Mar 26, 2020
4 Views
Commenti disabilitati su Emissioni particolato, lo studio: “freni e pneumatici ne producono più dello scarico”

Emissioni particolato, lo studio: “freni e pneumatici ne producono più dello scarico”

Written by

Emissioni particolato, lo studio: “freni e pneumatici ne producono più dello scarico”Emissioni particolato, lo studio: “freni e pneumatici ne producono più dello scarico”

Altro che inquinamento prodotto allo scarico: secondo uno studio condotto dalla Emissions Analytics, società britannica specializzata nella misurazione delle emissioni, l’impatto dell’auto sull’ambiente è da attribuirsi prevalentemente all’usura di pneumatici e freni. Quest’ultima può generare emissioni fino a 1.000 volte superiori rispetto a quelle prodotte dal normale funzionamento di un motore termico.

Questo tipo di particolato “non da combustione” è stato misurato attraverso test effettuati sulle gomme e sugli impianti frenanti di un veicolo di taglia medio-piccola, con pneumatici nuovi e gonfiati secondo le indicazioni riportate a libretto. Ne sono risultate emissioni di particelle pari a 5,8 grammi per chilometro percorso: un’enormità se si pensa che i limiti di emissione sui gas di scarico impongono che dal tubo di scappamento non escano più di 4,5 milligrammi di particolato per chilometro.

Ad allarmare è pure il fatto che questi valori si alzano ulteriormente nel caso che il veicolo marci con pressioni di esercizio non corrette – ovvero, quando le gomme sono sgonfie – o se l’autovettura percorre strade particolarmente dissestate, ritenute più “abrasive”. Non solo, quanto più l’automobile è pesante e dotata di pneumatici di grandi dimensioni, tanto più viene generato particolato dalle ruote. Il che mette sotto accusa i suv ma anche i veicoli elettrici, mediamente molto più pesanti di quelli termici di pari segmento.

Attualmente non esiste una regolamentazione per questo tipo di emissioni ed Emissions Analytics ritiene che esse costituiscano la maggior parte del particolato primario – ovvero quello immesso direttamente dall’uomo nell’ambiente – originato dal traffico veicolare. Giova ricordare, però, che alcuni costruttori di freni, come l’italiana Brembo, stanno studiando sistemi di cattura del particolato, da installare in prossimità della pinza e in grado di convogliare il flusso d’aria delle particelle verso un punto di filtraggio.

“Adoperare pneumatici di qualità superiore e gonfiarli sempre come indicato dal costruttore, è un modo per ridurre questo genere di emissioni”, spiega in una nota ufficiale Nick Molden, amministratore delegato di Emissions Analytics: “L’industria automobilistica potrebbe dover trovare modi per ridurre anche il peso del veicolo. Ma c’è bisogno di una precisa regolamentazione per combattere questo problema”. Oltre che di pneumatici e sistemi frenanti più rispettosi dell’ambiente.

L’articolo Emissioni particolato, lo studio: “freni e pneumatici ne producono più dello scarico” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Una ricerca britannica mette in evidenza come le particelle inquinanti siano generate anche e soprattutto da gomme usurate o non gonfiate correttamente e sistemi frenanti non efficienti. Una situazione che può essere aggravata dal peso dei veicoli, fatto che ad esempio accomuna suv ed auto elettriche

L’articolo Emissioni particolato, lo studio: “freni e pneumatici ne producono più dello scarico” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Omar Abu Eideh

Article Categories:
Il fatto quotidiano

Comments are closed.