Giu 3, 2020
18 Views
Commenti disabilitati su Operazione Mago. Sigilli al patrimonio milionario di imprenditori vicini alla ‘ndrangheta

Operazione Mago. Sigilli al patrimonio milionario di imprenditori vicini alla ‘ndrangheta

Written by
Pubblicità

Operazione Mago. Sigilli al patrimonio milionario di imprenditori vicini alla ‘ndrangheta

Ammonta a oltre due milioni di euro il valore complessivo dei beni sequestrati questa mattina dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma. Le fiamme gialle stanno eseguendo il sequestro dei beni nei confronti di imprenditori contigui al clan di ‘ndrangheta Mancuso di Limbadi nell’ambito dell’operazione Mago. Il provvedimento, emesso dalla Sezione Specializzata Misure di Prevenzione del Tribunale capitolino su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Roma, trae origine dall’approfondimento del curriculum criminale e della posizione patrimoniale di Luigi Ferruccio Bevilacqua (52enne, deceduto nel 2018), arrestato dalle Fiamme Gialle nel 2015, nell’ambito dell’operazione “Hydra”, per i reati di usura, intestazione fittizia di beni ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria. Nel 2009, Bevilacqua, definito da alcuni collaboratori di giustizia come “colletto bianco”, usuraio e riciclatore vicino alla cosca Mancuso, aveva deciso di trasferirsi dalla Calabria a Roma per scontare la misura dell’obbligo di dimora ma aveva mantenuto i rapporti con la terra d’origine e proseguito le attività illecite per le quali è stato poi arrestato. Emblematico il contenuto di alcune intercettazioni: “… siamo sempre vicini, siamo sempre una famiglia… questo non c’è dubbio…”. I proventi venivano reinvestiti in bar, ristoranti, pescherie e rivendite di orologi, tutti nella zona di piazza Bologna, che sono stati sequestrati nel corso della citata operazione nonostante la loro reale titolarità fosse stata “schermata” utilizzando compiacenti “prestanome”. Le indagini del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria hanno consentito di ricostruire le ricchezze illecitamente accumulate nel tempo e dimostrare la loro notevole sproporzione rispetto ai redditi dichiarati. Il sequestro ha riguardato beni riconducibili a Bevilacqua, ai suoi due figli Renato, 49enne, e Alessandro, 46enne, anche loro arrestati nel 2015 e a due imprenditori. Il sequestro ha quindi riguardato: 9 unità immobiliari, site a Roma e Torre Boldone ; 14 lingotti d’oro del peso complessivo di circa 5 kg; 4 automezzi; – disponibilità finanziarie, il cui valore supera i 2 milioni di euro.
Ammonta a oltre due milioni di euro il valore complessivo dei beni sequestrati questa mattina dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma. Le fiamme gialle stanno eseguendo il sequestro dei beni nei confronti di imprenditori contigui al clan di ‘ndrangheta Mancuso di Limbadi nell’ambito dell’operazione Mago. Il provvedimento, emesso dalla Sezione Specializzata Misure di Prevenzione del Tribunale capitolino su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Roma, trae origine dall’approfondimento del curriculum criminale e della posizione patrimoniale di Luigi Ferruccio Bevilacqua (52enne, deceduto nel 2018), arrestato dalle Fiamme Gialle nel 2015, nell’ambito dell’operazione “Hydra”, per i reati di usura, intestazione fittizia di beni ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria. Nel 2009, Bevilacqua, definito da alcuni collaboratori di giustizia come “colletto bianco”, usuraio e riciclatore vicino alla cosca Mancuso, aveva deciso di trasferirsi dalla Calabria a Roma per scontare la misura dell’obbligo di dimora ma aveva mantenuto i rapporti con la terra d’origine e proseguito le attività illecite per le quali è stato poi arrestato. Emblematico il contenuto di alcune intercettazioni: “… siamo sempre vicini, siamo sempre una famiglia… questo non c’è dubbio…”. I proventi venivano reinvestiti in bar, ristoranti, pescherie e rivendite di orologi, tutti nella zona di piazza Bologna, che sono stati sequestrati nel corso della citata operazione nonostante la loro reale titolarità fosse stata “schermata” utilizzando compiacenti “prestanome”. Le indagini del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria hanno consentito di ricostruire le ricchezze illecitamente accumulate nel tempo e dimostrare la loro notevole sproporzione rispetto ai redditi dichiarati. Il sequestro ha riguardato beni riconducibili a Bevilacqua, ai suoi due figli Renato, 49enne, e Alessandro, 46enne, anche loro arrestati nel 2015 e a due imprenditori. Il sequestro ha quindi riguardato: 9 unità immobiliari, site a Roma e Torre Boldone ; 14 lingotti d’oro del peso complessivo di circa 5 kg; 4 automezzi; – disponibilità finanziarie, il cui valore supera i 2 milioni di euro.

http://www.cn24tv.it/rss/calabria.html

Article Categories:
In Calabria

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy