Mag 28, 2020
24 Views
Commenti disabilitati su Decreto Rilancio, mobilitazione Usb in Calabria

Decreto Rilancio, mobilitazione Usb in Calabria

Written by
Pubblicità

Decreto Rilancio, mobilitazione Usb in Calabria

Ritorna in piazza l’Unione sindacale di base. E lo farà venerdì 29 maggio davanti la Prefettura di Catanzaro per “aprire una vertenza” del settore sanitario. All’origine della protesta ci sono le retribuzioni dei medici e degli infermieri, l’Usb viole capire “se sono adeguate al loro lavoro e se soprattutto sono in linea con quelle di altri colleghi europei – ripianate le 4000 unità lavorative perse in Calabria durante i 10 anni di commissariamento”. L’Usb riassume le motivazioni protestando contro il decreto Rilancio, nel quale si parla solo di “assunzioni temporanee”, nel quale “non sono previste assunzioni sufficienti nemmeno per i nuovi posti di terapia intensiva”. “Nessuna traccia della proroga delle procedure di stabilizzazione dei tanti precari della sanità. Dal testo finale scompaiono anche i soldi per i bonus premianti che erano stati promessi”. Per questo motivo venerdì 29 maggio l’USB sarà presente con un presidio di protesta davanti le prefetture calabresi alle 10.30 e sotto la sede del Ministero della Salute a Roma a rivendicare, assunzioni, stabilizzazione, retribuzioni per il personale. Ripristino posti letto, rilancio dei servizi territoriali, rafforzamento della sanità pubblica e ancora assunzioni a beneficio dei cittadini e a tutela del diritto alla salute.
Ritorna in piazza l’Unione sindacale di base. E lo farà venerdì 29 maggio davanti la Prefettura di Catanzaro per “aprire una vertenza” del settore sanitario. All’origine della protesta ci sono le retribuzioni dei medici e degli infermieri, l’Usb viole capire “se sono adeguate al loro lavoro e se soprattutto sono in linea con quelle di altri colleghi europei – ripianate le 4000 unità lavorative perse in Calabria durante i 10 anni di commissariamento”. L’Usb riassume le motivazioni protestando contro il decreto Rilancio, nel quale si parla solo di “assunzioni temporanee”, nel quale “non sono previste assunzioni sufficienti nemmeno per i nuovi posti di terapia intensiva”. “Nessuna traccia della proroga delle procedure di stabilizzazione dei tanti precari della sanità. Dal testo finale scompaiono anche i soldi per i bonus premianti che erano stati promessi”. Per questo motivo venerdì 29 maggio l’USB sarà presente con un presidio di protesta davanti le prefetture calabresi alle 10.30 e sotto la sede del Ministero della Salute a Roma a rivendicare, assunzioni, stabilizzazione, retribuzioni per il personale. Ripristino posti letto, rilancio dei servizi territoriali, rafforzamento della sanità pubblica e ancora assunzioni a beneficio dei cittadini e a tutela del diritto alla salute.

http://www.cn24tv.it/rss/calabria.html

Article Categories:
In Calabria

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy