Apr 7, 2020
39 Views

Coronavirus, ecco quando potrebbero riaprire bar e ristoranti

Written by

“Il ‘bollettino della sofferenza’ evidenzia una parziale inversione di tendenza”. Lo afferma il commissario straordinario per l’emergenza coronavirus Domenico Arcuri sottolineando però che “si fatica a gioire, continuiamo a registrare tanti decessi. La cruda realtà è più forte dei numeri e delle simulazioni” e “nessun algoritmo può cancellare il dolore per la perdita di familiari, amici, vite umane”.

“E’ fondamentale – avverte – nel periodo di Pasqua, continuare a rispettare il distanziamento sociale e le misure di prevenzione. Non commettiamo errori nei prossimi giorni: saranno giornate fondamentali, dobbiamo tutti tenere sempre tutti e due gli occhi aperti”. E poi “attenti a pericolosi miraggi e illusioni ottiche. Non siamo a pochi passi dall’uscita dall’emergenza e dall’ora ‘x’ che ci riporterà, con un battito di ciglia, alla situazione di prima. E’ sbagliato immaginare un imminente ‘liberi tutti’ dove ciascuno di noi, da un giorno all’altro, torna alle vecchie abitudini”. Continua dopo la foto

“Al più – continua – siamo all’inizio di una lunga fase di transizione” e “sarebbe imperdonabile non perseverare rendendo inutili i sacrifici fatti nei giorni che sono alle spalle”. “Il numero di chi perderà la vita continuerà a crescere. Nei prossimi giorni non dimenticate mai che questo virus a ieri si è portato via 16mila vite”. L’emergenza per la pandemia di coronavirus continua e la domanda che tutti si fanno è sempre la stessa: quando finirà la nostra quarantena e quando si potrà ripartire e ricominciare a vivere la nostra vita con le nostre abitudini? Continua dopo la foto

Se col primo decreto dello scorso 11 marzo la prima data spartiacque doveva essere il 25 marzo, poi il 3 aprile, infine la metà del mese, ora la data cruciale potrebbe invece diventare il 4 maggio 2020. Una ripresa che dovrà essere cauta e graduale, per tappe, con alcuni settori di commercio e imprenditoria che potrebbero ripartire già qualche giorno o settimana prima, scrive il Corriere della Sera. Ma sarà da maggio, dal 4 appunto, che si potrebbe forse tornare a passeggiare liberamente e incontrarsi con amici e parenti: sempre con la regola del metro di distanza e senza evitare di indossare le mascherine, e con una regola ancora in testa, quello di evitare gli assembramenti. Per concerti, eventi, discoteche, dovremo aspettare ancora a lungo. Continua dopo la foto

{loadposition intext}
Alla fine di questa settimana, aggiunge il Corriere, il Governo valuterà l’andamento della curva e l’indice di contagio: se dovessero scendere, potrebbe arrivare l’ok alla ripartenza per alcune imprese della filiera alimentare e farmaceutica, per alcune aziende meccaniche e per alcuni negozi. Ma per una circolazione più libera, si dovrà attendere che l’indice di contagio RO sia prossimo allo zero, il che significa che gli ingressi nei negozi e negli uffici continueranno ad essere scaglionati per evitare che la gente si accalchi pericolosamente, rendendo vani i sacrifici di queste settimane. La ripartenza, come detto, sarà graduale: dunque almeno nella prima fase non potranno riaprire bar e ristoranti, niente feste e manifestazioni, e anche parrucchiere ed estetiste dovranno attendere, sebbene per loro si potrebbe fare un’eccezione a patto di mettersi in regola con la dotazione di protezioni individuali. Insomma in definitiva, se l’inizio di maggio potrebbe vedere una parziale uscita dalla quarantena, per tornare ai periodi pre-pandemia dovremo aspettare molto di più, forse settimane, forse addirittura mesi. E dovremo convivere, prima che con il Covid-19, soprattutto con mascherine e guanti.

Ti potrebbe interessare: “Fate molta attenzione”. Barbara D’Urso, il suo ‘allarme’ corre in rete. Ma anche le critiche: cosa ha da dire

L’articolo Coronavirus, ecco quando potrebbero riaprire bar e ristoranti proviene da Caffeina Magazine.

Coronavirus, ecco quando potrebbero riaprire bar e ristoranti
Caffeina Magazine

Article Tags:
Article Categories:
Caffeina Magazine

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy