Mar 31, 2020
18 Views
Commenti disabilitati su Troppe richieste, il sito Inps collassa? Non basta: clamorosa figuraccia su Twitter, questa roba qui | Foto

Troppe richieste, il sito Inps collassa? Non basta: clamorosa figuraccia su Twitter, questa roba qui | Foto

Written by

Troppe richieste, il sito Inps collassa? Non basta: clamorosa figuraccia su Twitter, questa roba qui | Foto

Perle che si trovano soltanto sul web. Prima, una breve premessa: sul sito dell’Inps sono stati pubblicati i moduli per accedere alla cassa integrazione straordinaria dovuta all’emergenza coronavirus. Risultato? Troppi accessi, sovraccarico e sito inaccessibile. Un clamoroso disastro: nessuno aveva pensato, per esempio, ad allargare la banda. Tutto ciò accadeva ieri. Ed eccoci, ora, alle perle che si trovano sul web, in questo caso una “chicca” segnalata da Nonleggerlo sempre sul suo profilo Twitter. Un utente, nel bel mezzo del caos di ieri, twittava esprimendo tutto il suo disagio all’account ufficiale dell’Inps. E quest’ultimo rispondeva: “Comprendiamo la sua situazione e le siamo sempre vicino”, con tanto di hashtag #InpsInAscolto. Piccolo dettaglio: l’utente che si rivolgeva all’Inps si chiamava “Fa_fanculo”. E chi ha orecchie per intendere, intenda…

 

Perle che si trovano soltanto sul web. Prima, una breve premessa: sul sito dell’Inps sono stati pubblicati i moduli per accedere alla cassa integrazione straordinaria dovuta all’emergenza coronavirus. Risultato? Troppi accessi, sovraccarico e sito inaccessibile. Un clamoroso disastro: nessuno aveva pensato, per esempio, ad allargare la banda. Tutto ciò accadeva ieri. Ed eccoci, ora, alle perle che si trovano sul web, in questo caso una “chicca” segnalata da Nonleggerlo sempre sul suo profilo Twitter. Un utente, nel bel mezzo del caos di ieri, twittava esprimendo tutto il suo disagio all’account ufficiale dell’Inps. E quest’ultimo rispondeva: “Comprendiamo la sua situazione e le siamo sempre vicino”, con tanto di hashtag #InpsInAscolto. Piccolo dettaglio: l’utente che si rivolgeva all’Inps si chiamava “Fa_fanculo”. E chi ha orecchie per intendere, intenda…

 

Libero Quotidiano

Article Categories:
Libero quotidiano Musica

Comments are closed.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy