Mag 12, 2020
19 Views
Commenti disabilitati su Syndrome consiglia: Downton Abbey

Syndrome consiglia: Downton Abbey

Written by

Syndrome consiglia: Downton Abbey

Siamo a primavera inoltrata, fuori c’è il sole ma che importa? 

Tanto siamo chiusi in casa e lo saremo anche nella fase 2, perché non ci abbiamo capito nulla di che cosa sia la fase 2, tolto il fatto che rivedremo spesso la suocera. Per metabolizzare questa cruda realtà possiamo piangere, bere vodka e urlare dal balcone, oppure possiamo piangere e bere vodka davanti a una bellissima serie tv, magari drammatica, magari in costume come Downton Abbey. Ambientata tra il 1912 e il 1927, Downton Abbey ci porta in un gigantesco, sfarzoso, castello della campagna inglese, dove vivono serviti e riveriti il conte e la contessa di Grantham con le loro spocchiosette figlie Mary, Edith e Sybil. Contemporaneamente sono narrate le vicende dei numerosi domestici che vivono al piano di sotto, Downstairs, in un intreccio perfetto di intrighi, scandali e passioni amorose da far impallidire tutte le stagioni di Beautiful. 

Ma c’è tanto altro. La grandezza di Downton Abbey sta nella caratterizzazione dei personaggi, nell’ambientazione storica affascinante, nei dialoghi ironici tipici del miglior umorismo inglese e nei magnifici costumi, che vi faranno letteralmente vergognare della vostra, seppure affezionata, tuta da quarantena. 

E poi la suocera vi sembrerà un agnellino dopo che avrete conosciuto Lady Violet (Maggie Smith), l’invincibile contessa madre, divertente, arguta, incontestabile. Senza dubbio il personaggio più amato della serie. Imparerete a memoria le sue battute e pur di pronunciarle le userete a casaccio, fuori contesto, come delle pazze squinternate.   

Inoltre, come ogni serie che si rispetti, anche Downton Abbey ha la sua Joey Potter (Dawson’s Creek): ovvero personaggio femminile odioso e insopportabile di cui tutti gli uomini si innamorano. L’algida, impassibile Lady Mary Crawley, figlia primogenita e prediletta, empatica come un sasso e simpatica come un pugno in un occhio. La odierete liberamente, adesso che non potete più inveire contro i runner e su chi porta a spasso il cane, per sfogare la vostra indole gelosa e pettegola. A scopo terapeutico, s’intende. 

I Crawley diventeranno i vostri nuovi amici (immaginari) e potrete vederli comodamente dal divano di casa, senza il pericolo di beccarvi una multa, una denuncia o una pubblica gogna.  

L’articolo Syndrome consiglia: Downton Abbey proviene da Syndrome Magazine.

Siamo a primavera inoltrata, fuori c’è il sole ma che importa?  Tanto siamo chiusi in casa e lo saremo anche nella fase 2, perché non ci abbiamo capito nulla di che cosa sia la fase 2, tolto il fatto che rivedremo spesso la suocera. Per metabolizzare questa cruda realtà possiamo piangere, bere vodka e urlare […]

L’articolo Syndrome consiglia: Downton Abbey proviene da Syndrome Magazine.

Simona Russo

Article Categories:
Lifestyle & Satira

Comments are closed.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy