Mag 21, 2020
13 Views
Commenti disabilitati su Fase due? No, ancora cinque minuti

Fase due? No, ancora cinque minuti

Written by

Fase due? No, ancora cinque minuti

16, 17, 18 … tutti fuoriiii. Allora? Tu dove andrai per prima cosa? Cibo o shopping? Parrucchiere o estetista? Penso, mentre affacciata alla finestra accarezzo la mia treccia che ormai, in piena fase 2, arriva a metà schiena… senti un po’ che freschino che fa, non vorrei che, se non ho preso finora il Covid mi fregasse il colpo d’aria. Ma forse sai, io sto ancora un po’ a casa. 

A me è presa un po’ così questa fase 2: nessuna corsa bulimica verso qualcosa che mi è stato negato per mesi e di cui ora vorrei riappropriarmi tutto in una volta e nessun desiderio di togliermi quell’unico sfizio di cui ho sentito davvero la mancanza. Certo, aspetto come una adolescente innamorata il messaggio dell’estetista per prendere un appuntamento, ma tutto qui. Forse che mi sono abituata a questo modo di vivere, quarantena state of mind? Non lo so. È vero che sicuramente sono stata tra quelle più dure a cedere al cambiamento delle abitudini: ho continuato a  non fare sport (se non lo facevo prima del lockdown perché avrei dovuto farlo adesso?), ho continuato a mangiare cibo schifezza alternato a cibo sano, cosa che mi ha permesso di rimanere negli stessi abiti di sempre, non mi sono data allo shopping compulsivo online. Da una settimana invece mi sono piegata alle nuove regole, altrimenti mi stavo per piegare davvero, e ho iniziato a fare un po’ di yoga la mattina appena alzata, ho comprato online un tostapane per cambiare la mia colazione in una sana tazza di caffè con due toast alla marmellata, e devo dire che queste novità casalinghe mi stanno molto bene, perché dovrei smettere proprio ora, per mettermi in macchina e tornare a lavorare in ufficio? No, ancora un altro po’. Non è paura del contagio, e neppure biasimo chi invece fuori ci è andato e ne è felice, anzi beati loro, ognuno faccia quello che si sente di fare.

Ho letto che la chiamano sindrome della capanna, ma nel mio caso la chiamerei sindrome da primo giorno di saldi. Avete presente no? Tutti accalcati, alla ricerca della migliore offerta, tu sei uscita perché magari avevi solo bisogno di rinnovare il parco mutande, e ti ritrovi a fare un’ora di fila da Tezenis e alla fine hai pure sbagliato tutte le misure perché nel caos generale non ti hanno fatto provare la roba. Torni a casa stordita, con il mal di testa e 5 maglioni fuori stagione perché nei negozi hanno messo fuori anche gli avanzi di Natale.

Ecco, io mi sento così, come il gatto che miagola e rompe le scatole davanti alla porta del terrazzo per uscire di casa, ma appena apri la porta dà un’occhiata dubbiosa fuori, ci pensa e dice: forse dopo.

L’articolo Fase due? No, ancora cinque minuti proviene da Syndrome Magazine.

16, 17, 18 … tutti fuoriiii. Allora? Tu dove andrai per prima cosa? Cibo o shopping? Parrucchiere o estetista? Penso, mentre affacciata alla finestra accarezzo la mia treccia che ormai, in piena fase 2, arriva a metà schiena… senti un po’ che freschino che fa, non vorrei che, se non ho preso finora il Covid […]

L’articolo Fase due? No, ancora cinque minuti proviene da Syndrome Magazine.

Kia

Article Categories:
Lifestyle & Satira

Comments are closed.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy