Nov 22, 2020
24 Views
Commenti disabilitati su Tra M5S e Rousseau non c’è alternativa all’intesa. Continuano le frizioni tra i vertici M5S e Casaleggio. Ma alla fine l’accordo arriverà

Tra M5S e Rousseau non c’è alternativa all’intesa. Continuano le frizioni tra i vertici M5S e Casaleggio. Ma alla fine l’accordo arriverà

Written by
Pubblicità

DAVIDE CASALEGGIO

Davide Casaleggio presenterà lunedì prossimo il nuovo piano per la piattaforma Rousseau per i 2020-21. Le parole chiave del nuovo piano – dice il figlio del fondatore – saranno territorio e merito. Il fine è quello di rafforzare l’assemblea degli iscritti e quindi di far aumentare e recuperare il peso gravitazionale della piattaforma Rousseau che è stata negli ultimi tempi sotto attacco da parte di numerosi parlamentari Cinque Stelle, anche per motivi economici. Casaleggio richiama in una intervista lo Statuto e la divisione ivi sancita tra l’iniziativa politica e il ruolo della stessa piattaforma che deve concretizzare poi digitalmente il tutto.

Questo nuovo programma avviene nell’immediato a ridosso degli Stati Generali appena conclusi e che hanno visto la non partecipazione di Casaleggio in polemica con gli organi dirigenti del Movimento. Si tratta dunque di un ramoscello d’ulivo o di una clava? Intanto, insieme a Di Battista è sospettato di voler minare la maggioranza di governo, ma in ogni caso – ha prontamente dichiarato Casaleggio – su un eventuale sua modifica decideranno gli iscritti su Rousseau, cosa che turba molto i piani alti M5S. Ma lo stesso Luigi Di Maio si è detto disponibile a trovare un accordo con Rousseau.

Casaleggio ha peraltro anche lanciato una campagna di autofinanziamento 2020-21 per sopperire ai mancati introiti da parte dei parlamentari insolventi ed ha fatto notare che non serve una nuova segreteria essendoci già il Team del Futuro. Insomma alla situazione è confusa ed ancora incerta, ma è probabile e auspicabile che si trovi un accordo: se M5S e Rousseau prendessero strade diverse, del resto, sarebbe un po’ come se la falce e il martello scomparisse dalle bandiere dei partiti comunisti.

Non bisogna infatti dimenticare che il concetto di democrazia diretta che è il fondamento del “dogma M”, cioè del Movimento stesso, passa e si invera proprio nella piattaforma digitale che permette un rapporto diretto e dematerializzato tra elettore ed eletto. Rinunciare a Rousseau vorrebbe dire snaturare profondamente la natura del Movimento e quindi meglio trovare un nuovo spazio collaborativo, magari rivisto alla luce del profondo cambiamento emerso nella società, come del resto è fisiologico. Il Movimento sarà più forte con un nuovo Rousseau mentre si avvierebbe verso una malinconica normalizzazione in sua assenza.

L’articolo Tra M5S e Rousseau non c’è alternativa all’intesa. Continuano le frizioni tra i vertici M5S e Casaleggio. Ma alla fine l’accordo arriverà sembra essere il primo su LA NOTIZIA.

Article Categories:
La Notizia il giornale

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy