Mag 29, 2020
18 Views
Commenti disabilitati su Regioni, attesi nuovi dati Iss sul monitoraggio. Brusaferro: “Ripresa mobilità sarà una sfida. Scenari prevedono seconda ondata in autunno”

Regioni, attesi nuovi dati Iss sul monitoraggio. Brusaferro: “Ripresa mobilità sarà una sfida. Scenari prevedono seconda ondata in autunno”

Written by
Pubblicità

Regioni, attesi nuovi dati Iss sul monitoraggio. Brusaferro: “Ripresa mobilità sarà una sfida. Scenari prevedono seconda ondata in autunno”Regioni, attesi nuovi dati Iss sul monitoraggio. Brusaferro: “Ripresa mobilità sarà una sfida. Scenari prevedono seconda ondata in autunno”

La possibile ripresa degli spostamenti tra regioni a partire dal 3 giugno continua a dividere i governatori. I due fronti restano la riapertura dei territori più colpiti dal Covid, in primis la Lombardia, e il passaporto sanitario proposto del governatore della Sardegna, Christian Solinas. Giovedì il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, ha chiarito che non ci saranno distinzioni nella ripresa della mobilità, bollando come “incostituzionale” l’idea di Solinas. Per placare le polemiche e arrivare a una decisione, il governo aspetta i dati Iss sul monitoraggio del contagio nelle regioni che dovrebbero arrivare oggi al ministero della Salute: da quei numeri si partirà per trovare un’intesa nella conferenza Stato-regioni convocata per sabato. “Con la prossima settimana ci avviamo a una sfida: sarà ancora più importante perché sarà liberalizzata la mobilità tra regioni e anche quella internazionale”, dice il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, in audizione alla Camera.

Brusaferro sottolinea poi che la ripresa della mobilità extra-regionale “richiederà una capacità ancora più attenta di monitorare e rispondere a focolai”. Bisogna farsi trovare pronti, avverte il presidente dell’Iss, anche perché è concreto il rischio di una seconda ondata in autunno: “Per gli scenari che immaginiamo, in autunno una patologia come il Sars-cov-2, che è trasmessa da droplet, si può maggiormente diffondere e si può confondere con altre sintomatologie di tipo respiratorio” e “la famosa ipotesi della seconda ondata è collegata a questo, che, dal punto di vista tecnico scientifico è un dato obiettivo“.

Lo scontro sul passaporto sanitario – La proposta di Solinas era stata fortemente criticata dal sindaco di Milano, Beppe Sala. Oggi il presidente sardo risponde: “Non abbiamo chiesto nulla di impossibile. Solo una cautela in più, un semplice certificato ai turisti che vogliamo accogliere a braccia aperte”. “Inaccettabile che chi ha sottovalutato la portata della pandemia fin dall’inizio, baloccandosi in ideologici aperitivi pubblici contro la paura, assurga oggi al ruolo di censore delle cautele altrui”, scrive poi Solinas rivolto a Sala.

Non tutte le regioni però condividono la precauzione proposta dalla Sardegna. “Io sono totalmente contrario ai passaporti sanitari, sarebbero ingestibili: non si capisce chi dovrebbe farli, come, quando e in che modo. Bisogna lavorare tutti insieme, siamo un unico Paese e bisogna evitare accuse e controaccuse“, afferma, a Mattino5, il governatore della Regione Emilia Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, secondo il quale i passaporti sanitari sono “inutili e impossibili da realizzare”.

Lombardia, Gallera: “Data chiave l’8 giugno” – L’altra preoccupazione rimane la situazione della Lombardia, dove anche ieri sono stati registrati il 64% dei quasi 600 nuovi contagi nazionali. Dopo l’uscita dei dati sul contagio relativi a giovedì, il governatore lombardo Attilio Fontana si è detto comunque sicuro che dal 3 giugno anche i lombardi saranno liberi di circolare. “Ci vuole ancora prudenza per capire se siamo in una fase nuova e diversa oppure no”, spiega però l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, aggiungendo che “per fare una valutazione complessiva su quella che è la diffusione” dei contagi dopo nel riaperture della fase 2 “la data cardinale è l’8 giugno“.

Lazio, D’Amato: “Troppe pressioni per riaprire” – “Ci sono troppe pressioni, anche sul Comitato tecnico scientifico. Se servirà, prenderemo delle contromisure. Non accetteremo forzature”, commenta l’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato. “Sapete quanti treni ci sono ogni giorno tra Roma e Milano? Io spero che ci sia grande scrupolo nel prendere le decisioni, vedo troppe pressioni“, dice l’assessore in un’intervista al Messaggero. “Ci siamo dati un metodo – sottolinea D’Amato – si deve decidere sulla base di una serie di indicatori, sui numeri. Se le decisioni saranno prese sulla base di riscontri scientifici, non avremo nulla da eccepire. Se invece si cederà alle pressioni di tipo politico, prenderemo delle contromisure”, avverte l’assessore della giunta Zingaretti, che al Messaggero parla di pressioni “soprattutto da parte di partiti come la Lega“. Se si cederà a queste pressioni, “non dico che faremo ciò che minaccia la Sardegna, dico però che dovremo prevedere delle contromisure“, spiega D’Amato.

L’articolo Regioni, attesi nuovi dati Iss sul monitoraggio. Brusaferro: “Ripresa mobilità sarà una sfida. Scenari prevedono seconda ondata in autunno” proviene da Il Fatto Quotidiano.

La decisione sulla riapertura dei confini dal 3 giugno continua a dividere i governatori. Solinas difende la sua proposta di un passaporto sanitario: “Una cautela in più, ho solo chiesto un certificato”. Bonaccini contrario: “E’ inutile. Ora lavorare tutti insieme, evitare accuse e controaccuse”. L’altro fronte è la Lombardia, Gallera: “Per capire evoluzione contagio data chiave è l’8 giugno”

L’articolo Regioni, attesi nuovi dati Iss sul monitoraggio. Brusaferro: “Ripresa mobilità sarà una sfida. Scenari prevedono seconda ondata in autunno” proviene da Il Fatto Quotidiano.

F. Q.

Article Categories:
Il fatto quotidiano

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy