Mag 12, 2020
63 Views

“Sotto la veste islamica…”. Silvia Romano, parole forti da Carlo Taormina: “È quello che voglio credere”. Ed è polemica

Written by

Parole dure quelle di Carlo Taormina che ha da ridire e puntualizzare il suo punto di vista sulla vicenda di Silvia Romano, la cooperante italiana liberata dopo 18 mesi di prigionia e convertita all’Islam, col nome di Aisha. Il celebre avvocato infatti commenta e rilancia le voci, smentite da più parti, secondo le quali sarebbe incinta. Tesi a cui Taormina sembra dare credito. Su Twitter, infatti, scrive: “Silvia Romano, che si dice incinta di un terrorista, o è stata stuprata e costretta a vestirsi con la tenda verde per tornare a casa (ed avrebbe massima comprensione) o ha fatto il passo ed è una terrorista. Io credo alla prima ipotesi, altrimenti non sarebbe venuta in Italia”, conclude Carlo Taormina.

E proprio in queste ore il coordinatore della sezione antiterrorismo della Procura di Milano, Alberto Nobili, ha aperto un’indagine contro ignoti per gli insulti e le minacce apparse sui social network e in alcune lettere rivolte a Silvia Romano, la cooperante rapita e liberata sabato scorso in Somalia. (Continua a leggere dopo la foto)

L’ipotesi è di minacce aggravate. Attorno a Silvia già da domenica, al suo arrivo in Italia, è sorta una campagna di odio. Per questo la Prefettura di Milano, città in cui lei vive con la famiglia e dove ieri è rientrata, sta valutando misure di protezione e il palazzo del Casoretto in cui abita è già sorvegliato dalle forze dell’ordine. (Continua a leggere dopo la foto)

Ora dopo gli insulti e le minacce anche di morte (vicino a casa della ragazza è stato trovato anche un volantino) legate in particolare alla conversione all’Islam, maturata dalla ragazza durante la prigionia, il pm Nobili ha aperto un’inchiesta. C’è un frequente passaggio di auto delle forze dell’ordine lungo la via del quartiere Casoretto di Milano in cui abita la giovane. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
A differenza di ieri non c’è il presidio fisso di auto di polizia e carabinieri, ma le pattuglie rallentano passando davanti al palazzo. È alzata la tapparella della finestra al secondo piano da cui Silvia Romano si è affacciata ieri per ringraziare la folla di persone che la attendeva. Sul portone del condominio sono ancora incollati i cartelli con i messaggi di bentornato per la giovane cooperante.

Ti potrebbe anche interessare: “Vi butto fuori a calci in c***”. Mara Venier furiosa: l’audio choc dietro le quinte di Domenica In. Cosa è successo alla ‘zia’

L’articolo “Sotto la veste islamica…”. Silvia Romano, parole forti da Carlo Taormina: “È quello che voglio credere”. Ed è polemica proviene da Caffeina Magazine.

“Sotto la veste islamica…”. Silvia Romano, parole forti da Carlo Taormina: “È quello che voglio credere”. Ed è polemica
Caffeina Magazine

Article Tags:
Article Categories:
Caffeina Magazine

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy