione preso in giro dalla politica, noi convinciamo gli elettori coi fatti”

“Come facciamo a ottenere i voti al Sud? Coi fatti. Nel Meridione la politica ha preso in giro milioni di cittadini”. Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, intervistato dall’Ansa.
L'articolo Lega, Salvini: “Nostri voti al Sud? Meridione preso in giro dalla politica, noi convinciamo gli elettori coi fatti” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Salvini: “Il contratto di governo? Si può rivedere. Magari va ritarato tra 2 anni”

“Il contratto di governo si può rivedere”. Le basi dell’accordo tra Lega e M5s non sono un moloch intoccabile, almeno per Matteo Salvini. “Magari quello che abbiamo stabilito a maggio, a settembre del 2020 va ritarato”, dice il vicepremier durante un forum dell’Ansa. Una novità assoluta da quando il Carroccio è a Palazzo Chigi in compagnia dei Cinque Stelle. Perché finora era sempre stato richiamato come “carta canta” sui temi più delicati e nessuno aveva mai parlato della possibilità di rimettere mano a quelle pagine attorno alle quali si è condensato il programma da portare avanti nei cinque anni di governo. E che ha già creato diverse frizioni, dai termovalorizzatori al Global Compact. Invece ora il leader leghista apre a maquillage e revisioni degli obiettivi della maggioranza giallo-verde, qualora se ne manifestasse l’occasione.
“Alle politiche con Fi? Chi vivrà, vedrà”
Forza Italia, chiarisce Salvini, resta lì: “L’opposizione fa l’opposizione, non mi formalizzo”, ha spiegato sot..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Salvini-Spataro, la procura di Torino: “Operazione contro mafia nigeriana conclusa il 5 dicembre. Sei i latitanti”

Un altro comunicato stampa per spiegare che l’operazione contro la mafia nigeriana si è conclusa soltanto nella serata del 5 dicembre. E quindi ben 36 ore dopo che il ministro dell’Interno ha pubblicizzato i 15 fermi con un post su twitter. Solo che alla fine le persone arrestate sono soltanto nove: sei, infatti, sono ancora latitanti. A due giorni dalla polemica con Matteo Salvini, Armando Spataro comunica i dettagli dell’ormai nota inchiesta sull’associazione criminale nigeriana. E si riferisce implicitamente – pur non citandolo mai direttamente – all’altrettanto noto tweet con cui il ministro dell’Interno alle ore 8 e 57 del 4 dicembre aveva annunciato i fermi.
Il comunicato della procura – “Facendo seguito a notizie imprecise in precedenza diffuse, si ritiene opportuno specificare quanto segue ai fini di una corretta informazione che può essere ora fornita essendosi solo ieri sera concluse le attività che questo Ufficio aveva delegato alla Squadra Mobile della Questura di Torino, ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Decreto Salvini, chi lo sostiene uccide Dio. A Natale chiuderò la mia chiesa per obiezione di coscienza

Il 2 dicembre 2018 è iniziato il nuovo anno liturgico (anno-C) e come ogni anno comincia con la prima domenica di Avvento, che non è preparazione al Natale ma proiezione del tempo e della storia nell’escatologia. In altri termini, il tempo di Avvento ci offre un ampio contesto dentro il quale scrutare, verificare e valutare la nostra vita e quella del mondo. Il Natale del Signore è un passaggio di questo percorso, anzi il punto di partenza, perché determina la possibilità d’instaurare una relazione verificabile con il Figlio di Dio, Gesù di Nazareth. Aver trasformato l’Avvento in preparazione al Natale è un ridimensionamento della sua portata e importanza.
Per chi dice di essere credente in questo Gesù e per l’Italia, sede della suprema autorità cattolica (il Vescovo di Roma), il 2018 è un annus horribilis, perché alla vigilia dell’Avvento il Parlamento italiano ha approvato in via definitiva il decreto legge n. 113/2018. Esso è stato diabolicamente pensato per nascondere dietro un ti..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Fondo orfani femminicidio, Salvini evita il tema: “Il Senato potrà eventualmente migliorare una manovra già positiva”

Conferenza stampa di Matteo Salvini a Montecitorio assieme ai ministri Marco Bussetti e Lorenzo Fontana per presentare un progetto di legge che reinserisce la materia di educazione civica obbligatoria nelle scuole. Il leader della Lega chiede ai giornalisti solo domande sul tema oggetto della conferenza stampa. E alla nostra richiesta di chiarimenti sull’emendamento di Forza Italia per incrementare di 10 milioni di euro il fondo per gli orfani di femminicidio, bocciato in commissione Bilancio alla Camera, Salvini evita di rispondere sul merito e si nasconde dietro a un doppio e laconico: “Il Senato potrà eventualmente migliorare una manovra che già parte positiva”.
L'articolo Fondo orfani femminicidio, Salvini evita il tema: “Il Senato potrà eventualmente migliorare una manovra già positiva” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Pamela Anderson contro Salvini: “Non è lui la soluzione alla crisi europea. Preoccupata per ritorno fascismo in Italia”

Una serie di tweet di fila, uno dopo l’altro, tutti rivolti contro il ministro dell’Interno italiano. A lanciare la critica a Matteo Salvini è Pamela Anderson, attrice naturalizzata statunitense, resa famosa dalla serie Baywatch. “La soluzione non sono più Macron o Salvini, che hanno bisogno l’uno dell’altro e si rafforzano a vicenda. La soluzione non può che essere un risveglio pan-europeo che attraversi i confini e le nazionalità, in grado di affrontare la profonda crisi economica, sociale ed ecologica dell’Europa oggi”, ha cinguettato la showgirl.
The solution is not more Macron or more Salvini, the actually need each other and reinforce each other, the solution can only be a Pan-European awakening across borders and nationalities,which would be able to tackle the deep economic, social and ecological crisis of Europe today
— Pamela Anderson (@pamfoundation) 5 dicembre 2018
La bagnina più amata della televisione ha continuato sottolineando: “Salvini ha recentemente affermato che ‘..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Accordi&Disaccordi, ospite il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini su Nove venerdì 7 dicembre alle 22.45

Ultima puntata dell’edizione record (oltre mezzo milione di telespettatori la scorsa settimana) di “Accordi&Disaccordi”: venerdì 7 dicembre alle 22.45, subito dopo il live di “Fratelli di Crozza”, sul Nove di Discovery Italia si chiude il talk d’approfondimento sull’attualità condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi. Ospite dell’ultima puntata di questa stagione è il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini. Il leader del Carroccio si confronterà con i due giornalisti in studio a poche ore dalla manifestazione leghista organizzata sabato 8 dicembre in piazza del Popolo a Roma. Ma non solo, saranno dibattuti i temi caldi del momento politico: la polemica sempre più veemente con il procuratore di Torino, Armando Spataro, che arriva a spaccare il Consiglio Superiore della Magistratura, e i rapporti con l’alleato Luigi Di Maio sempre più tesi e una manovra che stenta ancora a decollare.
“Accordi&Disaccordi” (5 episodi x 60’) è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Lega a Roma, i manifesti ironici contro Salvini. Giordano Bruno: “Stavolta mi do fuoco da solo”

La Lega organizza una manifestazione in piazza del Popolo e in città compaiono dei manifesti, firmati da #romanonfalastupida, contro il raduno voluto da Matteo Salvini. “Stavolta mi do fuoco da solo” dice Giordano Bruno, o “È un’altra coltellata” per Giulio Cesare.
L'articolo Lega a Roma, i manifesti ironici contro Salvini. Giordano Bruno: “Stavolta mi do fuoco da solo” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Sicurezza, padre Zanotelli lancia un appello online: “È una legge che trasuda la ‘barbarie’ leghista. È incostituzionale”

“È grave che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella abbia firmato a cuor leggero un decreto palesemente anti costituzionale. Mi auguro che intervenga almeno la Corte Costituzionale”. A tirare la giacca al Capo dello Stato non è un leader politico ma un missionario, padre Alex Zanotelli, comboniano che vive da anni nel quartiere Sanità a Napoli dopo aver passato gran parte della sua vita nella più grande baraccopoli di Nairobi, Korogocho.
Ieri ha lanciato un appello attraverso la piattaforma change.org in cui richiama la Conferenza episcopale a prendere posizione; gli istituti missionari e i parroci ad aprire le loro case ai profughi “destinati alla deportazione”; i responsabili degli Sprar e dei Cas, perché disobbediscano, trattenendo nelle strutture i migranti, e i giuristi, perché portino queste violazioni dei diritti umani alla Corte Europea di Strasburgo.
Raggiunto nella tarda serata del 4 dicembre, padre Alex (che oggi, 5 dicembre, è andato davanti a Montecitorio con u..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Veneto, l’assessore regionale Donazzan lascia Forza Italia: il partito di Berlusconi in giunta non esiste più

Dove trovate un partito che ha vinto le elezioni regionali, ma a distanza di tre anni non ha neppure un assessore? In Veneto. O un partito il cui capogruppo da due anni non ha rinnovato la tessera? Accade anche questo in Veneto dove, con la complicità dello strapotere della Lega e del governatore Luca Zaia, ciò che rimane di Forza Italia rasenta il nulla. Almeno come rappresentatività politica. L’assessore all’Istruzione e al Lavoro Elena Donazzan ha, infatti, lasciato il partito, ma è rimasta in giunta. Non ci sarà nessun valzer di poltrone per dare agli azzurri almeno un posto nella giunta diventata ormai un monocolore leghista. Donazzan resta, anche se da ex. E Zaia si può permettere di dire: “Sarebbe imbarazzante vedere Zaia che fa dibattiti tu dentro, tu fuori perché questi litigano tra di loro”. E ancora: “Ho massimo rispetto per gli alleati, ma sono uomini e donne loro. Io sono partito nel 2010 con uno slogan che loro hanno condiviso: prima il Veneto. E i veneti. Punto, io devo ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Giuseppe Conte risponde (piccato) a Boccia di Confindustria: “Il negoziato lo conduco io, ho le idee chiare”

La difesa a casa propria è sempre legittima? “A certe condizioni“. Il suggerimento provocatorio di Vincenzo Boccia? “Sono io che conduco il negoziato, ma credi di avere le idee chiare”. Il declassamento di Fitch? “Non conosce la proposta all’Europa, si ricrederà”. L’ipotesi delle dimissioni di Tria? “Non c’è nessun motivo”. La vendita dei beni del Tesoro per evitare la procedura d’infrazione? “I gioielli di famiglia ce li teniamo stretti”. Il premier Giuseppe Conte non ha i toni di Lega e M5s, ma sembra rivendicare una sua autonomia anche rispetto alle posizioni dei suoi vicepremier. In un’intervista al Fatto d’altra parte aveva sostenuto apertamente di sostenere il Global Compact sull’immigrazione e di auspicare in Parlamento un dibattito “informato” e la libertà di coscienza per i parlamentari. E ora tocca a un altro tema caro alla Lega: la legittima difesa.
Che per Salvini è sempre e comunque legittima, mentre per il presidente del Consiglio deve avere dei paletti. Lo ha sottolinea..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Spataro, Di Pietro: “Salvini va indagato per violazione segreto ufficio e mandato a casa. Ma finirà a tarallucci e vino”

“Caso Spataro-Salvini? Quello che è successo è grave. Non è uno scontro tra parti, è una volgarità che una persona può dire al bar ma non un ministro nell’esercizio delle sue funzioni. E solo per questo aspetto Salvini dovrebbe andare a casa“. Sono le parole pronunciate ai microfoni de “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus, dall’ex magistrato Antonio Di Pietro, che spiega: “Quanto accaduto ieri è un fatto non solo politico, ma anche di sgarbo istituzionale commesso addirittura da un ministro dell’Interno nei confronti di un procuratore della Repubblica. Il problema più grave è che c’era una operazione in corso con un rischio per le persone che la stavano conducendo e con l’ulteriore rischio che potesse essere compromessa” – continua – “Il ministro dell’Interno è un pubblico ufficiale, è il primo della catena che dovrebbe rispettare queste regole. Aver violato un segreto d’ufficio, mentre quest’ufficio si stava svolgendo, è un chiaro reato. In un Paese normale non si deve parlare..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Spataro-Salvini, il caso spacca il Csm: “Inusuale nota contro il ministro”. “Aprire pratica per tutelare il magistrato”

Da una parte c’è la nota dei consiglieri della corrente tradizionalmente di destra, ma che è stata guidata per anni da un magistrato ora eletto in Parlamento dal Pd. Dall’altra ci sono le toghe storicamente di sinistra. I primi considerano “inusuale” il comunicato di replica del procuratore di Torino al ministro dell’Interno, anche se quella nota non meritava poi i toni usati dal titolare del Viminale contro il magistrato. I secondi, invece, chiedono formalmente l’apertura della pratica a tutela del capo dell’ufficio inquirente piemontese. E chiamano in causa l’Anm, che subito dopo invita tutti “ad abbassare i toni“. La polemica tra Matteo Salvini e Armando Spataro arriva a spaccare il Consiglio superiore della magistratura. Ieri il capo dell’ufficio inquirente piemontense aveva redatto un comunicato per stigmatizzare il tweet con cui Salvini annunciava un’operazione contro la mafia nigeriana, in quel momento ancora in corso. Il leader della Lega aveva reagito invitando il magistrato a..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Salvini, la risposta vincente deve partire dal basso. Ad esempio dall’ospitalità

La resistenza e il contrasto al decreto Salvini, l’affermazione dei valori di accoglienza, di solidarietà o anche semplicemente di gestione intelligente dell’afflusso di questi anni non può essere affidato alla sola protesta politica, né soltanto ai ricorsi che stimolino l’autonomia della magistratura e/o della Corte Costituzionale. Non ci sono oggi le condizioni politiche e di opinione per rovesciare l’onda xenofoba e incompetente che ha portato all’approvazione del decreto col voto di fiducia. Tantomeno si può pensare di rovesciarlo con un referendum abrogativo che oltretutto confermerebbe l’insana idea di sottoporre i diritti umani delle minoranze ai sentimenti contingenti della maggioranza.
E allora che fare? Ci stanno pensando, e stanno facendo qualcosa, in tanti: almeno tutti quelli che sono costretti a pensarci e ad agire perché sono direttamente coinvolti come operatori o come migranti. Siamo già in ritardo, è il momento di discuterne in un unico ambito nazionale, perché altri..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Salvini-Spataro, Cascini (Csm): “Se un ragazzino fa il ministro assuma ruolo consono”. Poi si scusa

È stato accusato di aver definito ragazzino il ministro dell’Interno. E durante al Consiglio superiore della magistratura si è scatenato il caso. Il day after della polemica tra Matteo Salvini e Armando Spataro ha effetti persino sul tavolo di Palazzo dei Marescialli. Dove in apertura del plenum è intervenuto Giuseppe Cascini, consigliere togato di Area, la corrente di sinistra delle toghe. “Non possiamo trascinare il Paese e le sue istituzioni nel mondo dei social. Non siamo ragazzini e se un ragazzino assume un incarico istituzionale deve assumere un ruolo consono a questo ruolo”, ha detto il magistrato riferendosi al tweet con cui ieri Salvini ha dato notizia di un’indagine in corso contro la mafia nigeriana a Torino.
Le parole di Cascini hanno aperto un lungo dibattito, e il consigliere laico di Forza Italia, Alessio Lanzi, ha chiesto l’intervento formale del vicepresidente David Ermini. “Non si può parlare qui come al bar e definire ragazzino un ministro”, ha detto Lanzi. Cascini..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Sicurezza, De Luca (Pd) critica Salvini: “Propaganda schizofrenica”. E Toni Iwobi difende il segretario della Lega

Nel corso di un’audizione sul dl Sicurezza da parte del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, il deputato del Pd, Piero De Luca, ha criticato il segretario della Lega sui dati su sbarchi e rimpatri e sulla politica del Carroccio in Europa: “Il vostro gruppo ha votato contro la modifica del regolamento di Dublino”. Il deputato leghista Toni Iwobi, però, ha preso la parola e ha difeso Salvini: “È una legge giusta: tutela le persone meritevoli e bisognose e non è vero che i migranti verranno buttati in strada”.
L'articolo Dl Sicurezza, De Luca (Pd) critica Salvini: “Propaganda schizofrenica”. E Toni Iwobi difende il segretario della Lega proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Salvini, chi lo sostiene uccide Dio. A Natale chiuderò la mia chiesa per obiezione di coscienza

Il 2 dicembre 2018 è iniziato il nuovo anno liturgico (anno-C) e come ogni anno comincia con la prima domenica di Avvento, che non è preparazione al Natale ma proiezione del tempo e della storia nell’escatologia. In altri termini, il tempo di Avvento ci offre un ampio contesto dentro il quale scrutare, verificare e valutare la nostra vita e quella del mondo. Il Natale del Signore è un passaggio di questo percorso, anzi il punto di partenza, perché determina la possibilità d’instaurare una relazione verificabile con il Figlio di Dio, Gesù di Nazareth. Aver trasformato l’Avvento in preparazione al Natale è un ridimensionamento della sua portata e importanza.
Per chi dice di essere credente in questo Gesù e per l’Italia, sede della suprema autorità cattolica (il Vescovo di Roma), il 2018 è un annus horribilis, perché alla vigilia dell’Avvento il Parlamento italiano ha approvato in via definitiva il decreto legge n. 113/2018. Esso è stato diabolicamente pensato per nascondere dietro un ti..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Travaglio: “Renzi dice di chiedere scusa a Berlusconi: è un coming out. I due si amano, la pensano allo stesso modo”

“Renzi e Boschi sul caso del padre di Di Maio? E’ stato un autogol. Un conto è un’indagine sul più grande appalto d’Europa, che si cercava di alterare, una banca che è crollata con migliaia di risparmiatori fregati e un suicidio. Qualcuno se n’era dimenticato e loro sono riusciti a far ricordare quelle cose”. Sono le parole del direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, nel corso di Dimartedì (La7). E aggiunge: “C’è sempre questo refrain dei 5 Stelle, i quali, ogni volta che capita qualcosa al movimento, ripetono: ‘E allora il Pd?’. In questo caso è stato il Pd a dire: ‘E allora noi?’. Antonio Ricci sul caso del padre di Di Maio ha detto: ‘Beati i giustizialisti perché saranno giustiziati’? Questa storia è un modo per far credere alla gente che siano tutti uguali, sporchi e ladri. A me sembra una novità vedere un vicepremier che fa 4 interviste alle Iene, mentre i predecessori facevano cacciare i giornalisti a pedate o li minacciavano“.
Travaglio poi si pronuncia sugli appelli..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Salvini: ‘Premiato come politico dell’anno’. E Mentana lo sfotte: ‘Mi fai diventare euroscettico, sei la Ferragni della Lega’

Siparietto tra Matteo Salvini e il giornalista Enrico Mentana durante la presentazione del libro di Bruno Vespa. Il direttore del Tg La7 aveva chiesto al ministro dell’Interno se fosse disposto a presentarsi come leader dei sovranisti alle prossime Europee, con il segretario leghista che non aveva escluso la possibilità: “Io candidato presidente della commissione Ue? Vedremo dopo marzo. Se potessi essere utile lo farei, ma ora faccio il ministro a tempo pieno e di elezioni europee non me ne occupo e preoccupo adesso”. Per poi scherzare: “Mi hanno premiato come politico europeo dell’anno, pensa te come è messa l’Europa…”, ha ironizzato Salvini. A questo punto Mentana ha replicato: “Sei riuscito a farmi diventare euroscettico…”. Ma non solo. “Al momento sei in un momento di grazia, se sbagliassi nel mettere i calzini, diventeresti di moda, la Ferragni della Lega. Ma non hai paura che tutto finisca come è accaduto per il tuo omonimo (Renzi, ndr)?”, ha chiesto Mentana. “Sono stato a L’aria..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Migranti e Sprar, il fronte dei Comuni contro il decreto Sicurezza: “Operazione demagogica pagata da amministrazioni”

Sospendere gli effetti del Decreto sicurezza. Riconsiderare le misure sull’immigrazione, dalla stretta al sistema Sprar alla cancellazione dei permessi umanitari. Valutarne l’impatto sui territori. A chiederlo sono più di venti comuni italiani, che nelle scorse settimane hanno approvato mozioni di protesta contro il decreto voluto dal vicepremier Matteo Salvini. In prima fila ci sono grandi centri urbani come Milano, Bologna, Firenze, Palermo, Brindisi, Teramo, a cui presto potrebbero aggiungersene altri. E non si tratta solo di maggioranze di centrosinistra: dopo Torino, nelle ultime ore anche Roma ha chiesto lumi all’esecutivo gialloverde. Da nord a sud il coro di contrari è un po’ dappertutto. Modena, Bergamo, Lecco, Cerveteri, Senigallia, Lucca, Parma, fino a un’ondata di paesi pugliesi, con l’obiettivo unitario di chiedere al ministro dell’Interno e al governo di riconsiderare i contenuti del decreto, la cui conversione in legge, nel frattempo, è stato firmata dal presidente Matta..

Continua a leggere...