Apr 24, 2020
21 Views
Commenti disabilitati su Syndrome coonsiglia: Impacco nutriente per capelli

Syndrome coonsiglia: Impacco nutriente per capelli

Written by

Syndrome coonsiglia: Impacco nutriente per capelli

Per la saga “parrucchiere scansate” oggi proviamo un nuovo impacco, che ridonerà corpo e luce ai nostri capelli.

Mi piacerebbe potervi scrivere che riempirà le vostre doppie punte, che riparerà i vostri capelli danneggiati, che permetterà di nutrire il fusto dei vostri capelli come i rami di un albero e, come i rami di un albero essi cresceranno forti e rigogliosi… ma vi direi un sacco di cazzate e mentirei sapendo di mentire.

Anche perché i capelli sono roba morta. Ma a noi questi cadaverini sulla testa ci piacciono tanto e quindi ce ne prendiamo cura, (come faceva Anthony Perkins in Psyco con sua madre impagliata) e, siccome siamo in quarantena e i parrucchieri sono chiusi, lo facciamo a casa nostra. IN CUCINA.

Procediamo oggi con un impacco nutriente usando olio d’oliva e miele.

Prima di cominciare devo darvi una notizia che potrebbe alterare certi equilibri:

  • l’olio NON IDRATA! E’ una leggenda metropolitana. Gli oli non hanno proprietà idratanti perché non contengono acqua e neanche mucillagini! Sono però ricchi di acidi grassi e hanno proprietà nutrienti ed emollienti. Per approfondire l’argomento guardate qui.

Potete sostituire l’olio di oliva con olio di cocco oppure olio di mandorle. Vi sconsiglio quello di ricino perché è molto viscoso e appesantisce particolarmente le lunghezze. L’olio di ricino lo possiamo usare solo in cute per fortificare i follicoli.

L’ impacco di oggi si può fare una volta ogni due settimane o ogni tre, per evitare di fare casino e avere uno spiacevole effetto rebound. Less is more!

Ingredienti (capelli alle spalle):

  • un cucchiaino raso di olio di oliva
  • un cucchiaio di miele

Procedimento:

Scaldate a bagno maria l’olio di oliva unito al miele, fate in modo che il composto diventi tiepido.

Tra che prendete l’olio, pulite la bottiglia che si unge sempre, prendete il miele e lo versate, ripulite il ripiano dove è colato il miele  (che non si capisce perché cola sempre quel maledetto) so passati ‘na decina di minuti. Dai.

Una volta che il composto è tiepido procediamo l’applicazione.

Mettete su una musica rilassante che fa tanto figo.

Inumidite cute e lunghezza (gli oli vanno sempre usati con i capelli bagnati) e “pucciate” i polpastrelli del composto appena creato. Massaggiate tuuuutto il capo con movimenti circolatori, in un senso e nell’altro, dolcemente. Come fossero carezze. Chiudete gli occhi… Visualizzate i pascoli, distese di prati, le vacche… oppure immaginate il mare e il dolce massaggio che vi fa quando fate il morto a pelo dell’acqua sentendovi parte dell’immenso.

Giusto un attimo prima che arrivi l’onda che vi fa bere quella chilata di sale. Immaginate, godete di questo momento (anche perché con tutta probabilità è l’unica cosa che possiamo fare quest’anno) .

Andate avanti così per circa 5 minuti, ma anche 6. Volendo anche 7. Fino ad un massimo di 10 minuti se no poi vi cadono i capelli.

Dopo la cute passate alle lunghezze, ciocca per ciocca, dopo aver inumidito le mani con il composto procedete a impaccare le lunghezze. NON ESAGERATE. Le mani dovranno essere inumidite, non bagnate di olio, altrimenti non riuscirete a toglierlo neanche con l’acqua ragia.

Probabilmente ne avanzerà un po’. E vabbè, mettetelo al buio e ce lo avete pronto per la prossima volta.

Se avete una spazzola di setole di cinghiale (o finto cinghiale come la mia) potete spazzolare in modo da distribuire meglio l’olio su tutti i capelli.

Finito?

Fate una treccia, ‘na crocca, ‘na cipolla e tenete in testa un’oretta, massimo due.

Per lavare via l’olio vi consiglio questo trucchetto (madò quante ve ne sto a dire oggi???): sciacquate i capelli, mettete del balsamo e lavate come fosse shampoo, massaggiate su tutta la nuca (quando vi sembra che non ci sia consistenza del prodotto sotto le mani, aggiungete dell’acqua e procedete con il lavaggio), risciaquate. Dopo questo passaggio procedete con shampoo e balsamo normali.

Se vi sentite particolarmente audaci, potete fare l’ultimo risciacquo con acqua fredda e un mezzo cucchiaino di aceto (lucida il capello).

Sono unti? VI AVEVO DETTO DI NON ESAGERARE CON L’OLIO MANNAGGALLAMISERIAHHHH!

Sono belli e setosi? Vero?

Proviamo un’altra cosa? Dai…

 

 

 

L’articolo Syndrome coonsiglia: Impacco nutriente per capelli proviene da Syndrome Magazine.

Per la saga “parrucchiere scansate” oggi proviamo un nuovo impacco, che ridonerà corpo e luce ai nostri capelli. Mi piacerebbe potervi scrivere che riempirà le vostre doppie punte, che riparerà i vostri capelli danneggiati, che permetterà di nutrire il fusto dei vostri capelli come i rami di un albero e, come i rami di un…

L’articolo Syndrome coonsiglia: Impacco nutriente per capelli proviene da Syndrome Magazine.

Piper

Article Categories:
Lifestyle & Satira

Comments are closed.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy