Mar 9, 2020
43 Views
Commenti disabilitati su Parte la settima edizione del Torino Underground Cinefest ma in streaming

Parte la settima edizione del Torino Underground Cinefest ma in streaming

Written by
Pubblicità

Parte la settima edizione del Torino Underground Cinefest ma in streaming

La settima edizione del Torino Underground Cinefest, ideato e diretto dal regista Mauro Russo Rouge in collaborazione con il locrese Annunziato Gentiluomo e con Matteo Valier, e realizzato dalle associazioni ArtInMovimento e SystemOut, non sarà live presso l’Ambrosio Cinecafè, ma in streaming. Il festival torinese del cinema indie si terrà online, sulla piattaforma italiana Indiecinema (www.indiecinema.it) con cui è stata chiusa una partnership proprio nelle ultime ore. “Dal 22 al 28 marzo, comodamente da casa vostra, avrete la possibilità di vedere numerosi film in concorso al 7° Tuc al seguente url www.indiecinema.it. Dopo aver richiesto l’autorizzazione agli autori, stiamo lavorando in queste ore al caricamento dei film sulla piattaforma È un processo che richiede tempo, ma siamo al lavoro per raggiungere l’obiettivo. Il 22 marzo avrà inizio il festival” – dichiara Matteo Valier, referente dell’Associazione SystemOut. “Le giurie sono al lavoro. Coadiuvate dal sottoscritto stanno guardando i 61 film selezionati – 48 corti e 13 lunghi -, li stanno valutando per poi confrontarsi in una sessione plenaria affinché da ciascun gruppo di esperti emergano i vincitori all’unanimità. Sono giurie internazionali quest’anno e formate da diverse professionalità sempre collegate al mondo del cinema. La giuria dei lungometraggi è formata, infatti, da Alessandro Amato, critico cinematografico e operatore culturale; Davis Alfano, colorist; Paolo Armao, sound designer; Adam St. Clair, videomaker, attore e antropologo; Laura Salvai, critica cinematografica e creatrice del blog www.psicofilm.it; Alessio Brusco, sceneggiatore; e Fabrizio Odetto, attore e doppiatore, quest’ultimo nel ruolo di Presidente dei giurati”. “La giuria dei cortometraggi è composta, invece, da Armand Rovira, regista e docente di cinema, premiato nella sesta edizione del Tuc, come miglior regista; Nicolas Gauthier, videomaker e studioso di cinema; Stefano Semeria, giornalista e critico cinematografico; Andrea Morghen, produttore, direttore e art director del Religion Today Film Festival; Roberto Vietti, giornalista e appassionato di cinema; Raimondo Livolsi, attore; Guglielmo Francavilla e Jacopo Schieda, referenti di Isophonic Studio, società che si occupa di post produzione audio; Luca Del Fuego Confortini, attore e agente; Carlo Conversano, ideatore dell’Ortometraggi Film Festival (OFF); e da me stesso, in qualità di giornalista e sociologo, nel ruolo di Presidente dei giurati. Saremo tutti pronti per decretare per la sezione lungometraggi e per quella dei cortometraggi, il miglior film, la migliore regia, il miglior attore e la migliore attrice. Sarà un festival diverso, sperimentale” – precisa Annunziato Gentiluomo il Presidente dell’Associazione ArInMovimento e Referente Comunicazione, Ufficio Stampa e Relazione con gli Enti del TUC. “Il mio team ed io ci siamo interrogati moltissimo sulla possibilità di rinviare a data da destinarsi il Torino Underground, ma al momento nessuno ha la minima idea di quando finirà questa situazione surreale. Purtroppo abbiamo la sensazione che ci porteremo dietro questo dramma per alcuni mesi. E pensare che, siglando l’accordo con l’Ambrosio CineCafè, avremmo voluto garantire una sala più ampia e meglio attrezzata per poter soddisfare il nostro pubblico, alla luce dei diversi sold out che hanno caratterizzato le ultime due edizioni dell’evento… il nostro stile è proattivo ed è per questo che abbiamo scelto di andare avanti comunque. Abbiamo avuto la solidarietà di tutti gli autori che hanno compreso il senso della nostra scelta”. “La visione in streaming è un esperimento che potrebbe, per gli anni a venire, rappresentare un’ulteriore possibilità per garantire ai prodotti selezionati una migliore visibilità e avere più capillarità sul territorio nazionale e non. Abbiamo pensato inoltre di garantire, quando tutto ritornerà alla normalità, una giornata ad ingresso gratuito per presentare almeno i vincitori della settima edizione del Torino Underground Cinefest”, – conclude Mauro Russo Rouge, il direttore artistico.
La settima edizione del Torino Underground Cinefest, ideato e diretto dal regista Mauro Russo Rouge in collaborazione con il locrese Annunziato Gentiluomo e con Matteo Valier, e realizzato dalle associazioni ArtInMovimento e SystemOut, non sarà live presso l’Ambrosio Cinecafè, ma in streaming. Il festival torinese del cinema indie si terrà online, sulla piattaforma italiana Indiecinema (www.indiecinema.it) con cui è stata chiusa una partnership proprio nelle ultime ore. “Dal 22 al 28 marzo, comodamente da casa vostra, avrete la possibilità di vedere numerosi film in concorso al 7° Tuc al seguente url www.indiecinema.it. Dopo aver richiesto l’autorizzazione agli autori, stiamo lavorando in queste ore al caricamento dei film sulla piattaforma È un processo che richiede tempo, ma siamo al lavoro per raggiungere l’obiettivo. Il 22 marzo avrà inizio il festival” – dichiara Matteo Valier, referente dell’Associazione SystemOut. “Le giurie sono al lavoro. Coadiuvate dal sottoscritto stanno guardando i 61 film selezionati – 48 corti e 13 lunghi -, li stanno valutando per poi confrontarsi in una sessione plenaria affinché da ciascun gruppo di esperti emergano i vincitori all’unanimità. Sono giurie internazionali quest’anno e formate da diverse professionalità sempre collegate al mondo del cinema. La giuria dei lungometraggi è formata, infatti, da Alessandro Amato, critico cinematografico e operatore culturale; Davis Alfano, colorist; Paolo Armao, sound designer; Adam St. Clair, videomaker, attore e antropologo; Laura Salvai, critica cinematografica e creatrice del blog www.psicofilm.it; Alessio Brusco, sceneggiatore; e Fabrizio Odetto, attore e doppiatore, quest’ultimo nel ruolo di Presidente dei giurati”. “La giuria dei cortometraggi è composta, invece, da Armand Rovira, regista e docente di cinema, premiato nella sesta edizione del Tuc, come miglior regista; Nicolas Gauthier, videomaker e studioso di cinema; Stefano Semeria, giornalista e critico cinematografico; Andrea Morghen, produttore, direttore e art director del Religion Today Film Festival; Roberto Vietti, giornalista e appassionato di cinema; Raimondo Livolsi, attore; Guglielmo Francavilla e Jacopo Schieda, referenti di Isophonic Studio, società che si occupa di post produzione audio; Luca Del Fuego Confortini, attore e agente; Carlo Conversano, ideatore dell’Ortometraggi Film Festival (OFF); e da me stesso, in qualità di giornalista e sociologo, nel ruolo di Presidente dei giurati. Saremo tutti pronti per decretare per la sezione lungometraggi e per quella dei cortometraggi, il miglior film, la migliore regia, il miglior attore e la migliore attrice. Sarà un festival diverso, sperimentale” – precisa Annunziato Gentiluomo il Presidente dell’Associazione ArInMovimento e Referente Comunicazione, Ufficio Stampa e Relazione con gli Enti del TUC. “Il mio team ed io ci siamo interrogati moltissimo sulla possibilità di rinviare a data da destinarsi il Torino Underground, ma al momento nessuno ha la minima idea di quando finirà questa situazione surreale. Purtroppo abbiamo la sensazione che ci porteremo dietro questo dramma per alcuni mesi. E pensare che, siglando l’accordo con l’Ambrosio CineCafè, avremmo voluto garantire una sala più ampia e meglio attrezzata per poter soddisfare il nostro pubblico, alla luce dei diversi sold out che hanno caratterizzato le ultime due edizioni dell’evento… il nostro stile è proattivo ed è per questo che abbiamo scelto di andare avanti comunque. Abbiamo avuto la solidarietà di tutti gli autori che hanno compreso il senso della nostra scelta”. “La visione in streaming è un esperimento che potrebbe, per gli anni a venire, rappresentare un’ulteriore possibilità per garantire ai prodotti selezionati una migliore visibilità e avere più capillarità sul territorio nazionale e non. Abbiamo pensato inoltre di garantire, quando tutto ritornerà alla normalità, una giornata ad ingresso gratuito per presentare almeno i vincitori della settima edizione del Torino Underground Cinefest”, – conclude Mauro Russo Rouge, il direttore artistico.

http://www.cn24tv.it/rss/calabria.html

Article Categories:
In Calabria

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy