Posted in PHM

Flixbus, pullman partito da Genova finisce contro un muro nei pressi di Zurigo: un morto, decine di feriti. A bordo 13 italiani

Un’italiana è morta nello scontro di un pullman della compagnia Flixbus, partito da Genova e diretto a Düsseldorf, che ha sbandato, forse a causa dell’asfalto innevato, uscendo dalla carreggiata e finendo contro un muro. Nell’incidente ha perso la vita ladonna, 37 anni, la cui identità non è ancora stata resa nota e altre 44 persone, tra cui i due autisti, sono rimaste ferite.
Lo schianto è avvenuto sull’A3, all’altezza di Zurigo, attorno alle 4,15 del mattino. Sul bus si trovavano 51 persone, si legge in una nota della polizia cantonale, tra i quali 13 italiani. Quattro persone sono illese, mentre le ferite riportate dagli autisti sono gravi.
I feriti sono stati trasportati in sette ospedali diversi. Al momento dell’arrivo dei soccorsi molti passeggeri erano ancora incastrati tra le lamiere. “C’era chi urlava, altri erano calmi, abbiamo dovuto agire con attenzione e senza fretta”, ha raccontato una testimone. Il mezzo appartiene a una filiale della nota compagnia di trasporti tedesc..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Ponte Morandi, Autostrade fa ricorso contro il Decreto Genova: “Ma non bloccheremo i lavori di ricostruzione”

A quattro mesi dal crollo del ponte Morandi, Autostrade per l’Italia annuncia che farà ricorso contro il decreto Genova, contenente le misure per la ricostruzione, ma non chiederà la sospensiva per non ritardare o ostacolare la ricostruzione del viadotto Polcevera, crollato il 14 agosto scorso. La decisione è stata assunta oggi dal Consiglio d’amministrazione della Società. In una nota, Aspi fa sapere che “il Consiglio di Amministrazione di Autostrade per l’Italia, riunitosi in data odierna, tenuto conto dei pareri dei legali che assistono la Società, ha autorizzato la presentazione del ricorso avverso il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri di nomina del Commissario straordinario per la ricostruzione ai sensi della Legge n. 130/2018 e di alcuni decreti emessi dal Commissario stesso“. “Nel ricorso -prosegue la nota- Autostrade per l’Italia rappresenterà di non avere intenzione di determinare in alcun modo ritardi o ostacoli alla ricostruzione del viadotto Polcevera e, di..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Terzo Valico, Toninelli: “Non può che andare avanti. Abbiamo fatto analisi costi-benefici, recesso costerebbe 1,2 miliardi”

Il Terzo Valico “non può che andare avanti“. Parola del ministro alle Infrastrutture, Danilo Toninelli, che in un video su Facebook ha illustrato il risultato dell’analisi costi-benefici sull’opera da più di sei miliardi di euro che collega Genova a Tortona e Novi Ligure.
Il motivo principale, a detta di Toninelli, è che “il totale dei costi del recesso (tradotto, fermare i lavori, ndr) ammonterebbe a circa 1,2 miliardi di euro“.
“Se vogliamo rimediare almeno in parte ai danni del passato, rendendo il Terzo Valico utile dal punto di vista logistico e adatto a migliorare anche il servizio regionale sulla tratta parallela, bisogna innanzitutto che esso sia davvero ben collegato con Genova: dunque, i binari devono arrivare fin dentro il porto. In più serviranno azioni di corredo ma di vitale importanza: il potenziamento dei servizi regionali per migliorare i collegamenti delle località intermedie con l’area metropolitana genovese, la riduzione dei tempi di viaggio per i passeggeri fra Ge..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Lega, blitz Gdf a Bergamo nello studio di due commercialisti. “Tesoriere Centemero non indagato”

Le indagini sulla Lega si moltiplicano. Anche la procura di Bergamo indaga sul partito di Matteo Salvini: l’ipotesi secondo la Stampa è di finanziamento illecito. Il fascicolo è a modello 44, cioè senza indagati, ed è stato aperto l’estate scorsa in relazione alle dichiarazioni del costruttore Luca Parnasi, arrestato il 13 giugno scorso. L’imprenditore romano, considerato il gran elemosiniere di soldi e favori a tutti i partiti, ha raccontato qual era il sistema di finanziamento ed essendo a Bergamo la sede dell’associazione Più voci che, stando alle indagini, ha incassato 250mila euro, la procura lombarda ha aperto un fascicolo. Non è quindi iscritto, come riportava il quotidiano di Torino, il tesoriere della lega Giulio Centemero. Contemporaneamente gli inquirenti genovesi accelerano sull’ipotesi di riciclaggio su cui indagano da gennaio. E così oggi gli uomini della Guardia di Finanza – come riporta L’Espresso – sono arrivati nella città lombarda a prendere documenti. Nel mirino del..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Lega, perquisizioni Gdf a Bergamo nello studio di due commercialisti. “Tesoriere Centemero indagato”

Le indagini sulla Lega si moltiplicano. Anche la procura di Bergamo indaga sul partito di Matteo Salvini: l’ipotesi secondo la Stampa è di finanziamento illecito e nel registro degli indagati è stato iscritto il tesoriere Giulio Centemero. Contemporaneamente gli inquirenti genovesi accelerano sull’ipotesi di riciclaggio su cui indagano da gennaio. E così oggi gli uomini della Guardia di Finanza – come riporta L’Espresso – sono arrivati nella città lombarda a perquisire gli uffici dell‘associazione Più Voci. Nel mirino delle Fiamme Gialle lo studio di due commercialisti in via Angelo Maj 24 e prendere tutti i documenti della Dea Consulting.
I professionisti, Andrea Manzoni e Alberto Di Rubba, sono legati a doppio filo al tesoriere perché il primo è direttore amministrativo e il secondo revisore dei gruppi parlamentari. Ma tutti e tre sono fondatori dell’associazione Più voci. In via Maj hanno anche sede sette società (nate quasi tutte tra 2014 e 2016), tra queste la Growth and challeng..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Ponte Morandi, Bucci: “Autostrade fuori dalla demolizione. Useremo l’esplosivo. Ricostruzione inizia entro fine marzo”

La demolizione del ponte Morandi inizierà il 15 dicembre con l’allestimento del cantiere, avverrà attraverso uno smontaggio meccanico e l’uso di esplosivo. E non vedrà Autostrade tra le protagoniste dell’operazione sul viadotto crollato alla vigilia di Ferragosto, provocando 43 morti. Una volta terminato l’abbattimento, ci sarà al via alla ricostruzione “entro la fine di marzo”.
Il cronoprogramma dei lavori è stato illustrato dal sindaco di Genova e commissario straordinario Marco Bucci, dopo aver consegnato alla procura il progetto scelto dalla struttura commissariale per la demolizione dei due monconi. “Spero di fare un decreto unico entro il 14 – ha aggiunto – in cui inserire le aziende che demoliscono e quelle che ricostruiscono”. I primi lavori, come specificato dal procuratore aggiunto Vittorio Ranieri Miniati, riguarderanno le aree “non coperte da sequestro” mentre per il resto “si dovrà attendere il parere dei periti”.
Bucci, annunciando che la concessionaria “non parteciperà..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Ponte Morandi, Rixi: “Facciamoci bastare 1,2 miliardi”. Bucci: “Disoccupati? Saranno riassorbiti dal comune”

A quasi un mese dall’approvazione del Decreto Genova si è tenuto sul palcoscenico del teatro Govi di Genova Bolzaneto, in una Valpolcevera paralizzata dal traffico, l’incontro pubblico sull’emergenza Morandi a Bolzaneto con la partecipazione del commissario per la ricostruzione e sindaco di Genova Marco Bucci, il presidente della Regione Giovanni Toti e il viceministro ai Trasporti e le Infrastrutture Edoardo Rixi, accusato di peculato per la legislatura in Regione tra il 2010 e il 2012.
Davanti a una sala piena solo a metà sono stati elencati i provvedimenti previsti dal Dl riguardanti gli indennizzi per attività produttive e cittadini, futuro della viabilità, tempistiche per la demolizione e ricostruzione del ponte. A microfono aperto si susseguono le domande dei presenti, e a chi critica come i fondi stanziati siano sbilanciati dalla parte di grandi imprese e meno direttamente rivolti a trasporto pubblico locale e lavoratori, la risposta è univoca: “In Italia molte volte il meglio ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, viaggio in uno Sprar dopo il dl Sicurezza. Operatori: “Difficile restare umani”. Richiedenti asilo: “Buttati in strada”

Mentre alle strutture di accoglienza di tutta Italia stanno arrivando lettere dalle prefetture in cui si chiede l’immediata applicazione delle norme previste dal decreto Sicurezza, decine di persone che non rientrano nei nuovi criteri di accoglienza vengono lasciate per strada e gli operatori cercano le parole per spiegare ai richiedenti asilo ospitati nei centri quali saranno le principali conseguenze del decreto che molti pagheranno sulla propria pelle. “Si stima una perdita di 15.000 posti di lavoro per operatori dell’accoglienza italiani e tra i 40 e i 100.000 richiedenti asilo che verranno esclusi dal sistema di accoglienza” è il triste bilancio degli addetti ai lavori in uno Sprar di Genova. “Le persone verranno lasciate senza documenti e prospettive al loro destino per le strade di tutta Italia, proprio mentre le politiche sovraniste dei Paesi dell’Unione europea portano alla chiusura delle frontiere impedendo il transito dei migranti tra i paesi comunitari e non ci sono soldi n..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, l’assessore leghista celebra il dl Sicurezza. Ma un mese fa ha votato per raddoppiare i posti negli Sprar

Quando è chiamato a calcare il palco dei comizi della Lega Stefano Garassino, assessore ‘sceriffo’ alla Sicurezza e all’immigrazione di Genova, elogia e si entusiasma per la linea del suo leader e ministro dell’Interno Matteo Salvini, lontano dai riflettori firma la delibera di Giunta con la quale il Comune chiede in extremis di ampliare di 150 posti l’accoglienza in strutture Sprar per l’accoglienza dei richiedenti asilo e dei rifugiati (che si vanno a sommare agli attuali 217), prima che le stesse vengano sostanzialmente smantellate dall’applicazione del decreto sicurezza.
Il sistema Sprar, che punta sull’accoglienza in strutture più piccole e distribuite sul territorio e oggi è aperto a rifugiati e persone in attesa di riconoscimento di Asilo, verrà riservato a chi ha già ottenuto lo status di rifugiato, rendendo di fatto i Centri di Accoglienza Straordinaria (Cas) le uniche strutture aperte ai richiedenti asilo.
Può essere letta come la più classica delle contrapposizioni tra prop..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Ponte Morandi, la rabbia dei commercianti coi gilet gialli: “Stiamo vivendo un incubo, a 4 mesi dal crollo zero risultati”

Passano i mesi e monta la rabbia dei commercianti di Certosa, isolati dal resto della città a seguito del crollo del ponte Morandi. Alle 18 di ieri era previsto un incontro con il viceministro alle Infrastrutture, Edoardo Rixi, il presidente della Regione, Giovanni Toti, e il sindaco e commissario straordinario alla ricostruzione Marco Bucci, ma appena è arrivata la notizia del rinvio dell’appuntamento per altri impegni istituzionali, i commercianti hanno deciso di darsi ugualmente appuntamento in piazza, alle 21, e marciare in corteo fino ai cancelli che delimitano la zona rossa. “Questa sera abbiamo indossato questi gilet gialli e arancioni per farci vedere e sentire – spiegano gli organizzatori dell’iniziativa – a quattro mesi dal crollo del ponte non possiamo accontentarci delle promesse, le nostre attività rischiano di chiudere e così il nostro futuro è in forse”. Presente un centinaio di persone nonostante l’appuntamento arrivato all’ultimo, è bastata la sola convocazione dell’as..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Fondi Lega, condannati Bossi e Belsito. L’ex tesoriere: “I soldi c’erano e sono stati spesi, lasciato il partito con cassa ricca”

Confermate le condanne in appello a carico di Umberto Bossi e Francesco Belsito e la confisca di 49 milioni di euro. Per i giudici della corte d’Appello di Genova il Carroccio truffò sui rimborsi elettorali. “Io ho la coscienza a posto e facevo quello che mi dicevano – dichiara l’ex tesoriere della Lega – forse qualcun altro no. Aspetto le motivazioni di questa sentenza e sono pronto a fare ricorso in Cassazione, i miei erano investimenti e quando me ne sono andato le casse della Lega erano piene”. Il processo di secondo grado per truffa aggravata ai danni dello Stato da parte dell’allora Lega Nord si è concluso con la sostanziale conferma del verdetto di primo grado. Le pene sono più basse perché la truffa relativa al 2008 è prescritta. I giudici hanno inflitto 1 anno e 10 mesi al fondatore e presidente a vita del partito, Umberto Bossi, e 3 anni e 9 mesi all’ex tesoriere Francesco Belsito. Ridotte le pene anche per i tre revisori Diego Sanavio, Antonio Turci e Stefano Aldovisi: i pri..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Crozza-Di Maio: “Risanare il debito? Occasionissima: vendiamo il ponte di Genova completo di zona bimbi”

Nel corso della puntata di Fratelli di Crozza, in onda tutti i venerdì in prima serata su Nove, Maurizio Crozza veste i panni di Luigi Di Maio e prospetta alcune soluzioni geniali per risanare il debito: “Occasionissima solo per oggi che è il Black Friday: Ponte di Genova da ristrutturare… unico proprietario Benettòn, quindi il ponte è disponibile in tutti i colori di tendenza moda. Valore 9 miliardi e 99… completo di angolo cottura e zona bimbi.”
“Live streaming, episodi completi e clip extra su Dplay.com
L'articolo Crozza-Di Maio: “Risanare il debito? Occasionissima: vendiamo il ponte di Genova completo di zona bimbi” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, blitz al casello della A12. Sbarre rotte, fumogeni e scritte su un muro contro Autostrade: “Assassini”

Scritte contro Autostrade, fumogeni, una sbarra del telepass rotta. È il risultato di un blitz da parte di 10-15 persone, poi fuggite sulle colline, contro il casello di Genova Est a Staglieno. Il gruppo ha bloccato l’ingresso in autostrada per alcuni minuti scrivendo nel frattempo su un muro a pochi metri di distanza “Società autostrade assassini”, “Nu paghemmu ciù” (non paghiamo più, ndr) e abbandonando sul posto dei volantini anonimi: “Apriamo i caselli, paga Autostrade”.
Il gruppo – composto da persone con il volto travisato e che, secondo le testimonianze indossavano gillet gialli – per coprire la propria azione ha oscurato con alcuni sacchetti alcune telecamere del casello. Sul posto oltre agli agenti della Digos anche la polizia scientifica per i rilievi e la polizia stradale intervenuta per prima. Al momento né sui volantini né in altro modo è stata rivendicata l’azione, che – dato il tenore delle scritte – parrebbe riconducibile al crollo del ponte Morandi, collassato il 14 a..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Ponte Morandi, blitz dei finanzieri nella sede della ditta del carroponte. Salta l’interrogatorio dell’ad di Autostrade

La Guardia di finanza di Genova ha acquisito documenti cartacei e informatici nella sede della Weico, l’azienda che aveva iniziato a installare il carroponte sotto l’impalcato del ponte Morandi, crollato il 14 agosto uccidendo 43 persone. Gli uomini guidati dai colonnelli Ivan Bixio e Giampaolo Lo Turco analizzeranno la documentazione acquisita per controllare la tipologia di lavori eseguiti, le modalità degli stessi e verificare il piano di sicurezza.
Quando il ponte Morandi è collassato, i lavori di installazione stavano andando avanti da settimane, anche la sera prima della tragedia, e il carroponte era finito nel mirino degli investigatori, coordinati dai pm Massimo Terrile e Walter Cotugno, per le modalità con cui era stato installato. Secondo gli inquirenti, infatti, le modalità avrebbero potuto creare problemi alla struttura stessa.
Anche la commissione del Mit, nominata dal ministro Danilo Toninelli, nella relazione finale aveva rimarcato come “vi fossero delle divergenze tra..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, progetto di Fincantieri per un ponte alternativo in attesa del Morandi: “Decongestionerà la viabilità interna”

Se n’era parlato ad agosto, poi nella ridda di voci seguite al crollo del ponte Morandi, era rimasta nel limbo. Ora la situazione sembra sbloccarsi e Genova potrebbe trovare almeno un po’ di sollievo in attesa che parta la ricostruzione del viadotto sul Polcevera. Come? Fincantieri presenterà un progetto per un nuovo ponte in acciaio sul torrente, nella zona attorno all’Ilva, nei pressi di Cornigliano, per agevolare la viabilità interna e provare a decongestionare il traffico in arrivo da Ponente, spiegano fonti della società al Fatto.it.
È questa una delle novità contenute nel “pacchetto” di azioni che Fincantieri e Cassa Depositi e Prestiti – assieme a Snam, Ferrovie dello Stato e Terna – ha deciso di mettere in campo per provare a far respirare il capoluogo ligure. Le cinque società hanno sottoscritto un protocollo d’Intesa per Genova con il commissario delegato, il commissario straordinario per la ricostruzione, la Regione Liguria, il Comune di Genova, l’Autorità portuale e la Fin..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Gronda, Salvatore (M5s Liguria): “Inutile se già c’è il Terzo Valico”. Perazzo (ingegnere): “Necessarie opere più semplici”

Mentre sembra che anche l’ultima parte dei lavori per il Terzo Valico, la nuova linea ferroviaria ad alta capacità in costruzione tra Genova e Tortona, verranno presto sbloccati dal Ministero dei Trasporti, il Movimento 5 stelle ligure si concentra sulla Gronda di Ponente, progetto della nuova autostrada che permetterebbe al traffico pesante di evitare Genova, messo in forse dall’analisi costi-benefici del governo. Ieri sera ne hanno discusso in un’agorà pubblica la portavoce dei cinque stelle in Liguria, Alice Salvatore, con l’intervento dell’ingegnere esperto di traffico e trasporti, Alfredo Perazzo, tra i “saggi” chiamati dal sindaco Bucci a supportare i suoi assessori, che ha espresso le sue perplessità sull’opera esponendo le analisi degli scenari di traffico possibili di una Genova con e senza Gronda, in base ai risultati di uno studio condotto quest’estate dopo il crollo del Ponte Morandi. L'articolo Gronda, Salvatore (M5s Liguria): “Inutile se già c’è il Terzo Valico”. Per..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Genova, Casellati riprende il Senato: “Rispetto per i morti, pesano sulle coscienze di tutti”. Poi minuto di silenzio

“I 43 morti di Genova pesano sulla coscienza di tutti, avrei desiderato un’Aula diversa”. Dopo la bagarre a Palazzo Madama, causata dall’esultanza del ministro Toninelli dopo l’approvazione che ha fatto insorgere le opposizioni, è stata la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, a riprendere l’Aula, ammonendo i senatori. “Vorrei accogliere la proposta del senatore Andrea Marcucci di chiudere questa seduta con un minuto di silenzio”, ha infine concluso Casellati.
L'articolo Dl Genova, Casellati riprende il Senato: “Rispetto per i morti, pesano sulle coscienze di tutti”. Poi minuto di silenzio proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Genova, il Senato discute gli emendamenti. Al centro del dibattito il “condono” di Ischia

Sono oltre 400 gli emendamenti presentati al decreto Genova che si stanno votando al Senato, e quasi tutti ripresentati dalle opposizioni. I più numerosi sono del Pd (in tutto 302) e di Forza Italia, 102. Finora sono stati tutti bocciati.
L'articolo Dl Genova, il Senato discute gli emendamenti. Al centro del dibattito il “condono” di Ischia proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

M5S, Patuanelli: ‘Dissidenti? Riflettere sulla permanenza nel progetto’. Sibilia: ‘Vanno contro la linea in modo pretestuoso’

Il capogruppo M5S al Senato Stefano Patuanelli sui senatori dissidenti Nugnes e De Falco non usa mezzi termini: “Stiamo valutando quali provvedimenti mettere in campo, ci sono differenti livelli, ma è giusto riflettere sulla permanenza di queste persone nel nostro progetto. Il gruppo ha le sue regole e le discussioni vanno fatte entro i confini di queste regole”.
“Chi ha deciso di anteporre i propri interessi a quelli del Paese dovrebbe tornarsene a casa. Il grande squallore della politica del passato era quello di sentire promesse che poi non venivano mantenute perché qualcuno pensava prima ai propri interessi, economici, mediatici, ideologici, privati insomma, anteponendoli a quelli del Paese. Siamo stati eletti per dare delle risposte a tutto questo. Ai Genovesi, a chi è stato colpito dal terremoto, dalle alluvioni e altre emergenze. Per essere compatti e portare a casa il risultato”. Così Carlo Sibilia, Sottosegretario all’Interno, commenta il voto dei senatori dissidenti del Movi..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, l’anagrafe registra la figlia di due mamme. “È il terzo caso in Italia”

Dopo i casi analoghi di Torino e Milano, anche a Genova l’anagrafe ha registrato la figlia di due mamme. Il Tribunale di Genova, con decisione pubblicata il 12 novembre, ha ordinato al Comune di iscrivere come genitore nel certificato di nascita della piccola, oltre a colei che già risulta come “mamma”, anche la sua compagna. “Questo è il terzo caso in Italia”, ha spiegato Elena Fiorini, avvocato della coppia insieme a Ilaria Gibelli.
La notizia è apparsa sulle pagine locali de La Repubblica. “La bimba, che tra poco compirà un anno, è nata dalla fecondazione da parte di donatore anonimo dell’ovulo di quest’ultima, ma la gravidanza è stata portata avanti dalla sua partner”. Su ricorso dei due legali il Tribunale ha riconosciuto “l’interesse del minore al riconoscimento della doppia genitorialità al fine di tutelare l’interesse superiore del figlio, come già avviene nel resto d’Europa – spiega Fiorini -: affermando la responsabilità genitoriale nei confronti di entrambe le mamme, sono s..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Atlante dell’infanzia, le disuguaglianze educative delle grandi città: chi vive in periferia è vittima del deficit di istruzione

Pochi chilometri di distanza, tra una zona e l’altra, possono significare riscatto sociale o, al contrario, impossibilità di uscire dal circolo vizioso della povertà nel Paese dove 1,2 milioni di bambini e adolescenti vivono in povertà assoluta. In Italia la segregazione educativa allarga sempre di più la forbice delle disuguaglianze, in particolare nelle grandi città, dove vivono tantissimi bambini. Così a Napoli, le persone tra i 15 e i 52 anni senza diploma di scuola secondaria di primo grado sono il 2% al Vomero e quasi il 20% a Scampia, a Palermo il 2,3% a Malaspina-Palagonia e il 23% a Palazzo Reale-Monte di Pietà, mentre nei quartieri benestanti a nord di Roma i laureati (più del 42%) sono quattro volte quelli delle periferie esterne o prossime al grande raccordo anulare nelle aree a est della città (meno del 10%).
Ancora più forte la forbice a Milano, dove a Pagano e Magenta-San Vittore (51,2%) i laureati sono sette volte quelli di Quarto Oggiaro (7,6%). Save the Children pres..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Ponte Morandi, il crollo in una nuova simulazione: la possibile sequenza del collasso secondo dopo secondo

A tre mesi di distanza dal crollo del Ponte Morandi, a Genova, è stato presentato un nuovo studio sul possibile collasso del viadotto. A realizzarlo, i ricercatori di due società di ingegneria (Studio Calvi e Mosayk di Pavia), due università Italiane (IUSS e Università di Pavia) un centro di ricerca (Fondazione Eucentre) e una università americana (University of Washington, Seattle). La simulazione è stata presentata lo scorso 6 novembre alla Istanbul Bridge Conference alla presenza di studiosi provenienti da tutto il mondo e, come si legge sulla pagina Youtube dello studio, su cui è possibile vedere il video integrale, “è ora sintetizzato in una pubblicazione a carattere scientifico in corso di revisione dalla rivista internazionale Structural Engineering International”.
Video Youtube/Studio Calvi s.r.l. Ingegneria e Architettura
L'articolo Ponte Morandi, il crollo in una nuova simulazione: la possibile sequenza del collasso secondo dopo secondo proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Ponte Morandi, il commissario Bucci: “Nuovo viadotto entro il 2020, per i lavori ci vorranno da 12 a 14 mesi”

Il sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione del Ponte Morandi, Marco Bucci, ha annunciato che la realizzazione del nuovo viadotto prevede un tempo che va dai 12 ai 14 mesi. “Un nuovo ponte per la città è previsto entro la metà del 2020 – ha detto Bucci a Palazzo Tursi -. Stando a tutti i progetti proposti che ho visto, ci vorranno da un minimo di 12 a un massimo di 14 mesi”.
L'articolo Ponte Morandi, il commissario Bucci: “Nuovo viadotto entro il 2020, per i lavori ci vorranno da 12 a 14 mesi” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, donna precipita da una finestra in via Maritano: muore decapitata. Carabinieri ipotizzano suicidio

Una donna di 35 anni è stata ritrovata decapitata questa mattina a Genova. Il corpo si trovava nella zona di Begato, nei pressi dei giardini di via Maritano. Ancora in corso le indagini sulla dinamica dell’accaduto. Secondo i carabinieri, però, si tratterebbe di un caso di suicidio.
La donna sarebbe precipitata dalla finestra del suo appartamento e nell’impatto avrebbe colpito una ringhiera che le avrebbe mozzato la testa, poi finita in strada. Sul posto anche il medico legale.
Secondo le indagini, la vittima è italiana e avrebbe avuto problemi psichici. Secondo i carabinieri, che stanno sentendo la madre e il marito, sarebbe entrata nel condominio, salendo fino all’ultimo piano, per poi lanciarsi dal tetto del palazzo. A dare l’allarme intorno alle 13 sono stati un passante e poi un autista di un bus cittadino.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Ponte Morandi, Bucci: “Inizio demolizione entro Natale. La nuova struttura sarà pronta al massimo in 15 mesi”

La demolizione deve iniziare entro Natale e il ponte può essere pronto nella prima metà del 2020. Il commissario e sindaco di Genova, Marco Bucci, fissa gli obiettivi per la ricostruzione del ponte Morandi, crollato il 14 agosto, pur specificando che le ‘scadenze’ fissate sono possibili “se nessuno ci mette bastoni tra le ruote”. Date che si sono spostate già un po’ più in là rispetto alle iniziali stime che ipotizzavano un ponte nuovo per la città per il Natale 2019.
Per provare a star dentro quella data, l’abbattimento dei monconi deve partire in fretta. Al massimo nei prossimi 40 giorni: “Non importa se sarà il 13 o il 15 dicembre, quello che posso dire è che farò carte 48 per iniziare la demolizione di ponte Morandi entro Natale. Lo dobbiamo ai genovesi”, ha spiegato Bucci ribadendo che per quanto riguarda le modalità operative, prima di partire con la demolizione, bisognerà procedere con il dissequestro da parte della procura di Genova. “Possiamo pensare di far dissequestrare pri..

Continua a leggere...
Posted in PHM

No Pillon, da Milano a Napoli in migliaia in piazza contro la legge sull’affido condiviso: “Viola i diritti. Va ritirata”

Sono scese in piazza a migliaia, da Milano a Roma, passando per Genova, Venezia, Bologna, per dire “no” al Ddl Pillon. Le manifestanti hanno mostrato cartelli e organizzato flashmob travestite da streghe, invadendo letteralmente oltre 60 città italiane. Obiettivo: bloccare la riforma sull’affido condiviso promossa dal senatore leghista Simone Pillon.
Ad organizzare la protesta, pacifica, il neo comitato No Pillon, sostenuto da numerose altre associazioni, tra cui Non Una di Meno e Di.Re, la rete dei centri anti violenza.

Accanto a donne, che considerano il Ddl ‘discriminatorio’ nei loro confronti, anche moltissimi uomini, convinti anche loro che la proposta di legge debba essere “ritirata”. Secondo le femministe l’approvazione del decreto “viola i diritti” oltre che essere “fuori tempo“.
VIDEO – LA MANIFESTAZIONE A BOLOGNA (di Silvia De Santis)
“Sulle nostre vite nessuna mediazione, ora e sempre agitazione”, si legge nei cartelli sventolati a Venezia. O ancora: “Pillon, quanti sch..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, il giudice della Consulta Viganò incontra i detenuti: “Qui persone straordinarie, bisogna investire nelle carceri”

Questa mattina ha fatto tappa a Genova il progetto “Viaggio in Italia” realizzato con la collaborazione tra il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria e il Dipartimento della Giustizia minorile e di comunità, grazie al quale i detenuti di diverse case circondariali potranno incontrare i giudici della Corte Costituzionale per dialogare sull’articolo dedicato a quelli che dovrebbero essere i principi guida dell’ordinamento carcerario nel nostro Paese. “Ma se la legge è uguale per tutti, perché ci sono avvocati da 50 e da 500mila euro?” si susseguono dirette le decine di domande che i detenuti presenti all’incontro hanno potuto presentare a Francesco Viganò, giudice della Corte Costituzionale, che si è trattenuto con loro per oltre tre ore al Teatro dell’Arca, costruito dai detenuti stessi all’interno della casa circondariale. “La mia presenza qui vuole rimarcare che la Costituzione non si ferma fuori dalle mura del carcere, e chi è stato condannato deve poter guardare al futuro c..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, 270 chili di eroina scoperti in container dall’Iran: è il più grande sequestro degli ultimi vent’anni

Centinaia di chili di eroina erano nascosti all’interno di container provenienti dall’Iran arrivati al porto di Genova. Li ha scoperti la Polizia assieme all’Agenzia delle Dogane, al termine di una lunga indagine che ha portato a compiere il più grande sequestro di eroina degli ultimi venti anni: 270 chili di droga pronti per essere immessi sul mercato. L’operazione, coordinata dalla Dda, è nata dallo scambio di informazioni tra la Direzione centrale per i servizi antidroga e il Servizio centrale operativo (Sco).
Una volta sequestrata la droga, la Polizia ha organizzato ed eseguito la prima consegna controllata dell’eroina fuori dall’Italia: sotto il coordinamento del Servizio di cooperazione internazionale di polizia e di Eurojust, sono state coinvolte le forze dell’ordine e le autorità giudiziarie di Svizzera, Francia, Belgio ed Olanda, dove l’operazione si è conclusa con l’arresto di due persone.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Abusi edilizi, comuni non demoliscono: in 14 anni eseguito solo 19% delle ordinanze “Sindaci inerti per evitare di perdere voti”

Nel solo 2017 secondo il Cresme in Italia ci sono stati oltre 17mila nuovi abusi edilizi, più di tutte le demolizioni di immobili fuorilegge eseguite negli ultimi 15 anni, pari a circa 14mila. “Abbattere una casa è – ancora oggi – politicamente e socialmente impopolare. Se poi la legge non mi persegue, posso permettermi di non fare nulla e lasciare le cose come sono”, sintetizza un recente rapporto di Legambiente. Sul percorso verso la demolizione spesso spuntano ricorsi dei proprietari, ma anche inadempienze e mosse della politica: l’ultima, il condono di Ischia, contenuto nel dl Genova. Politica che spesso non manca di usare lo stop agli abbattimenti come arma elettorale. Da Silvio Berlusconi, che nel 2011 annunciò la moratoria per conquistare i voti dei campani, fino al sindaco del Comune siciliano di Palma di Montechiaro, che adesso rischia il rinvio a giudizio per aver sospeso le demolizioni.
Comuni inadempienti sulle demolizioni
Secondo l’Istat, a livello nazionale tra il 2005 e..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, la guerra di Bucci ai senzatetto: dopo le multe a chi rovista nei cassonetti, tolto anche il servizio di residenza

In principio furono i cassonetti. La lunga crociata della giunta di Marco Bucci per trasformare Genova, città di strada e di porto, nel “più bel sobborgo di Milano” – come proprio Bucci ebbe a dire in campagna elettorale – prese il via il 20 marzo: la maggioranza composta da Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Vince Genova (la lista civica del sindaco) approvò una modifica al Regolamento di polizia urbana che sanziona con una multa di 200 euro chi rovista nei cassonetti dell’immondizia. Poi, a maggio, un’ordinanza vietò il consumo di alcol in interi quartieri, con tanto di elenco dettagliato delle vie in cui si rischia una multa se pizzicati a bere una birra: “Non possiamo permettere che l’ubriachezza crei degrado e aumenti il grado di insicurezza percepita”, spiegarono dalla giunta. Il tutto condito da 340 telecamere installate in città, e in particolare nei caruggi del centro storico, con l’obiettivo dichiarato di portarle a 700, dotandole di un sistema di riconoscimento facciale..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, protesta dei portuali: “Lavoriamo con allerte meteo rischiando la vita. Operazioni devono essere sospese”

“Siamo tutti teste calde”, così il Collettivo Autonomo dei lavoratori portuali di Genova risponde al principale terminalista del porto, Aldo Spinelli, che nei giorni scorsi ha negato di aver fatto lavorare i suoi dipendenti in condizioni di pericolo o mancanza di sicurezza durante l’allerta rossa della scorsa settimana, quand’era arrivato a definire “testa calda” il lavoratore ritenuto “colpevole” di aver contattato i sindacati e testimoniato con video e immagini le condizioni nelle quali i portuali di Genova La Spezia e Savona sono stati costretti a lavorare. “Se chiamare i sindacati e chiedere che venga rispettato il diritto a un lavoro in condizioni di sicurezza è ritenuto un gesto da teste calde rispondiamo con questo presidio e con altre iniziative nei prossimi giorni – sottolinea Luca Franza del Calp – perché il Presidente dell’Autorità Portuale ha il diritto e il dovere di impedire ai terminalisti di far lavorare i propri dipendenti in condizioni di allerta meteo”. I lavoratori ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Anticorruzione, segnalazione di Cantone sulle concessioni pubbliche: dal gas alle autostrade, “troppe anomalie e criticità”

“Fenomeni particolarmente gravi di inosservanza o di applicazione distorta della normativa di settore”. Tradotto: concessioni scadute, dati divergenti, situazioni di monopolio di fatto. Parola dell’Autorità nazionale anticorruzione, che ha inviato al governo e al Parlamento un atto di segnalazione sui Concessionari pubblici. Il documento, a firma del presidente Raffaele Cantone, è particolarmente duro nel descrivere la situazione del settore, che a sentire l’Anac “ha fatto registrare una serie di fenomeni potenzialmente sintomatici di singolari criticità e anomalie”, che assumono “nuovo valore” dopo quanto accaduto a Genova. L’organismo presieduto dall’ex pm antimafia ha effettuato una serie di verifiche, nel corso delle quali ha incrociato i dati forniti dagli enti pubblici concedenti e dalle società concessionarie. Vari i campi analizzati, dal gas alle autostrade fino agli aeroporti.
IL RIFERIMENTO AL CROLLO DEL PONTE MORANDI
Nel documento in questione Raffale Cantone non ha fatto m..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Genova, in Aula solo “Sparuti rappresentanti del governo…”. E il battibecco tra Fico e Mulé (FI) è surreale

“Signor presidente, sparuti rappresentanti del governo, onorevoli colleghi…”. Sarà stata l’ora tarda, ma lo scambio di battute tra il presidente della camera Roberto Fico e il portavoce di Forza Italia Giorgio Mulé, innescato dall’incipit del discorso è surreale: “Che significa sparuti?” chiede Fico. “Che sono pochi…”, replica il deputato forzista. “Ma il governo è presente” ribatte di nuovo il presidente della Camera. Da lì, due minuti di involontaria comicità. Poi tutto riprende da dove era iniziato.
L'articolo Dl Genova, in Aula solo “Sparuti rappresentanti del governo…”. E il battibecco tra Fico e Mulé (FI) è surreale proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Rapallo, il recupero di un’imbarcazione incagliata alla foce del fiume San Francesco

La Liguria ancora alle prese con il maltempo. Intanto i sommozzatori e i soccorritori acquatici dei Vigili del fuoco hanno recuperato ieri pomeriggio un’imbarcazione che ostruiva la foce del fiume San Francesco a Rapallo. Dopo aver provveduto a mettere alcune panne per contenere la fuoriuscita di eventuali liquidi inquinanti, hanno proceduto alla messa in sicurezza.
L'articolo Rapallo, il recupero di un’imbarcazione incagliata alla foce del fiume San Francesco proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Genova, bagarre in aula tra deputati Pd e Fratelli d’Italia. Scendono dai banchi e vengono quasi alle mani

Momenti di tensione in aula alla Camera dei Deputati nel corso delle votazioni degli emendamenti sul decreto Genova. I deputati del Partito Democratico hanno avuto un diverbio acceso con i colleghi di Fratelli d’Italia. L'articolo Dl Genova, bagarre in aula tra deputati Pd e Fratelli d’Italia. Scendono dai banchi e vengono quasi alle mani proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Genova, via libera dalla Camera con 284 sì: Fdi vota con M5s e Lega. Pd e Leu contro. Forza Italia si astiene

Il via libera è arrivato dopo l’una di notte: la Camera ha approvato il decreto Genova. I sì sono stati 284, con i voti favorevoli dei partiti di governo, cioè Lega e Movimento 5 stelle, e quelli di Fratelli d’Italia. Votano contro i deputati del Pd e di Leu (67 i no), mentre sono stati 41 gli astenuti, tutti di Forza Italia. Il testo va ora al Senato per la seconda lettura.
A contrapporre i parlamentari di maggioranza e opposizione sono state soprattutto le norme previste per l’isola di Ischia e la questione idrocarburi nei campi. Si è arrivati quasi alle mani: rissa sfiorati tra i banchi di Pd e Fdi, con Guido Crosetto impegnato insieme ai commessi a riportare la calma. Solo dopo le 21 è arrivata la bocciatura a tutti gli emendamenti all’articolo 25 che contiene i discussi provvedimenti per i comuni di Ischia colpiti dal sisma del 21 agosto 2017.
di Agenzia Vista Montecitorio ha respinto un ordine del giorno del Pd che impegnava il governo “ad assicurare la realizzazione della “Gr..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Genova, stallo alla Camera: l’ok slitta ancora. Rissa sfiorata tra deputati Pd e Fdi. Bocciati gli emendamenti su Ischia

Accuse, smentite, letture contrapposte delle norme e una buona parte di 90 emendamenti ancora da votare, nonché gli ordini del giorno da discutere e le dichiarazioni di voto da fare prima del via libera finale. Che a questo punto potrebbe arrivare durante la notte o addirittura giovedì, perché il decreto Emergenze che contiene le norme per aiutare Genova in seguito al crollo del ponte Morandi è impantanato alla Camera. Un altro slittamento dopo il mancato approdo in Aula della scorsa settimana che aveva portato a fissare il voto finale nel pomeriggio del 31 ottobre. Ma lo scontro sulle norme previste per l’isola di Ischia e la questione idrocarburi nei campi ha stoppato nuovamente tutto. Si è arrivati quasi alle mani: rissa sfiorati tra i banchi di Pd e Fdi, con Guido Crosetto impegnato insieme ai commessi a riportare la calma. Solo dopo le 21 è arrivata la bocciatura a tutti gli emendamenti all’articolo 25 che contiene i discussi provvedimenti per i comuni di Ischia colpiti dal sisma ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Arenzano, la mareggiata è come uno tsunami: vetrate distrutte e personale dello stabilimento balneare spazzato via

La mareggiata che ha colpito le coste liguri si è abbattuta anche su Arenzano. In questo video, i Bagni Maddalena vengono travolti da un’ondata violenta: il personale, già impegnato nella pulizia del locale dopo il maltempo, ha provato a opporre resistenza, ma la forza dell’acqua l’ha avuto vinta. Fortunatamente, nessuno è rimasto ferito, salvo alcune contusioni per la titolare dello stabilimento balneare. Nel 2014, i proprietari avevano dovuto fare i conti con una tromba d’aria.
Video Facebook/Silvia Damonte
L'articolo Arenzano, la mareggiata è come uno tsunami: vetrate distrutte e personale dello stabilimento balneare spazzato via proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Decreto Genova, Pd vs M5s e governo: “Condoni e fanghi nascosti nel decreto, porcate firmate Di Maio”

Tensione e polemiche alla Camera nel giorno del voto sul decreto Genova. Ad attaccare il governo M5s-Lega sono stati i deputati della sinistra, Pd e Liberi e Uguali, scagliandosi sul tema condoni, non soltanto sul caso Ischia, ma anche in merito a quanto previsto nel provvedimento per il Centro Italia, nelle aree colpite dal terremoto. Tra le più critiche la deputata Alessia Morani: “Quando fate i condoni, non date la responsabilità al Pd. Quello edilizio su Ischia e sul Centro Italia sarà ricordato come una porcata a firma Di Maio”. Ma non solo. Il Pd ha anche attaccato sullo smaltimento dei fanghi: “Siete il partito e il Movimento delle marchette, dei condoni, dell’aggiramento delle norme antimafia, alla faccia di Genova”, ha attaccato pure Stefania Pezzopane. L'articolo Decreto Genova, Pd vs M5s e governo: “Condoni e fanghi nascosti nel decreto, porcate firmate Di Maio” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Decreto Genova, rallenta il voto alla Camera: seduta notturna. Scontro in Aula sul condono per Ischia

Da una parte l’ostruzionismo del Pd e dall’altra l’inserimento di nuovi emendamenti: seduta notturna alla Camera per arrivare alla fine della discussione sulle modifiche al decreto Genova. Il voto finale è previsto per mercoledì 31 ottobre entro le 15. L’allungamento dei tempi ha portato anche all’annullamento dell’assemblea congiunta dei parlamentari M5s che è stata fatta slittare al termine delle votazioni. Per tutta la giornata è stato al lavoro un comitato dei Nove per valutare le singole modifiche. Polemiche in Aula ci sono state al momento della discussione della parte del provvedimento che riguarda il condono Ischia. I deputati Pd hanno sollevato dei cartelli di protesta con la scritta “No al condono Di Maio” e intonato il coro “onestà, onestà”. Alcuni parlamentari hanno anche sventolato delle forchette: “Con il condono si mangia”, hanno detto. Dopo qualche istante e l’intervento degli assistenti parlamentari, il presidente della Camera Roberto Fico ha interrotto la seduta.
Il ..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Maltempo, 11 vittime per pioggia e vento: 61enne trovato morto in torrente nel Bellunese. “Strage” di yacht a Rapallo

Il maltempo che sta investendo l’Italia da Nord a Sud ha fatto 10 morti e danni ingenti in diverse regioni, con la Liguria e il Veneto particolarmente colpite nelle ultime ore. L’ultima vittima, Ennio Piccoli, 61 anni, di Falcade (Belluno), disperso da stamani dopo che la sua auto era stata trovata abbandonata vicino al torrente Biois, dove il suo corpo è stato ritrovato intorno alle 16. Un pescatore è invece morto affogato nel lago di Levico, in Trentino, per colpa di una raffica di vento che lo ha battuto in acqua lunedì pomeriggio mentre stava controllando lo stato della sua barca. Il suo corpo è stato recuperato questa mattina. Nella notte, sempre in Trentino, una donna è stata inghiottita dalla piena del torrente Melandrio, e un vigile del fuoco è stato travolto da un albero caduto a San Martino in Badia, nel Bolzanino. È stato recuperato il corpo di un surfista a Cattolica, sbattuto contro gli scogli dalle raffiche durante un’uscita in kite-surf.
Il 61enne morto nel Bellunese, l..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Maltempo, 9 morti per pioggia e vento: nella notte due vittime in Trentino-Alto Adige. Chiuso l’aeroporto di Genova

Il maltempo che sta investendo l’Italia da Nord a Sud ha fatto 9 morti e danni ingenti in diverse regioni, con la Liguria particolarmente colpita nelle ultime ore. Una donna inghiottita dalla piena del torrente Melandrio, in Trentino, e un vigile del fuoco travolto da un albero caduto a San Martino in Badia, nel Bolzanino, sono le ultime vittime del vento e della pioggia battente. I soccorritori hanno recuperato il corpo della donna a Dimaro, poche ore dopo il decesso, avvenuto attorno all’1, di un vigile del fuoco volontario in provincia di Bolzano. Ed è stato recuperato il corpo di un surfista a Cattolica, sbattuto contro gli scogli dalle raffiche durante un’uscita in kite-surf. Le tre vittime in Trentino-Alto Adige ed Emilia-Romagna si aggiungono ai sei morti accertati lunedì tra Napoli, Terracina, Frosinone, Savona e Feltre. Mentre è disperso da domenica un velista a Lido di Catanzaro e un uomo a Levico Terme. In totale, dall’inizio dell’emergenza, sono stati oltre 7mila gli interv..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Condono Ischia, il ministro Costa: “Ho espresso il mio disagio in Cdm. Spero che il Parlamento lo renda più accettabile”

“Ho espresso il mio disagio in Consiglio dei ministri”. Il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, non approva l’attuale formulazione dell’articolo 25 del decreto Genova che prevede una sanatoria per le case abusive di Ischia, legandola alla ricostruzione del terremoto del 2017. Si tratta di una delle norme più controverse contenute nel dl impantanato tra commissione Bilancio e Camera, che non verrà votato prima di mercoledì, perché – come denunciato dalle opposizioni e da Legambiente – si tratta di un condono e prevede il finanziamento della ricostruzione con soldi pubblici per chi ha visto danneggiata o distrutta la sua abitazione abusiva.
“Le case abusive le ho sequestrate nella mia vita precedente da generale della Forestale e dei Carabinieri. Non riesco neanche a parlare di condono. Mi affido al Parlamento per una rivisitazione dell’articolo che sia conforme al senso di giustizia“, ha detto Costa in un’intervista a Sky Tg24. E per questo il ministro confida che “il dibattito in Aul..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Decreto Genova, frenata per il mancato parere sulle coperture. Via libera parziale e con “condizioni”. Slitta il voto in Aula

L’esame degli emendamenti al decreto Genova alla Camera procede a singhiozzo e il voto finale slitta alla prossima settimana. I lavori sono stati sospesi più volte, prima per la mancanza del parere vincolante della commissione Bilancio di Montecitorio – poi arrivato per gli altri dall’1 all’11 ma con “condizioni” da recepire in Aula legate alle coperture finanziarie – e poi per la richiesta di convocare la conferenza dei capigruppo così a definire l’iter del provvedimento e dei 300 emendamenti collegati. Una richiesta arrivata da Pd e LeU e sulla quale il M5s si è trovato d’accordo.
Di fatto c’è l’ok su un quarto del dl, composto da 44 articoli. I continui inciampi porteranno allo slittamento del voto finale, previsto mercoledì. Oggi, lunedì e martedì verranno esaminati e votati gli emendamenti. “Chiudiamo la settimana prossima – ha detto il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro – in modo che il decreto possa essere trasmesso velocemente al Senato e approvato, p..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Ponte Morandi, interrogatori a Spea: “Relazioni tecniche ammorbidite”. La società: “I nostri controlli sono affidabili e verificati”

Le bozze delle relazioni tecniche sullo stato del viadotto Morandi furono modificate, “ammorbidite”. È quanto hanno scoperto i militari della Guardia di finanza genovese, guidati dal colonnello Ivan Bixio, interrogando gli ingegneri della società Spea nel corso delle indagini sul crollo del 14 agosto. Dagli interrogatori è emerso che alcuni documenti, riguardanti in particolare le condizioni degli stralli e dei piloni, sono stati cambiati a seguito delle riunioni con il coordinatore Maurizio Ceneri (sentito per tutta la giornata di mercoledì) mentre altri venivano modificati all’insaputa del dirigente.
Ora i pm Massimo Terrile e Walter Cotugno cercano di capire l’esatto motivo per cui le relazioni venivano falsate. L’ipotesi degli inquirenti è che gli ingegneri volessero negare la necessità di controlli più invasivi e più costosi sulla struttura. Intanto la Spea ha diffuso una nota in cui nega l’indiscrezione, diffusa dal Secolo XIX, che la valutazione delle condizioni di sicurezza de..

Continua a leggere...
Posted in PHM

In Aula si discute del dl Genova ma Toninelli è assente. Le opposizioni all’attacco: “Emblema dilettantismo del governo”

“Il ministro Toninelli non ha ritenuto di partecipare alla discussione. Toninelli è l’emblema del dilettantismo di questo governo. Un governo semplicemente incapace di governare”. A dirlo la deputata genovese del Pd, Raffaella Paita, che ha denunciato l’assenza del ministro (competente) alle Infrastrutture, Danilo Toninelli, mentre alla Camera era in corso la discussione sul dl Genova. Il collega Enrico Borghi ha aggiunto: “Pensavamo che la smania di protagonismo dimostrata dal ministro in questi mesi lo portasse in quest’Aula. E invece ci sbagliavamo”. Presente, per l’esecutivo, il sottosegretario Vito Crimi, che ha la delega sull’editoria.
L'articolo In Aula si discute del dl Genova ma Toninelli è assente. Le opposizioni all’attacco: “Emblema dilettantismo del governo” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, è morto don Federico Rebora: era l’altra metà di don Andrea Gallo

L’altra metà del Gallo. Senza don Federico Rebora, morto ieri a 91 anni, non ci sarebbe stata la Comunità di San Benedetto al Porto. La storia di Andrea Gallo sarebbe stata diversa. E anche quella di Genova. Strano a dirsi, di questo sacerdote così mite e riservato. Eppure solido e forte, come quelle sue grandi mani che agitava parlando. Mentre invece gli occhi ti osservavano dal basso, di sfuggita in una specie di carezza.
Andrea e Federico, difficile immaginare due persone così diverse. Ma proprio questo li ha uniti e ha creato quell’alchimia durata più di quarant’anni. A cominciare dalla telefonata che don Federico ricevette dalla Curia di Genova nel 1970, quando era parroco di San Benedetto da tre anni. “C’è un sacerdote da accogliere”, dicevano. Era don Andrea, reduce dall’esperienza nella chiesa del Carmine, dalle prime scintille con la gerarchia.
Rebora lo accolse come cappellano. E di lì tutto cominciò come raccontava don Federico: “Conoscevo Andrea, eravamo amici. All’inizio..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Dl Genova, il procuratore Cafiero De Raho: “Non si fa riferimento alle mafie”

“Quanto movimento terra ci sarà per la ricostruzione del ponte Morandi? Quante imprese interverranno per la costruzione? Quelli sono i circuiti in cui la ‘ndrangheta, la camorra e Cosa nostra si muovono di più”. Con due domande retoriche il procuratore nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, esprime le sue perplessità sul decreto Genova legate al rischio d’infiltrazione criminale nei lavori di ricostruzione. “Il decreto Genova è la più chiara dimostrazione di come evidentemente alle mafie non si pensi, perché in quel decreto è previsto che gli affidamenti avverranno anche in violazione delle discipline, salvo quelle penali. Quindi anche in violazione di discipline extrapenali, cioè interdittive, soggetti contigui, tutto ciò che è la barriera che è stata creata per quelle imprese mafiose che fanno il movimento terra“, ha detto il capo della Dna intervistato da Klaus Davi e Paolo Liguori durante la prima puntata di ‘Fatti e Misfatti – I Fuorilegge’ in onda su Tgcom24.
“I primi in..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Ponte Morandi, Cantone (Anac): “Norme antimafia nel decreto Genova per evitare problemi successivi”

“Pensare che esistano luoghi nel nostro Paese in cui la mafia è completamente estranea credo che sia un illusione che ormai nessuno coltiva davvero, le mafie e la cosiddetta ‘linea della palma’ si è molto alzata” così il presidente dell’Anac, autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, si è espresso oggi a Genova rimarcando le perplessità circa l’assenza di norme antimafia nel decreto Genova.
Gli ambiti dei nuovi cantieri maggiormente a rischio sono quelli di smaltimento rifiuti e movimento terra, peraltro quelle opere propedeutiche per cui il Dl Genova è in assoluto più “flessibile”. Così oggi pomeriggio il presidente dell’Anac incontrerà il sindaco Marco Bucci, commissario straordinario per la ricostruzione: “È nell’interesse di tutti fare in fretta e bene – sottolinea Raffaele Cantone – il nostro obiettivo è proprio quello di prevenire possibili problemi che potrebbero insorgere dopo. Ho indicato al Parlamento quando sono stato audito quali ritengo essere i problemi, poi s..

Continua a leggere...
Posted in PHM

Genova, il commovente addio di uno sfollato: “Con questo video vi saluto, lascio casa”

Pochi secondi di video girati nell’appartamento prima di andarsene. Un filmato commovente che risale allo scorso mese di agosto, realizzato da uno sfollato di via Fillak pochi istanti prima di lasciare l’appartamento: “Con questo video vi saluto, lascio la casa”.
La stessa cosa sta accadendo anche in queste ore, con i residenti che sono stati autorizzati ad entrare nelle proprie abitazioni per due ore, nel tentativo di recuperare i ricordi, gli oggetti abbandonati l’indomani del crollo del Ponte Morandi
L'articolo Genova, il commovente addio di uno sfollato: “Con questo video vi saluto, lascio casa” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Continua a leggere...