Set 23, 2020
18 Views
Commenti disabilitati su Il 40% delle spiagge delle Hawaii rischia di sparire per colpa del cemento

Il 40% delle spiagge delle Hawaii rischia di sparire per colpa del cemento

Written by
Pubblicità

AGI – L’approccio reattivo e frammentario storicamente utilizzato per gestire le spiagge alle Hawaii non è riuscito a proteggerle. Se le politiche di urbanizzazione non vengono modificate, fino al 40% di tutte le spiagge di Oahu, Hawaii potrebbe essere perso prima della metà del secolo.

Sono i risultati di uno studio condotto da ricercatori del Coastal Geology Group presso l’Università delle Hawaii (UH) presso la Mānoa School of Ocean and Earth Science and Technology (SOEST) i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Scientific Reports.

In un’epoca di innalzamento del livello del mare, le spiagge devono migrare verso terra, altrimenti annegano. La migrazione sulla spiaggia, nota anche come ritiro del litorale, causa l’erosione costiera della proprietà privata e pubblica sulla spiaggia.

L’urbanizzazione con la costruzione di dighe o rivestimenti, interrompe la migrazione naturale della spiaggia verso l’entroterra, causando l’erosione della sabbia da parte delle onde, accelerando l’erosione costiera sulle proprietà vicine e condannando una spiaggia ad annegare mentre l’oceano continua a salire. Il team di scienziati, guidato dal ricercatore laureato presso il Dipartimento di Scienze della Terra SOEST Kammie Tavares, ha valutato la costa intorno a Oahu in tre scenari di innalzamento del livello del mare – tutti stimati prima e a breve dopo la metà del secolo.

Hanno identificato l’ubicazione e la gravità del rischio di irrigidimento del litorale e perdita di spiagge e una potenziale tempistica per l’aumento dei rischi di erosione. Le proprietà più minacciate rientrano in una “zona amministrativa a rischio di erosione”, un’area che probabilmente subirà rischi di erosione e si qualificherà per il processo di autorizzazione di emergenza per la realizzazione di opere murarie a difesa della costa che ne aumenteranno la rigidità.

“Valutando i modelli informatici della migrazione delle spiagge causata da 25 centimetri di innalzamento del livello del mare, un innalzamento di livello che ha un’alta probabilità che si verifichi prima della metà del secolo, abbiamo scoperto che le richieste di permessi di emergenza per la protezione della costa aumenterebbero”, ha detto Tavares.

Secondo la co-autrice, Tiffany Anderson, ricercatrice assistente presso il Dipartimento di Scienze della Terra, “Abbiamo stabilito che quasi il 30% di tutto il litorale sabbioso attuale di Oahu è già indurito, con un altro 3,5% trovato così minacciato che quelle aree oggi si qualificano per un permesso di emergenza. La nostra modellizzazione indica che, con l’innalzamento del livello del mare di circa 25 centimetri entro la metà del secolo, circa l’8% in più del litorale sabbioso sarà a rischio di indurimento, ovvero, quasi il 40% delle spiagge sabbiose di Oahu potrebbe essere perso”.

Article Tags:
· · · ·
Article Categories:
agi news

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy