Gen 22, 2021
28 Views
Commenti disabilitati su Giustizia, Recovery Plan e ora la grana Udc. Ma Conte non si ferma. Dieci giorni di fuoco per l’Esecutivo. La priorità è blindare i numeri

Giustizia, Recovery Plan e ora la grana Udc. Ma Conte non si ferma. Dieci giorni di fuoco per l’Esecutivo. La priorità è blindare i numeri

Written by

Accelera su tutti i fronti il premier. Entra nel vivo il dibattito sul Recovery plan: Giuseppe Conte vedrà oggi i sindacati, lunedì le imprese, martedì sindaci e governatori. Ieri ha incontrato una delegazione di ex pentastellati, oggi si terrà una riunione dei componenti della commissione Affari costituzionali della maggioranza alla presenza anche del governo per accelerare sulla legge elettorale di tipo proporzionale. Ma soprattutto ieri sera in Cdm Conte ha ceduto, come aveva promesso, la delega sui Servizi a Pietro Benassi, attuale consigliere diplomatico del presidente del Consiglio. Sa benissimo che il governo si gioca tutto nel giro dei prossimi giorni. E che urge la costituzione di un gruppo consolidato, autonomo, in Parlamento che sostenga l’esecutivo.

Salvo rinvii, il 27 si voterà in Parlamento la relazione sulla giustizia del ministro Alfonso Bonafede. Matteo Renzi ha fatto sapere che voterà no e il centrodestra spera di unire i suoi voti a quelli di Iv al Senato per battere il governo. Ma non è detto che finirà come sperano Meloni e Salvini. A sorpresa lo stesso Renzi prova a rientrare in partita: “Siamo ancora in tempo per fermarci, il mio appello è ‘non fate un baratto di singoli parlamentari, tornate alla politica’”. Ma il premier non ha alcuna voglia di trattare con lui. Ecco allora che l’operazione dei costruttori va avanti. Si mira a far nascere una forza centrista, liberale, europeista e anti-sovranista nel segno di Conte.

Alla Camera – dove servono almeno 20 deputati per formare un gruppo – sta lavorando in questa direzione Bruno Tabacci. Il suo Centro democratico ha già 13 membri: “Presto arriveremo a 20”, annuncia Tabacci. Più complicate le manovre al Senato. Si guarda ai senatori di Iv che non hanno voglia di andare all’opposizione (si fanno i nomi di Comincini, Marino, Grimani, Carbone). E a quelli di Forza Italia. E poi c’è l’Udc che ha in dote tre senatori: De Poli, Binetti, Saccone. Ma il primo appare saldamente ancorato al centrodestra.

Sulla trattativa con l’Udc, però, piomba l’inchiesta che ha coinvolto il leader. Lorenzo Cesa, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, si è dimesso dalla segreteria del partito. Ma questa vicenda giudiziaria potrebbe provocare effetti contrapposti. Da una parte chiudere il canale di dialogo con l’Udc, dall’altra liberare definitivamente dal partito Binetti e Sacconi. Tanto Di Battista quanto Di Maio avvisano: “Mai il M5S potrà aprire un dialogo con soggetti condannati o indagati per mafia o reati gravi”.

Ma è un no a Cesa, non ai senatori. Ma se Pd, M5S e Leu hanno assicurato pieno appoggio alla strategia del premier (nuovo gruppo, patto di legislatura, rimpasto) le posizioni interne ai partiti sul da farsi non sono poi così granitiche. Tra tutti si consideri il Pd. Non c’è solo la questione di quanti vorrebbero ancora far tornare Renzi. Si discute anche sulle prossime mosse che attendono l’avvocato pugliese. C’è chi, come la delegazione democratica nel governo, preferisce che si optasse per un limitato rimpasto – che è poi la linea del premier – e c’è chi chiede il Conte ter. Ovvero dimissioni di Conte, reincarico di Mattarella allo stesso Conte, riassetto della squadra di governo.

Ed è quest’ultima versione che va affermandosi. Di Conte ter parla apertamente Goffredo Bettini. A frenare quanti nel Pd sperano di riallacciare i rapporti col senatore di Rignano (“Non basta fare la difesa d’ufficio di Conte”, dice il sindaco di Firenze, Nardella) c’è Andrea Orlando: “Per il Pd Conte rimane il punto di equilibrio di una coalizione, senza di lui la coalizione rischia di non esserci”. Il vicesegretario dem apre anche a una maggioranza Ursula, ovvero a quell’insieme di forze che hanno portato all’elezione della numero uno della commissione Ue. E che in Italia andrebbe, potenzialmente, da Forza Italia al M5S, passando per il Pd e altri soggetti europeisti. E che si potrebbe formare proprio sul Recovery plan.

 

 

L’articolo Giustizia, Recovery Plan e ora la grana Udc. Ma Conte non si ferma. Dieci giorni di fuoco per l’Esecutivo. La priorità è blindare i numeri sembra essere il primo su LA NOTIZIA.

Article Categories:
La Notizia il giornale

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy