Mar 26, 2020
23 Views
Commenti disabilitati su Coronavirus: in Spagna 3600 morti, boom di contagi in Germania. Usa: più di mille morti e oltre 68mila positivi. Russia ferma voli internazionali

Coronavirus: in Spagna 3600 morti, boom di contagi in Germania. Usa: più di mille morti e oltre 68mila positivi. Russia ferma voli internazionali

Written by
Pubblicità

Coronavirus: in Spagna 3600 morti, boom di contagi in Germania. Usa: più di mille morti e oltre 68mila positivi. Russia ferma voli internazionaliCoronavirus: in Spagna 3600 morti, boom di contagi in Germania. Usa: più di mille morti e oltre 68mila positivi. Russia ferma voli internazionali

Spagna, Germania e Stati Uniti continuano anche oggi l’ascesa nella curva di morti e contagi. Il Paese di Sanchez – dove anche la vicepremier Carmen Calvo è risultata positiva – ha superato il numero delle vittime in Cina con oltre 3.600 morti, e registra quasi 50mila contagi. La capitale è la più colpita. In Germania sono saliti a 36.508 i casi positivi, quasi 5mila più di ieri. Le vittime sono 198.

Guardando agli Usa, il Senato approva il maxi piano di aiuti voluto da Donald Trump e in attesa del via libera finale della Camera la curva dei positivi continua a salire: sono oltre 68mila, 1.031 i morti. Impennata di casi nello Stato di New York: oltre 30 mila. 192 le vittime nella Grande Mela. La Russia intanto sospende dalla mezzanotte di oggi tutti i voli internazionali e si prepara alla settimana di stop decretata da Putin dal 28 marzo a 5 aprile, mentre la Corea del Sud registra alcune decine di nuovi casi: gran parte sono importati. Nessun caso domestico invece in Cina. In Iran le vittime sono 2.234 e i casi aumentano a 29.046, con 2.389 nuovi contagi accertati.

Spagna El Pais scrive che i laboratori di microbiologia bollano come “imprecisi” e malfunzionanti i test rapidi comprati in Cina perché “hanno una sensibilità del 30% quando dovrebbero superare l’80%. Con quel valore – ha detto un esperto al quotidiano spagnolo – non ha senso usare questi test”. I tamponi sono prodotti dalla cinese Bioeasy, con sede a Shenzhen e il governo nei giorni scorsi aveva annunciato l’acquisto di oltre 5 milioni di test per tracciare anche gli asintomatici.

Russia – Lo stop a tutti i voli internazionali partirà dalla mezzanotte di oggi. Le compagnie aeree russe continueranno a volare per riportare in patria i cittadini o se autorizzate da speciali permessi delle autorità. In Russia ci sono ufficialmente 658 casi di coronavirus e tre morti. Tutti i negozi a Mosca, tranne gli alimentari e le farmacie, dovranno chiudere tra il 28 di marzo e il 5 aprile, ovvero la settimana di ‘vacanza’ nazionale decretata da Vladimir Putin per combattere il contagio. La misura colpisce anche bar e ristoranti – tranne la consegna a domicilio – e i principali parchi di Mosca.

Cina – Registrati 67 nuovi casi, tutti importati, e sei altri decessi concentrati nella provincia dell’Hubei, l’epicentro della pandemia. I contagi di ritorno sono saliti a 541. Le infezioni totali sono aumentate fino a 81.285 e i morti a 3.287, mentre ammontano a 74.051 i pazienti che sono stati dimessi dagli ospedali, per una tasso di guarigione ancora rafforzato, fino al 91,1%.

Corea del Sud – I nuovi casi registrati sono saliti a 104, di cui 57 importati tra i 30 rilevati negli aeroporti e i 27 segnalati dai governi locali. Il totale dei contagi è di 9.241, mentre i morti sono saliti a 132. Seul ha incassato apprezzamenti per la risposta alla pandemia e la rapidità dei test di massa: contro il contagio di ritorno, le autorità negheranno l’ingresso senza l’app sulla quarantena che controlla gli spostamenti.

Finlandia – Il governo ha deciso di isolare tutta la regione attorno alla capitale Helsinki per contenere la diffusione. Oltre la metà degli 880 casi si trovano in questa zona. La decisione è stata presa dopo che il direttore generale dell’Istituto della Sanità, Markku Tervahauta, ha ammesso che il numero di contagi potrebbe aumentare di 30 volte.

Australia – Le autorità hanno ordinato a due navi da crociera al largo della costa occidentale di lasciare “immediatamente” le acque del Paese per scongiurare il rischio di diffusione del contagio. Dopo il caso della Ruby Princess, attraccata a Sidney dalla quale sono sbarcati 147 passeggeri positivi al Covid-19, l’Australia considera le navi da crociera potenziali focolai. Il caso della Ruby ha scatenato polemiche nel Paese poiché i 2.700 passeggeri a bordo, tra i quali decine con i sintomi influenzali, sono stati fatti scendere senza essere prima sottoposti a nessun controllo medico. Intanto i casi nel Paese continuano ad aumentare, sono 2.550 al momento con 12 morti.

L’articolo Coronavirus: in Spagna 3600 morti, boom di contagi in Germania. Usa: più di mille morti e oltre 68mila positivi. Russia ferma voli internazionali proviene da Il Fatto Quotidiano.

In Spagna quasi 50mila casi. I laboratori di microbiologia bollano come “imprecisi” i tamponi comprati dalla Cina. Germania: 5mila contagi in più di ieri. In Cina nessun positivo “domestico”, mentre la maggior parte in Corea del Sud è importato. In Australia negato lo sbarco a due navi da crociera

L’articolo Coronavirus: in Spagna 3600 morti, boom di contagi in Germania. Usa: più di mille morti e oltre 68mila positivi. Russia ferma voli internazionali proviene da Il Fatto Quotidiano.

F. Q.

Article Categories:
Il fatto quotidiano

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy