Ott 27, 2020
15 Views
Commenti disabilitati su L’aspirina riduce il rischio di complicanze e morte per i pazienti Covid? Uno studio

L’aspirina riduce il rischio di complicanze e morte per i pazienti Covid? Uno studio

Written by
Pubblicità

AGI – L’aspirina potrebbe ridurre il rischio dei pazienti con Covid-19 ricoverati di ammalarsi gravemente o morire. Uno studio della University of Maryland School of Medicine (UMSOM) ha scoperto, infatti, che assumere ogni giorno questo farmaco potrebbe diminuire di oltre il 40 per cento le probabilità di essere ricoverati in terapia intensiva o di aver bisogno di essere ventilati.

Inoltre, l’aspirina ha dimezzato il rischio di morire a causa di Covid-19, rispetto ai pazienti che non assumevano il farmaco. Secondo i ricercatori, i risultati dello studio offrono un “cauto ottimismo” circa l’uso dell’aspirina per aiutare a prevenire gravi complicazioni causate da Covid-19. Le conclusioni sono state pubblicate sulla rivista Anesthesia and Analgesia.

L’effetto sulla coagulazione del sangue

L’aspirina oggi viene utilizzata per alleviare dolore e febbre causati da mal di testa, mestruazioni, lesioni muscolari, raffreddore, influenza e artrite. Molte persone la assumono anche come anticoagulante per ridurre il rischio di infarti e ictus o per gestire una serie di patologie cardiache. Nel nuovo studio i ricercatori ritengono che l’aspirina possa essere utile contro Covid-19 in quanto contribuisce a prevenire la coagulazione del sangue. 

Tuttavia, soprattutto all’inizio della pandemia, i farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans), come appunto l’aspirina, sono finiti sotto accusa in quanto si ipotizzava che potessero peggiorare i sintomi del Covid-19. Alcuni studi hanno affermato che i Fans, che includono anche paracetamolo e ibuprofene, potrebbero aumentare le probabilita’ di morte dei pazienti con Covid-19 ospedalizzati. Ma le autorita’ sanitarie hanno sempre precisato che “non ci sono prove evidenti” che questi farmaci rappresentino un pericolo.

Il monitoraggio dei pazienti Covid

L’ultimo studio ha esaminato solo gli effetti dell’aspirina, analizzando i dati di persone che stavano già assumendo il farmaco per gestire una malattia cardiaca. I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di 412 pazienti con Covid-19 trattati presso il Medical Center dell’Università del Maryland a Baltimora e altri tre ospedali lungo la costa orientale.

Circa un quarto dei partecipanti stava assumendo un’aspirina a basso dosaggio (di solito 80 milligrammi) al giorno prima o proprio mentre erano ricoverati in ospedale con Covid-19. Secondo i risultati dello studio, coloro che usavano l’aspirina ogni giorno avevano un rischio inferiore del 43 per cento di essere ricoverati in terapia intensiva. Ed erano anche meno a rischio di dover essere collegati a un ventilatore.

I risultati hanno anche mostrato che l’aspirina ha ridotto il rischio di morire in ospedale di circa il 47 per cento, rispetto a coloro che non assumevano l’aspirina. “Si tratta di una scoperta cruciale che deve essere confermata attraverso uno studio clinico randomizzato”, dice Jonathan Chow, assistente professore di anestesiologia presso UMSOM e autore principale dello studio. “Se la nostra scoperta fosse confermata, l’aspirina diventerebbe il primo farmaco da banco ampiamente disponibile per ridurre la mortalità nei pazienti con Covid-19”, aggiunge. 

Article Tags:
· · · ·
Article Categories:
agi news

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy