Mar 23, 2020
49 Views

Coronavirus, da nord a sud: i vari divieti regione per regione

Written by
Pubblicità

L’emergenza coronavirus non concede di perdere tempo. Sono numerose le ordinanze firmate dai presidenti di Regione: riguarda tutta l’Italia, nessuna regione esclusa. L’incipit è stato lanciato dal governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana, che come sappiamo ha chiesto a Palazzo Chigi un intervento ancora più restrittivo da fare applicare all’intera cittadinanza, non ancora del tutto atta a modificare le abitudini quotidiane per fare fronte a un’emergenza ancora oggi altamente grave. Troppa gente trovata in giro per le strade e il divieto assoluto di lasciare la regione. Persino fuori dai supermercati, sia in Piemonte che in Lombardia, vengono misurate le temperature corporee dei cittadini prossimi a fare la spesa.

Fino al 15 aprile saranno indette nuove misure restrittive. In alcuni casi possono apparire eccessive, ma non lo sono, in una situazione italiana che solo ieri ha avuto un barlume di speranza. Questa la settimana decisiva e nessun tentativo da lasciare al caso. In tutte le Regioni si è pensato al modo più opportuno per intervenire e frenare i contagi. Lo scopo è quello di evitare ogni tipo di assembramento e ogni veicolo di contagio, ragioni che spingono in Trentino, a non far sedere sulle panchine, o ancora, a lasciare fruibili le piste ciclabili al solo uso di quei pochi cittadini che ancora vanno a lavorare. Nella Regione Lombardia, si usufruisce di termoscanner all’ingresso dei negozi. Ferme anche le attività degli uffici pubblici non essenziali, così come degli studi professionali, dei cantieri. Stop anche allo sport all’aperto, anche da soli. (Continua a leggere dopo la foto).

Chiusi gli alberghi, i parchi e altre imprese anche artigianali, non legate alle filiere essenziali. A restare aperti solo tabaccai, farmacie, parafarmacie e supermercati, con orari decisamente ridotti per evitare il continuo flusso di consumatori. Mantenuti anche i 200 metri dalla propria abitazione per fare passeggiare i cani.Per chi trasgredisce, si raggiungono i 5000 euro di multa. Vediamo nello specifico. Nella Regione Lazio il contenuto delle ordinanze riguarda soprattutto l’apertura e la chiusura dei negozi e dei supermercati. La Regione ha infatti già imposto la chiusura degli esercizi alle ore 19 in tutti i giorni tranne la domenica, quando la chiusura scatta alle ore 15. (Continua a leggere dopo le foto).

Nella Regione Piemonte, il governatore Cirio segue la linea di Fontana. Qui vengono vietati i mercati all’aperto e a far la spesa può andare una sola persona per famiglia.  Termoscanner agli ingressi dei negozi e chiusura di ogni area che può comportare assembramento. Nella Regione Veneto chiusi i market tutta la domenica e per qualsiasi spostamento, anche a piedi, l’obbligo di esibire l’autocerficazione. In Campania, oltre alle vigenti restrizioni, nel Salernitano, il sindaco ha firmato un’ordinanza con cui si consente di fare la spesa una volta a settimana, entrando nel supermercato in ordine alfabetico. Misure che, adesso più che mai, sono necessarie quante il diritto alla vita. (Continua a leggere dopo le foto).

Nel particolare, in Calabria,  la neogovernatrice Jole Santelli ha firmato un’ordinanza che prevede: “il divieto di ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dal territorio regionale. Si potrà entrare o uscire dalla Calabria solo per spostamenti derivanti da comprovate esigenze lavorative legate all’offerta di servizi essenziali oppure per gravi motivi di salute”. Stessa scelta per il governatore della Basilicata Vito Bardi: dalla regione non entra e non esce nessuno. Anche per la Sicilia scatta l’isolamento, no ai transiti fuori città, stop ad arrivi e partenze, e anche in tal caso solo per  “spostamenti derivanti da comprovate esigenze lavorative legate all’offerta di servizi essenziali oppure per gravi motivi di salute”.

Coronavirus, in gravi condizioni anche una bambina di 12 anni. Si lotta per salvarla

L’articolo Coronavirus, da nord a sud: i vari divieti regione per regione proviene da Caffeina Magazine.

Coronavirus, da nord a sud: i vari divieti regione per regione
Caffeina Magazine

Article Tags:
Article Categories:
Caffeina Magazine

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy