Posted in PHM

Manovra, in serata il vertice per chiudere Salvini: “Nessuna nuova tassa sull’auto” Di Maio: ‘Mi fido degli alleati di governo’

Un vertice per ricomporre le tensioni che agitano la maggioranza e trovare la quadra della manovra. Sarà “per affrontare alcuni temi dirimenti” come spiegavano ieri sera fonti del governo, che questa sera Giuseppe Conte, Luigi Di Maio e Matteo Salvini si troveranno a Palazzo Chigi con il ministro dell’Economia Giovanni Tria, i sottosegretari Garavaglia e Castelli e il titolare dei rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro. Un summit allargato in cui si toccherà la carne viva della legge di bilancio, necessario dopo gli scontri consumati nelle ultime ore tra le due anime dell’esecutivo sull’ecotassa, preceduto dall’ultima stoccata proveniente dal fronte leghista: “Il reddito di cittadinanza non c’è – ha detto il sottosegretario leghista Armando Siri a La Stampa – impossibile partire ad aprile”.
La corsa contro il tempo è iniziata. Mancano 16 giorni all’esercizio provvisorio e l’esame in commissione a Palazzo Madama non è ancora iniziato. Il testo è bloccato dalla guerra di nervi che..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Conte: “Italia non ha cappello in mano. Il 2,4 non era un totem. Forse il maxiemendamento salta la commissione”

Trattativa con l’Europa e, sul fronte interno, misure rese note alla spicciolata. Prosegue in due direzioni il percorso di avvicinamento della legge di Bilancio al voto in Aula, previsto per martedì. Nel frattempo la commissione Bilancio del Senato continua a rinviare l’inizio dei lavori in attesa che si chiuda la trattativa a Bruxelles tra il premier Giuseppe Conte e la Commissione Ue che ha come obiettivo quello di scongiurare l’apertura di una procedura di infrazione nei confronti del governo di Roma.
Conte: “Italia non ha il cappello in mano” – “Vorremmo chiudere la negoziazione quanto prima”, ha detto Conte al termine del Consiglio Ue. “L’Italia non è con il cappello in mano, ha elaborato una manovra ben costruita, ben meditata e anche quest’ultimo passaggio non è frutto di un ripensamento dell’ultima ora”, ha aggiunto riguardo al taglio del rapporto deficit/pil dal 2,4 al 2,04 per cento. “Non abbiamo mai pensato il 2,4% come indice contabile di sfida a qualcuno, all’Ue, o come u..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Furlan (Cisl): “Da governo cambio di passo significativo. Molta attenzione alle nostre proposte”

“E’ stato un incontro molto approfondito e il premier ha ascoltato la piattaforma che abbiamo illustrato e che abbiamo discusso in questi mesi. C’è stata molta attenzione per le nostre proposte. Il presidente ha assunto l’impegno di avere in futuro un’interlocuzione più frequente con le organizzazioni sindacali. Un cambio di passo importante, significativo”: così il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi sulla manovra con il premier, Giuseppe Conte.
L'articolo Manovra, Furlan (Cisl): “Da governo cambio di passo significativo. Molta attenzione alle nostre proposte” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Di Maio: “Incontro Salvini-imprese? I fatti si fanno al mio ministero”. Il leader della Lega: “Un referendum sul Tav? Perché no”

Il botta e risposta tra i due vicepremier che nasce dall’incontro di ieri, domenica, tra Matteo Salvini e i rappresentanti delle imprese, si arricchisce di una prima presa di posizione, con il ministro dell’Interno e leader della Lega che mette sul piatto la possibilità di un “referendum” sul Tav. “Perché no?”, risponde Salvini a chi gli chiede se una consultazione possa essere la strada da seguire nel caso in cui “dall’analisi costi benefici sulla’Alta velocità non dovessero arrivare una risposta chiara”.”L’importante è avere dei sì o dei no. Io tifo sì. Se i tecnici ci dicessero no o forse, si possono ascoltare i cittadini”, precisa poi il vicepremier del Carroccio, parlando a margine dell’incontro con i presidenti territoriali di Confindustria Lombardia, nella sede di Assolombarda a Milano.
L’incontro di domenica di Salvini con le associazioni dei datori di lavoro era stato definito “concreto e proficuo”, un momento di disgelo con l’esecutivo, dopo frecciatine reciproche andate ava..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Amnesty: “Da governo gestione repressiva delle migrazioni”. Il 2018? L’anno dei movimenti di massa per i diritti delle donne

“Gestione repressiva del fenomeno migratorio”, “erosione dei diritti umani dei richiedenti asilo”, “retorica xenofoba nella politica”, “sgomberi forzati senza alternative”. Sono alcuni dei passaggi dedicati all’Italia nel rapporto “La situazione dei diritti umani nel mondo. Il 2018 e le prospettive per il 2019”, pubblicato da Amnesty International in occasione del 70esimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani.
Il governo Conte, sostiene la ong, “si è subito distinto per una gestione repressiva del fenomeno migratorio”, in cui “le autorità hanno ostacolato e continuano a ostacolare lo sbarco in Italia di centinaia di persone salvate in mare, infliggendo loro ulteriori sofferenze e minando il funzionamento complessivo del sistema di ricerca e salvataggio marittimo”. Parlando del Dl sicurezza, Amnesty afferma che contiene misure che “erodono gravemente i diritti umani di richiedenti asilo e migranti e avranno l’effetto di fare aumentare il numero di persone in sta..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Salvini: “Il contratto di governo? Si può rivedere. Magari va ritarato tra 2 anni”

“Il contratto di governo si può rivedere”. Le basi dell’accordo tra Lega e M5s non sono un moloch intoccabile, almeno per Matteo Salvini. “Magari quello che abbiamo stabilito a maggio, a settembre del 2020 va ritarato”, dice il vicepremier durante un forum dell’Ansa. Una novità assoluta da quando il Carroccio è a Palazzo Chigi in compagnia dei Cinque Stelle. Perché finora era sempre stato richiamato come “carta canta” sui temi più delicati e nessuno aveva mai parlato della possibilità di rimettere mano a quelle pagine attorno alle quali si è condensato il programma da portare avanti nei cinque anni di governo. E che ha già creato diverse frizioni, dai termovalorizzatori al Global Compact. Invece ora il leader leghista apre a maquillage e revisioni degli obiettivi della maggioranza giallo-verde, qualora se ne manifestasse l’occasione.
“Alle politiche con Fi? Chi vivrà, vedrà”
Forza Italia, chiarisce Salvini, resta lì: “L’opposizione fa l’opposizione, non mi formalizzo”, ha spiegato sot..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Global Compact, Salvini: “Conte non andrà a Marrakech”. E sulle europee: “Alleanza con Ppe? Non escludo nulla”

Conte “non andrà assolutamente a Marrakech. La nostra posizione è la più democratica: prima si deve esprimere il Parlamento e poi il Governo ne tirerà le conseguenze. Tutti quelli che hanno un percorso di protezione umanitaria andranno in esaurimento fino alla fine del loro percorso. D’ora in poi garantiremo piena assistenza ai rifugiati veri e taglieremo gli sprechi per chi rifugiato non è”. Lo ha detto il vicepremier Matteo Salvini in uscita da un evento del portale Politico. E sulla proposta della cancelliera Angela Merkel di creare un esercito europeo dice: “Se si tratta di proteggere la sicurezza sono contento, ma ho sentito tante parole e pochi fatti”. E su Orban e il Ppe, continua: “Nessun accordo sarà fatto con la sinistra, non escludo nulla”.
L'articolo Global Compact, Salvini: “Conte non andrà a Marrakech”. E sulle europee: “Alleanza con Ppe? Non escludo nulla” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Conte: “Deficit sotto al 2%? Non sto lavorando per questo”. Poi legge una poesia, ma non replica a Boccia

“Manovra? Confido in una soluzione condivisa con l’Ue che ci possa evitare la procedura d’infrazione. Deficit/Pil sotto al 2%? Non sto lavorando a questo obiettivo”. Così il premier Giuseppe Conte, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi, per la giornata mondiale della disabilità. Dopo aver replicato a tre domande dei cronisti, Conte ha poi improvvisato una poesia sul tema della disabilità, ma non ha voluto replicare alle parole del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia (“Conte convinca i suoi vicepremier a tagliare 4 miliardi o si dimetta“), dette in contemporanea alla conferenza indetta a Palazzo Chigi, lasciando la sala. L'articolo Manovra, Conte: “Deficit sotto al 2%? Non sto lavorando per questo”. Poi legge una poesia, ma non replica a Boccia proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Conte: “Non stiamo lavorando alla riduzione del deficit sotto al 2%”

Il governo ridurrà il deficit sotto al 2%? “Non sto lavorando a questo obiettivo, mettiamola in questi termini”. Lo ha detto Giuseppe Conte, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con alcune associazioni in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità. La domanda rivolta dai giornalisti al presidente del Consiglio nasce da quanto scritto oggi da La Repubblica e La Stampa, secondo cui il ministro dell’Economia Giovanni Tria dal G20 di Buenos Aires ha confermato che la trattativa con Bruxelles si concentra su una riduzione del deficit/pil dal 2,4 all’1,9-2%. E il mandato a negoziare sarebbe stato attribuito ufficialmente dai vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini al premier.
Video di Alberto Sofia
Il governo, ha spiegato il presidente del Consiglio, è “in pieno periodo di approvazione del ddl di bilancio”: “Stiamo valutando tutti gli emendamenti, lavoro a tempo pieno concedendomi poche pause, ben giustificate, come quella di oggi”, ma “nel giro di qualche ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Leonardo, Fincantieri e gli interessi in Egitto: parteciperanno all’esposizione sulle armi patrocinata da Al-Sisi al Cairo

Su oltre 350 aziende legate al settore degli armamenti a livello mondiale, saranno dieci quelle italiane che parteciperanno all’esposizione internazionale della Difesa (Egypt Defence Expo) che si terrà dal 3 al 5 dicembre a Il Cairo, in Egitto. Tra queste, ci saranno anche due aziende che hanno lo Stato Italiano come principale azionista, Leonardo e Fincantieri, che così potranno promuovere i loro ultimi prodotti alla clientela internazionale in un evento patrocinato dal presidente egiziano, ʿAbd al-Fattāḥ al-Sisi, e dalle forze armate, dal ministero della Difesa e dal ministero per la Produzione Militare dell’Egitto. Non è ancora chiaro, da quanto riferiscono i rappresentanti del governo, se e quale membro dell’esecutivo a guida Lega-M5s farà parte della delegazione di imprenditori che si recheranno nella capitale egiziana per strappare nuove commesse e accordi commerciali. Fatto sta, però, che mentre il presidente della Camera ed esponente del Movimento 5 Stelle, Roberto Fico, decide..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Moscovici: “Con l’Italia la porta è aperta al dialogo, ma servono i fatti”

Pierre Moscovici tiene aperta la porta al dialogo con Roma sulla manovra messa a punto dal governo M5s-Lega. Il deficit previsto “è contrario alle regole concordate nella Ue”, ha ribadito il Commissario europeo per gli Affari economici a Buenos Aires, dov’è arrivato per il G20. Ma “la porta è aperta al dialogo“, ha proseguito, e “questa non è una frase formale, vista la cena, a cui ho partecipato, fra Jean-Claude Juncker e il presidente del consiglio Giuseppe Conte, e l’incontro di ieri con il ministro delle Finanze, Giovanni Tria“. Ma “c’è la necessità di una riduzione di deficit e debito, anche perché non crediamo che questo possa portare ad un aumento dell’occupazione” in Italia.
“La palla è all’Italia, abbiamo bisogno di vedere una riduzione del deficit concepita in modo credibile. Non voglio fare numeri, quello che le regole chiedono è noto”, ha proseguito Moscovici, rispondendo ad una domanda sul rischio di una procedura di infrazione. “Sono ottimista“, vedo “segnali che mi fann..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Sondaggi, gradimento del Governo Conte al 56%, ma per il 51% la manovra è da modificare. Lega al 32 e M5s al 28

A sei mesi dall’insediamento, il Governo Conte piace al 56% degli italiani. A registrare il dato un’indagine dell’Istituto Demopolis che però evidenzia oltre un terzo di cittadini scontenti. Il 9%, invece, alla domanda ha risposto “non so”.

Il trend generale, in questi primi 180 giorni di esecutivo gialloverde è rimasto sempre positivo. Secondo i sondaggi dell’Istituto di ricerca, infatti, gli orientamenti favorevoli dell’opinione pubblica si sono mantenuti stabili, dal 61% di giugno, al 60 di ottobre, fino al 56% dell’ultima rilevazione. Un calo percentuale di quattro punti, registrato nell’ultimo mese, e dovuto in parte, secondo Demopolis, al clima di preoccupazione scaturito dal dibattito sulla manovra economica. “Gli italiani – ha spiegato il direttore dell’Istituto, Pietro Vento – mantengono un’opinione complessivamente positiva , pur manifestando alcune perplessità sulla legge di Bilancio, che in questi giorni avvia il suo iter parlamentare”.
E proprio sul tema legge di Bilanc..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Regeni, Fico: “Camera compatta su stop a rapporti con Egitto. Conte ha frenato? No, lo sentirò”

“Se il governo Conte ha frenato dopo mio stop ai rapporti diplomatici con il Parlamento dell’Egitto per i mancati sviluppi sul caso Regeni? No, sentirò Conte. E la Camera è stata compatta”. Così il presidente della Camera Roberto Fico, a margine di un convegno sui beni comuni. “Io isolato? In realtà, ieri è successa una cosa molto positiva, durante la conferenza dei Capigruppo dove erano presenti tutti i gruppi politici la mia decisione di sospendere qualsiasi rapporto diplomatico con Il Cairo e con l’Egitto, col Parlamento egiziano, è stato approvato da tutti all’unanimità con una presa di posizione molto forte dalla Lega, da Forza Italia, addirittura dal gruppo Misto, dal Pd e dal Movimento”, ha aggiunto. E sulla possibilità di richiamare un’altra volta l’ambasciatore al Cairo, ha precisato: “Vedremo, sarà una decisione del governo e della Farnesina. Intanto la Camera non farà alcun protocollo d’intesa con il Parlamento egiziano dato che non ci sono state svolte su Regeni”
L'ar..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Violenza donne, cosa prevede il “codice rosso” approvato dal governo. “Corsia preferenziale per indagini più rapide”

Una corsia preferenziale per le denunce e indagini più rapide sui casi di violenza sulle donne. Il “codice rosso“, il disegno di legge che porta le firme del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e di quello della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno, ha ricevuto il via libera dal Consiglio dei ministri. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e gli altri membri del governo durante la riunione hanno indossato un nastrino rosso, simbolo di vicinanza alle vittime. Il colore scelto rimanda al grado di massima urgenza previsto nel triage dei pronto soccorso. “Dal Governo è stato dato un segnale concreto contro la violenza di genere” commenta il capo del governo. Conte ha spiegato che sono stanziati 33 milioni per il 2019 destinati a un fondo di emergenza, somma che sarà coordinata dal sottosegretario alle Pari Opportunità Vincenzo Spadafora. “Con questo disegno di legge – aggiunge la ministra Bongiorno – qualcuno si accorgerà che le donne non possono essere massacrate in attesa..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, vertice a Palazzo Chigi: ‘Reddito e pensioni, platea non si tocca. Ma pronti emendamenti per tentare intesa con l’Ue’

Il vertice serale tenuto a Palazzo Chigi lo conferma: il governo si è messo al lavoro per trovare un’intesa con Bruxelles sulla manovra. “Durante l’incontro di questa sera, il presidente Conte ha riferito dell’esito dell’incontro di Bruxelles con i vertici della Commissione europea”, fanno sapere fonti dell’esecutivo, in riferimento alla cena tenuta sabato sera dal presidente del Consiglio con il presidente dell’esecutivo comunitario Jean-Claude Juncker e i commissari economici Pierre Moscovici e Valdis Dombrovskis. .
In una nota diramata al termine del vertice Conte, Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno ribadito quanto detto più volte nelle ultime ore: “Non è una questione di decimali, obiettivo del governo è rilanciare la crescita e lo sviluppo. Confermati gli obiettivi già fissati, in particolare sulle pensioni, sul reddito di cittadinanza e sulla tutela del risparmio“. Anzi, durante il vertice è stata ribadita l’intenzione di non modificare la platea dei beneficiari e reddito e pe..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, trattativa a cena tra Italia e Ue. Juncker chiede 0.4% di deficit in meno Conte gli offre 4 miliardi per la crescita

“Non siamo in guerra“. Anzi, “ti amo, Italia”, pronunciato in italiano in favore di microfoni e taccuini. Jean-Claude Juncker ribadisce il concetto arrivando al Consiglio Ue straordinario sulla Brexit. Ieri sera il presidente della Commissione, accompagnato dai commissari economici Pierre Moscovici e Valdis Dombrovskis, ha incontrato a cena il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia Giovanni Tria per intavolare la trattativa destinata nelle intenzioni di tutti a evitare la procedura d’infrazione contro l’Italia. L’incontro non era risolutivo per ammissione dello stesso Conte. E’ un tentativo di dialogo. Ed è già qualcosa, ma la strada rimane lunga.
L’avvocato di Volturara Appula, riporta il Corriere della Sera, ha dato al presidente della Commissione Ue la disponibilità a “rimodulare” alcune misure della manovra che non rispetta i parametri concordati con Bruxelles. A cena, tra una tartare di orata e una di vitello, Conte da esperto avvocato ha provato a “..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Conte: “Ieri a Juncker ho mostrato la nostra rivoluzione. Clima sereno e dialogo aperto”

“Oggi si parla di Brexit, ma avrò sicuramente qualche scambio. Con chi? Io parlo con tutti. Ieri c’è stato un clima molto sereno, di confronto e c’è un dialogo aperto. Abbiamo parlato di quello che stiamo facendo: in cinque mesi stiamo rivoluzionando il paese e continueremo a farlo. Non abbiamo parlato di saldi finali, ma delle verifiche che stiamo facendo con le relazioni tecniche e i tecnici, e abbiamo detto quali sono le nostre riforme e il nostro piano”. Così il premier Giuseppe Conte, entrando al Vertice straordinario sulla Brexit, mostrando ai giornalisti il dossier che ha portato ieri al presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker dove c’è una ricognizione delle riforme fatte, in via di approvazione e future.
L'articolo Manovra, Conte: “Ieri a Juncker ho mostrato la nostra rivoluzione. Clima sereno e dialogo aperto” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, la stretta di mano tra Conte e Juncker: “Non litighiamo, we are friends”

“Non litighiamo, we are friends”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte durante la stretta di mano ufficiale con il Presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, arrivato al palazzo Berlaymont di Bruxelles. Conte, insieme al ministro all’economia, Giovanni Tria, a una cena con Juncker e i commissari Ue Pierre Moscovici e Valdis Dombrovskis per parlare della legge di bilancio. Domani, Conte parteciperà al vertice straordinario sulla Brexit.
L'articolo Manovra, la stretta di mano tra Conte e Juncker: “Non litighiamo, we are friends” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Conte: “Incontro non risolutivo. Confido che il dialogo porti a evitare procedura di infrazione”

“Non si è discusso di saldi finali, ma si è discusso semplicemente in clima di rispetto reciproco. Da parte dell’Italia c’è pieno rispetto delle istituzioni comunitarie e da parte loro c’è pieno rispetto delle istituzioni italiane. Questo incontro non è stato risolutivo, ha ribadito, nel rispetto reciproco, l’apertura di questo dialogo, dobbiamo mantenere il dialogo aperto e continuare a dialogare nell’interesse reciproco. Il passo in avanti è stato nel fatto che io avevo auspicato in un dialogo costruttivo con la Commissione e direi che il clima mi ha rasserenato sul fatto che si sta proseguendo in questa direzione. I tempi (della procedura di frazione, ndr) erano sullo sfondo, ci siamo solo detti che è bene affrontare la questione in modo disteso così da poter coltivare questo dialogo. Confido che il dialogo possa portare a evitare la procedura”. Così il premier Giuseppe Conte dopo la cena con il Presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker.
L'articolo Manovra, Con..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Legge di Bilancio, l’Italia e l’Ue trattano. Juncker: “Avviciniamo posizioni”. Conte: “Abbassiamo i toni, ma nessuna rinuncia”

Il confronto sulla manovra italiana bocciata inizia con una cena. Seduti al tavolo da un lato il presidente Jean-Claude Juncker e i suoi responsabili economici Pierre Moscovici e Valdis Dombrovskis e dall’altro il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’economia Giovanni Tria. Il faccia a faccia, tra una tartare di orata e una noce di vitello con funghi porcini, è durato due ore. Nel corso delle quali, ha spiegato il presidente del Consiglio al termine del vertice, “non si è discusso di saldi finali” assicurando che “ovviamente non ho posto alcuna rinuncia alle riforme qualificanti”, ovvero legge Fornero e reddito di cittadinanza. RKS7YxKC[/jwplyer]
Incontro interlocutorio, ma “passi avanti”
Nulla di risolutivo, come ammette lo stesso premier: “Il passo avanti sta nell’aver ribadito l’apertura di un dialogo”. Si è trattato del primo approccio dopo il secondo altolà dell’Europa alle ricette economiche del governo Lega-M5s e l’annuncio della apertura della procedura d’infrazione per d..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Legge di Bilancio, incontro Conte-Juncker in corso. Il premier: “Non litighiamo, we are friends”. Salvini: “Chiedo rispetto”

Il confronto sulla manovra italiana bocciata inizia a cena. Seduti al tavolo da un lato il presidente Jean-Claude Juncker e i suoi responsabili economici Pierre Moscovici e Valdis Dombrovskis e dall’altro il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’economia Giovanni Tria. Si tratta del primo faccia a faccia dopo il secondo altolà dell’Europa alle ricette economiche del governo Lega-M5s e potrebbe essere l’ultimo prima dell’avvio della procedura d’infrazione per debito eccessivo, annunciato da Bruxelles in settimana.
A meno che le parti al tavolo non trovino una strada da percorrere insieme, che non scontenti nessuno e che faccia rientrare i conti pubblici italiani in binari giudicati più rassicuranti dai vertici europei per quanto riguarda i numeri del deficit e del debito. Il dialogo – secondo l’Ansa – verte tutto attorno ai tempi con cui l’Italia attuerebbe le misure qualificanti (reddito di cittadinanza e legge Fornero) chiedendo alla Ue tempo e riservatezza prima di rendere pubbl..

Continua a leggere...
Posted in PHM

“Non so perché i giornali scrivino…”, Conte alle prese con la ‘congiuntivite’. E lo strafalcione fa il giro dei social

Uno scivolone grammaticale degno del vicepremier Luigi Di Maio. A cadere nella trappola del congiuntivo questa volta è il premier Giuseppe Conte che si lascia scappare un: “Non so perché i giornalisti scrivino…”. L’errore non è passato inosservato e ha fatto il giro dei social network. A rincarare la dose il deputato dem Michele Anzaldi, che commenta con sarcasmo le dichiarazioni del premier: “Dopo 24 ore di annunci, tg della sera, titoli sui giornali, oggi costringono il premier Conte a rimangiarsi tutto e fare marcia indietro. Ecco il professore talmente contrariato da sbagliare congiuntivo come il suo vice Di Maio. Dura dover fingere di essere presidente del Consiglio”.
L'articolo “Non so perché i giornali scrivino…”, Conte alle prese con la ‘congiuntivite’. E lo strafalcione fa il giro dei social proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Sondaggi, la Lega perde voti e il M5s li guadagna. Leader, cresce il consenso di Conte ma primo resta Matteo Salvini

Per la prima volta dalle elezioni del 4 marzo scorso la Lega di Matteo Salvini perde consensi: secondo un sondaggio condotto dall’Osservatorio Lorien il 23 novembre, infatti, il Carroccio si attesta al 30%, in calo di qualche punto percentuale rispetto al 30,7% di ottobre. Punti che vanno a favore del Movimento 5 Stelle, che sale così al 28,3% e mantiene stabile il saldo di governo. Recupera terreno anche il Partito Democratico, attestandosi al 16,8% dei consensi. In lieve calo invece, la coalizione di Centrodestra, che si ferma al 45,2% con Forza Italia all’11,2%. Dati in netto contrasto con quanto rilevato invece dall’ultimo sondaggio di Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera, che vede la Lega crescere ancora con il 36,2% di potenziali voti, raddoppiando quasi il risultato ottenuto alle urne, mentre il M5s si fermerebbe al 27,7%. Concordano invece le previsioni sui risultati del Pd.
L’indagine condotta da Lorien registra un calo anche nell’indice di gradimento personale del m..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, lo show di Brunetta in Aula contro Conte: “Azzeccagarbugli. Sorrida pure, Crozza avrà un’imitazione in più”

“Mi aspettavo da lei parole di verità, ho ascoltato invece un incomprensibile lessico burocratese da azzeccagarbugli fatto per non far capire nulla a nessuno”. Inizia così l’intervento Renato Brunetta, durante l’informativa del presidente Giuseppe Conte a Montecitorio, dopo la bocciatura della manovra da parte della Commissione europea. “Ieri l’Europa non ha bocciato la manovra del suo governo, ha bocciato l’Italia e quando ho sto dalla parte dell’Italia e quando ho visto bocciare la manovra io ho sofferto – afferma Brunetta – lei con il suo lessico da burocratese ha offeso gli italiani che ora hanno paura”.
Il Presidente Conte durante l’intervento dell’ex capogruppo di Forza Italia, parla con Paolo Savona e con Luigi Di Maio. Brunetta bolla il governo come “arroganti ed insipienti, una maggioranza che non ha vinto le elezioni, vinte dal centrodestra e perse dal M5S, Conte non eletto da nessuno e senza alcuna legittimità popolare”, che ha realizzato “una manovra fatta non per la cresc..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, la critica di Padoan al discorso di Conte: “Non ha parlato della procedura di infrazione. Risparmi in pericolo”

“Il governo sta impoverendo il Paese e rappresenta un pericolo per il Paese: questo lo dice la Commissione, perché ha invertito il processo di difesa dei risparmi che infatti sono oggi in pericolo”. Lo ha detto l’ex ministro, Piercarlo Padoan, intervevendo alla Camera dopo il discorso del premier Giuseppe Conte. “La responsabilità del fatto che il Paese è in queste condizioni è pienamente nelle vostre mani. Questa è una manovra restrittiva, altro che espansiva”, aggiunge. “Abbiamo chiesto di riferire su un fatto di cui lei non ha nemmeno parlato. Ovvero la messa in infrazione per debito”.
L'articolo Manovra, la critica di Padoan al discorso di Conte: “Non ha parlato della procedura di infrazione. Risparmi in pericolo” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Conte: “Ribadiremo e puntualizzeremo effetti della manovra sulla crescita”

“Posso anticipare linee di indirizzo a base della risposta. Ribadiremo e puntualizzeremo effetti della manovra sulla crescita. Spiegheremo che non abbiamo accolto le loro raccomandazioni in materia di aggiustamento strutturale perché non compatibili con il nostro disegno di politica economica orientato alla crescita e all’austerità. Confidiamo che le argomentazioni che forniremo saranno oggetto di attenta valutazione. Se l’Ecofin aderirà alla raccomandazione della commissione chiederemo tempi distesi per consentire alla manovra di produrre i suoi effetti sulla crescita”. Così il Premier Giuseppe Conte in aula a Montecitorio.
L'articolo Manovra, Conte: “Ribadiremo e puntualizzeremo effetti della manovra sulla crescita” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Boccia (Pd): “Ue? Decisione sbagliata, abbia rispetto per il Parlamento italiano. Difendo il governo Conte”

“La bocciatura della manovra da parte della Ue? È sbagliata nel metodo e nel merito. Vi sorprenderò: sono dalla parte dell’Italia e sono disposto a difendere Conte e il governo Conte“. Così, ai microfoni di “Ho scelto Cusano” (Radio Cusano Campus), il deputato Pd, Francesco Boccia, si esprime sullo stroncamento della manovra italiana da parte della Commissione europea. E spiega: “Questa decisione è errata nel metodo, perché sarebbe stato più opportuno aspettare almeno il primo passaggio in uno dei due rami del Parlamento italiano. Sarebbe opportuno avere rispetto per il Parlamento. A me non piace questa manovra nelle modalità di costruzione dei processi di spesa, ma non si può far partire una procedura d’infrazione sul debito senza che il Parlamento si sia ancora espresso, perché il Parlamento può ancora cambiarla e migliorarla. E’ segno di un pregiudizio di una commissione Ue fallimentare. Io da giorni chiedo a Conte e ai leader di questa maggioranza di fare un patto politico anti-spr..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Anticorruzione, Conte dopo il ko assicura: “Correggiamo al Senato”. Accordo M5s-Lega su norma trasparenza partiti

L’emendamento salva ladri approvato alla Camera – facendo andare sotto il governo – sarà corretto al Senato. “Ma la notizia è che la riforma verrà approvata alla Camera in terza lettura per la fine di dicembre”. Ad annunciare che il governo ha trovato un accordo sul ddl Anticorruzione è il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, alla fine del vertice a Montecitorio con Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Una situazione di confusione all’interno della maggioranza che si è proiettata anche sui lavori parlamentari. I lavori sono stati rinviati in un primo momento alle 13 su richiesta dei Cinquestelle. Di fronte altri 43 voti segreti su circa 300 emendamenti ancora da votare sul provvedimento. Di Maio ha dovuto chiedere al capo del governo e al leader della Lega di essere in Aula per “vigilare” che incidenti come quello di ieri non capitino ancora. Non ci sono solo loro: c’è anche il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e l’esecutivo è quasi al completo a Montecitorio. Una notizia positi..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Governo, sito non aggiornato da luglio: impossibile sapere quanti sono i decreti attuativi adottati. “Serve trasparenza”

A che punto sono le approvazioni dei decreti attuativi? Dall’estate è impossibile saperlo. Perché la tradizionale fonte di informazione sull’implementazione di questi decreti, ossia il sito dell’Ufficio per il programma di governo (Upg) della Presidenza del Consiglio dei ministri non viene aggiornato dall’8 luglio scorso. Già immediatamente dopo l’insediamento del governo Conte, a giugno, il portale era andato offline ma, dopo l’appello di Openpolis era tornato consultabile. Tant’è che l’osservatorio civico aveva potuto elaborare una prima valutazione dell’eredità, in fatto di decreti attuativi da approvare, lasciata in eredità a Lega-M5s dagli esecutivi che l’hanno preceduto. Per l’esattezza 641, 251 risalenti al governo Renzi e 390 a quello guidato da Gentiloni. Un mese dopo, di nuovo il blocco totale.
IL BLOCCO DEL SITO
La fine dell’anno si avvicina e, ancora una volta, è l’osservatorio a segnalare un ritardo che, spiega Openpolis, nega ai cittadini “la possibilità di monitorare qu..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Caserta, conferenza stampa in prefettura dopo la firma del protoccollo contro i roghi nella Terra dei fuochi

E’ stato firmato nella riunione di governo a Caserta il Protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi. Il governo mette in campo un “piano di azione contro i roghi nella Terra dei Fuochi” ciò dimostra la “particolare sensibilità e determinazione del governo nel contrastare il fenomeno delle discariche abusive e degli incendi dolosi. Abbiamo un obiettivo ben preciso tutelare la salute delle popolazione della Terra dei Fuochi”. Ha detto il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Caserta. “Oggi – ha continuato Luigi Di Maio – per noi è un giorno importante, inizia un percorso interministeriale, la Regione Campania per fermare il fenomeno della Terra dei Fuochi e presidiare gli obiettivi sensibili della criminalità organizzata”. L'articolo Caserta, conferenza stampa in prefettura dopo la firma del protoccollo contro i roghi nella Terra dei fuochi proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Tito Boeri (Inps): “Quota 100? Con tutti gli scenari cresce la spesa”. Di Maio: “Eviterei allarmismi inutili”

Lo aveva già detto: i conti del governo sulle pensioni non tornano. Ora Tito Boeri, presidente dell’Inps da quattro anni, intervistato dal Corriere della Sera ribadisce un altro punto di scontro con l’esecutivo: la fiducia. “Se il presidente del Consiglio mi convocasse e mi dicesse che non c’è più fiducia in me, non aspetterei un minuto di più. Lascerei. Ma non posso farlo per un tweet. E trovo pericolosa per la nostra democrazia la delegittimazione sistematica di organi indipendenti, autorità di controllo, regolatori o pareri tecnici“.
Già quattro mesi fa il numero uno dell’Istituto nazionale della previdenza sociale aveva inviato lo stesso messaggio. Ma non c’era in programma alla commissione Lavoro della Camera la discussione sull’ordinamento e la struttura organizzativa di Inps e Inail. “Quello che il governo deciderà, noi ci metteremo pancia a terra a realizzarlo. Come sempre. Ma spetta all’Inps segnalare per tempo potenziali violazioni del patto intergenerazionale di cui è garan..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Salvini: “Se l’Ue mette sanzioni ha capito male, noi non usciamo dall’euro. Le stime del Fmi? Sono bufale”

“A Bruxelles continuano a mandare le letterine…. Se proveranno a mettere sanzioni contro il popolo italiano, hanno capito male. Noi vogliamo difendere il diritto a sicurezza, lavoro e salute degli italiani e non usciamo dall’Euro”. All’indomani dell’invio della lettera di risposta ai rilievi della Commissione europea sugli obiettivi di deficit/Pil e riduzione del debito, Matteo Salvini ribadisce la linea politica del governo e, intervenendo a Radio Anch’io su Radio Rai 1, ha parlato a tutto tondo delle questioni sul tavolo della maggioranza. “Le stime del Fondo monetario internazionale? Sono bufale. C’è qualcuno che da quando questo governo è nato dice che le cose vanno male prima che agiamo, perché diamo fastidio a qualcuno. Non usciamo dall’Eurozona, ma rispettiamo i diritti degli italiani”. “Grazie a questa manovra ci saranno 300 mila posti di lavoro in più, 300mila giovani che prenderanno il posto di gente più grande”, ha aggiunto Salvini. Contro il governo “mancano solo i caschi b..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Libia, a Palermo mini-vertice tra Conte, Al Sarraj e Haftar. Oggi la riunione plenaria, ma il generale di Bengasi non partecipa

Non prenderà parte alla plenaria, ma a un mini vertice a latere con la controparte di Tripoli e gli altri leader del Paese. Arrivato nella serata di ieri a Palermo, Khalifa Haftar monopolizza l’attenzione anche nel secondo giorno della conferenza internazionale sulla Libia organizzata a Palermo. Il capo dell’Esercito nazionale libico, che fa capo al parlamento di Tobruk nell’est del Paese, partecipa a una riunione cui prendono parte il premier Giuseppe Conte e il capo del governo di Tripoli Fayez Al Sarraj.
All’incontro partecipano anche il premier russo Dmitri Medvedev, il presidente dell’Egitto Al Sisi, il presidente della Tunisia Essebsi, il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk, il ministro degli Esteri francese Le Drian, il premier algerino Ouyahia e l’inviato Onu Salamè. Secondo il programma, alle 11 si aprirà la sessione plenaria che dovrebbe concludersi dopo due ore. Al termine del summit, è prevista una conferenza stampa di Conte.
“Il maresciallo Haftar è arrivato in Itali..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, “vertice a Palazzo Chigi”, “No, non c’è”. Conte vede i vicepremier in riunioni separate: “Solo fraintendimenti”

C’è un vertice ristretto sulla manovra a Palazzo Chigi in vista della scadenza dei termini per la risposta da inviare a Bruxelles. No, non c’è nessun vertice di governo e di sicuro non c’è il ministro Tria, che la lettera la scriverà. Ma sì che c’è l’incontro: c’è Conte riunito con i vicepremier e poi Giorgetti, Castelli, Siri. Macché, il vertice è informale: ci sono Conte con un vicepremier, uno solo, Salvini. E’ la sintesi delle notizie uscite nel corso della mattinata da Palazzo Chigi. E la versione è cambiata nel corso di diverse ore a seconda che la fonte fosse del M5s o della Lega. Resta da capire se si è trattato solo di un “fraintendimento” come dice il portavoce del presidente del Consiglio Rocco Casalino, se come dice l’opposizione di Forza Italia con Annamaria Bernini le due forze politiche di governo si comportano da “separati in casa” o se non si sono accavallate varie riunioni, come spiega il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro: “Abbiamo fatto vari..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Asi, M5s di traverso e la Lega deve rivedere i piani per lo spazio: il generale Preziosa si allontana dalla presidenza

Martedì presidente in pectore, sabato fuori dai giochi. Il processo di avvicinamento del generale Pasquale Preziosa alla presidenza dell’Agenzia spaziale italiana si è fermato a un passo dal traguardo. Secondo quanto risulta a ilfattoquotidiano.it, le ambizioni dell’ex capo di stato maggiore dell’Aeronautica militare di prendere il posto del silurato Roberto Battiston sono la prima vera vittima delle tensioni interne al governo sulla questione della politica spaziale. Il motivo? Il Movimento 5 Stelle si è messo di traverso. Una posizione nata non solo per questioni di metodo. Se subito dopo la notizia della cacciata di Battiston i grillini avevano puntato sulla non condivisione della scelta per criticare la decisione del Miur a trazione leghista, con il passare delle ore è stato proprio il nome di Preziosa ad alimentare non pochi malumori all’interno del M5s governativo. La linea ufficiale: accusare Bussetti e Giorgetti di aver militarizzato lo spazio, creando un asse tra Preziosa capo..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Libia, alla conferenza di Palermo “attesi i 4 leader del Paese”. Potenze e partner occidentali inviano le seconde linee

Sono attesi i massimi esponenti del frastagliato universo locale e i leader dei Paesi di Africa e Mediterraneo interessati al dossier. Tutti attorno a un tavolo a parlare del futuro della Libia. A rappresentare Bruxelles sarà Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri. Sul fronte delle cancellerie europee invece non ci sarà Macron, anche se sarebbe stato ingenuo pensare il contrario. Merkel aveva promesso, ma non verrà. Trump è interessato, ma non fino al punto di salire su un aereo per la Sicilia o mandarci il capo del Dipartimento di Stato. Putin non era previsto. Alla conferenza organizzata dall’Italia il 12 e il 13 novembre a Palermo le due grandi potenze e i partner continentali inviano le seconde linee.
Oltre ai rappresentanti delle Nazioni Unite, a Villa Igiea il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi punta alla “foto di famiglia”dei quattro leader libici: attesi da un lato il premier del governo patrocinato da Roma e dall’Onu Fayez Al Sarraj..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Tria: ‘Per evitare procedura Ue servirebbe una manovra da suicidio’. Bankitalia: ‘Abbattere spread, già spesi 1,5 miliardi’

Per evitare la procedura d’infrazione dell’Unione Europea servirebbe “una manovra di restrizione fiscale violentissima, andare a un deficit dello 0,8 per cento, che per una economia in forte rallentamento sarebbe un suicidio, non credo che la Commissione si aspetti una reazione di questo tipo anche se formalmente rispettosa delle regole di bilancio”. Il ministro dell’Economia Giovanni Tria parla così al termine del bilaterale con Mario Centeno, presidente dell’Eurogruppo, cioè il gruppo che riunisce i ministri dell’Economia dei Paesi della zona euro. Appare come l’inizio della battaglia del titolare del Tesoro con i vertici istituzionali dell’Unione. entro martedì, infatti, l’Italia deve rispondere al richiamo di Bruxelles sulla manovra finanziaria, anche se è certo che la legge di Bilancio del governo Conte non sarà modificata di una virgola. “Noi – ribadisce Tria per l’ennesima volta nelle ultime settimane – abbiamo spiegato che queste preoccupazioni non sono fondate sul contenuto re..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Tria: “Serviva più espansiva, ma puntato su ordine conti”. Bankitalia: “Abbattere spread, già spesi 1,5 miliardi”

Da una parte il ministro dell’Economia Giovanni Tria che non solo blinda la manovra ma dice che avrebbe dovuto essere ancora più espansiva e più incisiva, se non fosse stato per l’attenzione per l’equilibrio di bilancio. Dall’altra la Banca d’Italia secondo la quale una manovra espansiva non garantisce una crescita a medio termine e può essere “un pericolo” a lungo andare. Da una parte Tria che dice che lo spread a 300 preoccupa ma non dipende dal deficit previsto dal governo per il 2019 al 2,4. Dall’altra Bankitalia per la quale l’aumento del differenziale è già costato quasi 1,5 miliardi di interessi in più solo negli ultimi 6 mesi. E ancora. Da una parte il ministro che assicura che l’Italia non è nelle condizioni della Grecia e quindi una patrimoniale “sarebbe un suicidio” e dall’altra Palazzo Koch che il condono fiscale può disincentivare il pagamento delle tasse. Il ping pong non avviene in contemporanea, ma quello tra il governo Conte e la Banca d’Italia è una sfida aperta che s..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Tria: “Ne serviva più incisiva, ma necessario equilibrio conti. Stabilità finanziaria solo con stabilità sociale”

La manovra? Avrebbe dovuto essere ancora più espansiva e più incisiva. A dirlo è il ministro per l’Economia Giovanni Tria che in audizione in Parlamento ha spiegato la legge di Bilancio del governo partendo da quello che definisce un “concetto fondamentale: non esiste stabilità economica senza stabilità sociale”. Un modo per sottolineare quanto è importante il reddito di cittadinanza per la lotta alla povertà, i cui dati “sono inaccettabili“, dice il ministro. “Ci rendiamo conto – ribadisce Tria davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato – che i problemi rilevati richiederebbero una manovra espansiva più incisiva ma è stato necessario trovare un corretto bilanciamento tra la stabilità finanziaria e sociale, entrambe necessarie”. Quanto all’altro pilastro della manovra, la riforma delle pensioni con quota 100, serve perché accelererà “il turn-over con la staffetta generazionale che permetterà di affrontare le nuove sfide e ridurre la disoccupazione giovanile“. In ogni caso il ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Agricoltura, i contadini invocano una legge: “Siamo equiparati alle imprese dell’agroindustria”. M5s-Lega cercano un accordo

Custodiscono la biodiversità di piante e animali, sono un presidio contro lo spopolamento e il dissesto idrogeologico, producono cibo di qualità con pratiche sostenibili. Nonostante questo, coloro che oggi portano avanti piccole aziende agricole familiari, improntate alla coltivazioni di varietà locali e alla vendita diretta lamentano una situazione difficile. “Generiamo molti benefici per la collettività, evitando costi ambientali e sociali, ma la legge ci equipara in molti casi alle grandi imprese dell’agroindustria, imponendoci gli stessi oneri. Le politiche pubbliche e i quadri normativi infatti sono stati creati specificamente per sostenere un modello di agricoltura industriale”, denuncia a Ilfattoquotidiano.it Roberto Schellino, perito agrario e contadino della valle Stura, sulle Alpi cuneesi. Schellino parla a nome della campagna per l’agricoltura contadina, che da dieci anni chiede un riconoscimento di questo modello economico, alternativo a quello dell’agricoltura industriale ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Travaglio vs Giannini: “Di Maio? Ha fatto in 5 mesi più lui che Salvini”. “Sono tutti titoli tranne decreto dignità”

Botta e risposta a Otto e Mezzo (La7) tra il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, e il direttore di Radio Capital, Massimo Giannini, secondo cui ormai “è già arrivato l’autunno per Luigi Di Maio”. Travaglio dissente: “Che sia arrivato l’autunno per Di Maio lo sento dire da prima che lui nascesse. Io aspetterei. Molti leader vorrebbero riuscire a realizzare in 5 mesi punti importanti del loro programma come Di Maio. Io continuo a meravigliarmi del fatto che si dica che faccia tutto Salvini. Ma cosa ha portato a casa Salvini in questi 5 mesi? Un condonino fiscale che fa più sputtanamento che gettito e un decreto sicurezza che, invece di ridurre la clandestinità, la moltiplica. Per il resto” – continua – “hanno fatto tutti i 5 Stelle: taglio dei vitalizi, taglio delle pensioni d’oro, decreto dignità, reddito di cittadinanza, la chiusura della vertenza dell’Ilva, carcere agli evasori, il ddl anticorruzione con l’agente infiltrato e i premi per i pentiti, cose che si chiedevan..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Libia, la Merkel non sarà alla Conferenza di Palermo. Per il piano dell’Onu elezioni parlamentari possibili già nel 2019

Un progetto per la sicurezza di Tripoli e una road map per il cammino istituzionale della Libia: sono i due elementi chiave del piano di azione che l’inviato delle Nazioni Unite nel Paese nordafricano, Ghassan Salamè, presenta al Consiglio di Sicurezza in vista della Conferenza di Palermo del 12 e 13 novembre. Un vertice su cui il governo italiano punta molto, a partire dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dal ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi. Ma al quale non parteciperà la cancelliera tedesca Angela Merkel, come invece aveva promesso allo stesso Conte in un bilaterale di una ventina di giorni fa. Al posto della cancelliera ci sarà comunque il ministro degli Esteri Niels Annen. Pesa anche la probabile assenza del presidente della Repubblica della Francia Emmanuel Macron che è una pedina fondamentale nella stabilizzazione della Libia e che tra l’altro in questi giorni che precedono la conferenza sta vedendo molti degli attori principali per la Libia. Per la cronaca, ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Prescrizione, Bonafede: “C’è l’accordo con la Lega, norma è nel ddl anticorruzione”. Ma entrerà in vigore nel gennaio 2020

L’accordo c’è, ma la riforma entrerà in vigore nel gennaio 2020. È questa la sintesi trovata nel vertice tra il premier Giuseppe Conte, i due vicepremier e il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, nel vertice a Palazzo Chigi che ha risolto lo stallo sullo stop alla prescrizione dopo il primo grado di giudizio. La riforma della prescrizione, ha spiegato il Guardasigilli, resta nel ddl anticorruzione e “andrà in Aula la prossima settimana” ma “entrerà in vigore assieme alla riforma del processo penale” che verrà scritta dal ministero attraverso una legge delega in scadenza nel dicembre 2019. Un mese dopo, la norma sulla prescrizione diventerà operativa. Sotto il profilo pratico, insomma, se ne parlerà tra 14 mesi. E sarà così “anche se dovesse cadere il governo”, ha sottolineato il ministro Riccardo Fraccaro.
Salvini: “Tempi certi”. Di Maio: “Basta impuniti” – Il provvedimento “resta com’è” e si tratta del “primo passo di una riforma epocale della giustizia”, ha spiegato Bonafede…

Continua a leggere...
Posted in PHM

Sondaggi, la Lega sale 34,7% togliendo voti al M5S. Stabili i consensi al governo nonostante le tensioni nella maggioranza

La Lega di Matteo Salvini continua a raccogliere consensi, raggiungendo così il 34,7%, la percentuale più alta di sempre. Rimane stabile invece il Movimento 5 Stelle al 28,7% (+0,2%), seguito dal Pd con il 16,5% (-0,6%) e Forza Italia con l’8,7% (+0,9%). Sempre più staccati invece, + Europa e Fratelli D’Italia, entrambi fermi al 2,7%, e Leu al 2,1%. È quanto emerge dagli ultimi sondaggi commissionati dal Corriere della Sera a Nando Pagnoncelli, che registrano anche la sostanziale tenuta del governo Lega – 5 Stelle: il 57% degli italiani ha espresso infatti un giudizio positivo sull’esecutivo e l’indice di gradimento cala solo di un punto, passando da 64 a 63.
La continua ascesa della Lega, dicono i sondaggi, si deve soprattutto a nuovi potenziali elettori: oltre la metà di coloro che oggi la voterebbero (54%), non ha votato per il partito di Salvini lo scorso 4 marzo e si tratta per lo più di elettori delusi dal M5S, a cui si aggiungono poi una parte degli astensionisti e poi per il 1..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Fiscale, Silvestri (M5s): “Scambi con la Croce Rossa, Garofoli chiarisca o lasci”. Guzzetti: “Stimo i tecnici”. E Tria ringrazia

Il coro è unanime: “Dimissioni”. Roberto Garofoli, capo di gabinetto del Mef accusato di essere l’autore della norma pro Croce Rossa introdotta all’insaputa del governo nel dl Fiscale, deve fare un passo indietro. La richiesta arriva da diversi esponenti del M5s, dopo la rivelazione pubblicata dal Fatto: Garofoli aveva ottenuto a buon prezzo proprio dalla Croce Rossa un immobile a Molfetta che per nove anni aveva inutilmente preteso a suon di carte bollate e lo aveva trasformato in un B&b di lusso.
“Ci hanno dato degli incompetenti e dei complottisti, ci hanno detto che non esisteva alcuna manina: il classico atteggiamento della vecchia politica quando deve coprire le proprie magagne e quelle dei suoi amici – attacca Francesco Silvestri, portavoce grillino in commissione Affari costituzionali della Camera – Ora però, grazie a un’inchiesta giornalistica, si viene a scoprire che il capo di gabinetto del Mef, Roberto Garofoli, aveva più di un legame con la Croce Rossa e gli scambi di fav..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Tap, Conte ai cittadini di Melendugno: “RIsarcimenti fino a 35 miliardi, chi lo nega non conosce legge. Date la colpa a me”

“Abbiamo dovuto prendere atto che non ci sono profili di illegittimità”. Inizia così la lettera aperta che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha scritto ai cittadini di Melendugno dopo le proteste dei comitati iniziate ieri e culminate oggi con il rogo delle immagini dei parlamentari 5 stelle e della bandiera del movimento. Il premier ha rivendicato l’azione di governo e dettagliato il rischio di arrivare a pagare risarcimenti nell’ordine dei 20 miliardi, fino addirittura ai 35. Per quanto lo riguarda personalmente, Conte ha insistito sulla trasparenza, ad iniziare dal primo incontro con il sindaco del comune pugliese avvenuto questa estate.
“In tale occasione – scrive Conte – sono stato molto franco e trasparente: ho rappresentato che si tratta di un’opera infrastrutturale deliberata dai governi precedenti, che ormai risultava in fase avanzata di realizzazione. Avendo studiato nei dettagli il progetto – dice ancora – ho compreso da subito che questa era l’unica strada percorr..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta su Loft tre fake news: “Tutta la verità su Renzi e il Fatto”

E’ vero che il processo a Virginia Raggi sta andando malissimo per la sindaca di Roma perché tutti i testimoni stanno smentendo la sua linea difensiva e confermando quella della procura della Repubblica di Roma? E’ vero che il governo Conte sta attuando la promessa di Matteo Salvini e di Luigi Di Maio di introdurre al più presto le manette per gli evasori? E’ vero che Il Fatto Quotidiano e Marco Travaglio sono stati condannati a risarcire Tiziano Renzi con 95mila euro per aver scritto falsità calunniose e diffamatorie contro il genitore dell’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi?
Questa settimana Marco Travaglio in esclusiva su Loft smonta queste tre fake news per il 41esimo appuntamento di Balle Spaziali, disponibile in abbonamento su app e sito di Loft. Su piattaforma e app di Loft sono disponibili, sempre in abbonamento, anche le altre 40 puntate.
L'articolo Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta su Loft tre fake news: “Tutta la verità su Renzi e il Fatto” proviene da Il F..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Giorgetti e quella nomina in conflitto di interessi: la Lega di Salvini si prende l’aerospazio

Un conflitto di interesse spaziale, seppur potenziale. Nel senso letterale della parola. Tra le nomine fatte dal governo gialloverde e, nella fattispecie, dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti ce n’è una passata inosservata a molti: è quella di Stefano Gualandris, diventato a settembre consigliere in materie giuridico economiche di Giorgetti per il settore aerospaziale. Un incarico da 30mila euro all’anno per lavorare fianco a fianco con il potente sottosegretario del Carroccio che, tra le altre deleghe, ha ricevuto a luglio anche quella strategica sul settore aerospazio. Un campo, quest’ultimo, su cui il governo italiano punta tantissimo, sia per importanza geopolitica che, soprattutto, per questioni squisitamente economiche. L’aerospaziale muove fiumi di denaro e solo per il 2018 ha ricevuto 760 milioni di euro di finanziamenti pubblico/privati, che diventeranno 880 per il 2019 e 885 per il 2020.
A gennaio 2018 è stata inoltre cambiata la governance p..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Trump chiama Conte: “Bene la linea dura dell’Italia contro l’immigrazione irregolare. E sull’economia avrà successo”

Elogi al’indirizzo di Giuseppe Conte per le politiche adottate dal governo in tema di economia e immigrazione. Sono arrivati su Twitter da Donald Trump: “Ho appena parlato con il primo ministro italiano su diversi argomenti – scrive il presidente degli Stati Uniti – incluso il fatto che l’Italia sta tenendo una linea intransigente contro l’immigrazione illegale. Concordo con la loro posizione al 100%, anche gli Usa stanno adottando una linea molto dura” sul tema. Inoltre, conclude il capo della Casa Bianca in un secondo tweet, Conte “sta lavorando molto duramente sull’economia dell’Italia, avrà successo!”.
E’ ipotizzabile che nel corso del colloquio Conte e Trump abbiano parlato anche della conferenza sulla Libia che l’Italia sta organizzando per il 12 e 13 novembre a Palermo. Fonti non ufficiali tendono ad escludere la partecipazione del tycoon, che all’Italia ha dato il suo endorsement come paese guida sul dossier libico. All’evento però potrebbe arrivare il segretario di Stato Usa ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Manovra, Conte alla Stampa estera: “Siamo in Ue, non mettiamo in dubbio commissione. Disponibili a dialogo”

“Si era parlato di condono, capitali stranieri che tornavano dall’estero: no. La norma è più precisa e consente di integrare a chi ha fatto già una dichiarazione per il 30% di quanto già dichiarato fino a 100mila euro per anno, pagando un 20%”. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte incontrando la stampa estera. “Abbiamo ribadito nella lettera che è stata spedita poco fa che noi siamo assolutamente in Europa, vogliamo dialogare con le istituzioni Ue, vogliamo che quest’interlocuzione si svolga nello spirito di un dialogo costruttivo, non mettiamo in discussione i ruolo della commissione Ue”. E, continua: “Nella lettera all’Ue vogliamo spiegare la nostra manovra. Già in questa lettera abbiamo spiegato perché l’abbiamo impostata in questi termini, abbiamo spiegato la direzione della nostra politica economica, gli obiettivi che intendiamo raggiungere. Ma siamo disponibili a metterci a un tavolo per proseguire una interlocuzione con la Commissione europea”.
L'articolo Man..

Continua a leggere...