Apr 7, 2020
20 Views
Commenti disabilitati su Per i federalisti europei i coronabond sono “ineludibili” 

Per i federalisti europei i coronabond sono “ineludibili” 

Written by

Se l’Europa vuole rimanere unita, battere la pandemia e il ritorno dei nazionalismi, deve ritrovare lo spirito dei padri fondatori e imboccare la strada di un’Europa Federale, capovolgendo il rapporto tra gli Stati membri e l’Unione e attribuendo a quest’ultima il compito e gli strumenti per agire direttamente anche nel settore della solidarietà. È quanto emerge dalla riunione della direzione nazionale del Movimento Federalista Europeo, che ha anche affrontato la questione dei cosiddetti “coronabond“, considerando che, in assenza di un bilancio unico, “il debito comune potrebbe essere garantito solo dai bilanci nazionali”.

“Oggi l’Europa – si legge nel documento finale – ha bisogno di mettere in campo tutte le sue risorse per dare una risposta comune alla crisi lanciando un grande piano europeo di rinascita. In questa prospettiva diventa ormai ineludibile la questione di avviare quanto prima l’emissione di debito comune (Eurobond). Non esiste, però, un’istituzione europea in grado di garantire completamente tale emissione. Oggi, il debito comune potrebbe solo essere garantito in ultima istanza dai bilanci nazionali. Anche per questo all’interno dell’Unione parlare di debito europeo provoca reazioni opposte; e per questo non possiamo parlare di solidarietà tra i cittadini, ma solo tra Stati”.

Secondo i Federalisti, “Per creare quella solidarietà tra cittadini che serve ad affrontare le sfide comuni, diventa allora necessario affrontare il problema di una fiscalità europea federale. Vale a dire, occorre creare una capacità fiscale autonoma dell’UE che possa esercitarsi direttamente (senza l’intermediazione degli Stati membri) sull’economia europea e sui cittadini europei, per alimentare un bilancio federale e fornire beni pubblici europei. Ovviamente questo implica porre il problema di una revisione dei Trattati, dato che si tratterebbe di mettere in campo l’attribuzione di una competenza fiscale all’Unione europea. Al Parlamento europeo, con la Commissione, dovrebbe essere attribuito il potere sia di decidere autonomamente come reperire risorse proprie, sia, di gestire autonomamente anche l’emissione di debito europeo, offrendo una garanzia comune per affrancarsi dai bilanci nazionali”.

“La competenza fiscale – prosegue il documento – dovrà accompagnarsi anche all’estensione delle competenze e all’attribuzione di nuove, esclusive o concorrenti, in settori e politiche che necessitano una regia europea (nel quadro della corretta applicazione del principio di sussidiarietà), come alcuni aspetti delle politiche in campo sanitario e di welfare, o la politica industriale, la ricerca e l’innovazione, l’immigrazione e l’ambiente, insieme alla difesa. In questo modo l’Unione europea diventerebbe effettivamente capace di mettere in campo un grande piano di rilancio rafforzando i settori strategici che lasciati al solo livello nazionale non riescono ad essere pienamente sviluppati; e darebbe così risposte concrete alle esigenze e alle aspettative dei cittadini”.

“L’Unione europea – secondo i Federalisti – è ancora tenuta in uno stato di debolezza dagli Stati Membri,che mantengono nelle loro mani il monopolio delle decisioni politiche. Questa debolezza può essere letale”. Secondo il Movimento “se ne può uscire solo rimettendo al  centro del confronto il progetto Federale, nella consapevolezza che l’Europa è una comunità di destino. E la soluzione è di capovolgere il rapporto tra gli Stati membri e l’Unione, togliendo ai primi il monopolio dell’azione politica innanzitutto nella sfera della solidarietà, e attribuendo all’Unione Europea il compito e gli strumenti per agire direttamente anche in questo campo.”

”Mettere oggi in cantiere la creazione di un primo nucleo di potere politico Federale per affrontare l’emergenza  – conclude il documento del Movimento Federalista Europeo – è l’unico modo di riprendere il cammino delineato dalla Conferenza sul futuro dell’Europa per trasformarlo in un vero processo costituente che porti ad un patto costituzionale Federale”. 

Article Tags:
· · · ·
Article Categories:
agi news

Comments are closed.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy