Ago 6, 2020
33 Views
Commenti disabilitati su “Frodi e abusi”, la Procura di New York contro la lobby delle armi. Trump la difende: “Si sposti in Texas”

“Frodi e abusi”, la Procura di New York contro la lobby delle armi. Trump la difende: “Si sposti in Texas”

Written by
Pubblicità

Frodi finanziarie, uso disinvolto del denaro dell’associazione e corruzione: sono le accuse rivolte dal procuratore generale di New York Letitia James alla Nra, la National Rifle Association, potente lobby dei proprietari e produttori di armi con 5 milioni di iscritti e un appoggio dichiarato alla rielezione di Donald Trump.

Il presidente è intervenuto a difesa dell’associazione, intravedendo una ragione politica dietro l’inchiesta giudiziaria: “Penso che la Nra debba trasferirsi in Texas e lì si troverebbe davvero bene”, ha affermato il capo della Casa Bianca durante un colloquio con i giornalisti. “E’ una cosa proprio terribile quella appena accaduta”, ha aggiunto.

Secondo James, il presidente dell’associazione Wayne LaPierre e altri tre alti dirigenti dell’Nra usavano i fondi e le donazioni dei membri “come il proprio porcellino salvadanaio”, spendendo decine di milioni di dollari per sé e i propri sodali in violazione delle leggi sulle organizzazioni non-profit. 

I quattro “hanno sostanzialmente saccheggiato i suoi beni“, lasciando il gruppo un tempo ricco che pompava milioni di dollari nelle campagne politiche repubblicane essenzialmente insolvente, ha detto James.

Per decenni l’NRA ha rappresentato il punto di vista di milioni di proprietari di armi e di appassionati in tutti gli Stati Uniti, lottando con notevole successo per allentare ed eliminare le leggi sul controllo delle armi, citando il secondo emendamento della Costituzione sul diritto di portare armi.

È stata in grado di plasmare classi politiche sostenendo i candidati che si schieravano sulle sue posizioni e contrastando coloro che sostenevano la regolamentazione delle armi da fuoco.

James ha detto che LaPierre, che ha gestito l’Nra per quasi tre decenni, ha usato illecitamente i fondi dell’associazione per pagare i jet privati per i viaggi della sua famiglia in frequenti vacanze di lusso alle Bahamas. LaPierre ha anche accettato regali sontuosi e viaggi da fornitori dell’Nra, e si è dato un pacchetto pensionistico da 17 milioni di dollari senza l’approvazione del consiglio di amministrazione dell’associazione.    

L’ex tesoriere Wilson Phillips è accusato di essersi assunto come consulente dell’organizzazione per 1,8 milioni di dollari, e di aver nascosto decine di milioni di dollari di spese per i dirigenti dell’Nra come pagamenti al suo appaltatore di pubbliche relazioni, Ackerman Queen. Altri due dirigenti sono stati accusati anche di pratiche nepotistiche.      

L’influenza dell’Nra è stata così potente che l’organizzazione è rimasta incontrollata per decenni, mentre i top manager hanno incanalato milioni di dollari nelle loro tasche”, ha detto James. “L’Nra è piena di frodi e abusi, ed è per questo che oggi cerchiamo di scioglierla, perché nessuna organizzazione è al di sopra della legge”.  La causa è arrivata mentre ci si aspettava che l’Nra, sebbene finanziariamente indebolita, avrebbe pompato ingenti somme nelle imminenti elezioni presidenziali e congressuali di novembre. 

Article Tags:
· · · ·
Article Categories:
agi news

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy