Gen 18, 2020
24 Views
Commenti disabilitati su Tre regole per investire /2 – Quando ‘le Borse crollano’, non fate gli italiani

Tre regole per investire /2 – Quando ‘le Borse crollano’, non fate gli italiani

Written by
Pubblicità

Tre regole per investire /2 – Quando ‘le Borse crollano’, non fate gli italianiTre regole per investire /2 – Quando ‘le Borse crollano’, non fate gli italiani

Il “constant mix”, visto la settimana scorsa, da solo non basta. Nel processo di controllo dei propri investimenti, anche il risparmiatore alle prime armi deve approfittare del “mix in caduta”. Di cosa si tratta?

Il monitoraggio dei portafogli va fatto cogliendo le opportunità che il mercato offre lungo il percorso di investimento. Se applicate il constant mix in automatico a determinate scadenze (almeno ogni 12 mesi, come già visto la settimana scorsa), il mix in caduta si attiva ogni qualvolta un vostro asset subisce un calo importante (nel caso dell’azionario, superiore al 30%; nel caso dell’obbligazionario, superiore al 10%) riequilibrando il portafoglio secondo la regola del constant mix di cui sopra, o in alternativa investendo nuove risorse (nel rispetto dei vostri obiettivi e del profilo di rischio, naturalmente). Spieghiamo il perché.

Abbiamo detto a più riprese che l’economia globale cresce sempre e che noi, inesperti e impreparati, investendo in strumenti efficienti (risparmio gestito) siamo in grado di incorporare questa crescita. Ma abbiamo anche sottolineato che i mercati finanziari non crescono in modo costante e lineare, perché nel breve periodo sono condizionati da fattori emotivi e speculativi che generano oscillazioni incontrollabili. Pertanto, ogni volta che il mercato crolla abbiamo un’opportunità unica di acquisto.

È un po’ come durante i saldi, ma su prodotti di lusso: chi si farebbe sfuggire l’occasione di acquistare a metà prezzo una Mercedes, un iPhone, una borsa di Louis Vuitton o un Rolex? Ebbene sì: quando crolla la Borsa abbiamo l’occasione unica di comprare a metà prezzo le azioni di tutte queste aziende, quindi perché non farlo?

Se non lo fate è perché il vostro sguardo non è rivolto lontano, all’orizzonte temporale giusto, ma è concentrato sul breve periodo, sulla piccola tragedia che state vivendo in quel momento. Vi impantanate a rimuginare che state momentaneamente perdendo il 30-40%! È solo questione di prospettiva.

Mi direte: “E come faccio a seguire i mercati in caduta? Non ho tempo e competenze per poterlo fare!”. Non lo accetto più. Si tratta dei vostri soldi e un minimo di attenzione dovete averlo. Ma la soluzione smart c’è!

In questo i media contribuiscono parecchio a spaventarvi. Se per almeno una settimana sentite al telegiornale o nei talk televisivi o leggete sul giornale commenti del tipo: “La Borsa sta crollando”, “I mercati non reagiscono” e altre frasi a effetto negativo, allora è il momento di sedersi al tavolo con il vostro consulente e verificare se è il caso di approfittare del mix in caduta.

E comunque, in ogni caso, è venuto il momento di non fare l’italiano, tipico figlio dell’avvocato Guicciardini, perché dietro quelle notizie, se ben guidati, ci potrebbe essere anche l’opportunità per il vostro investimento.

L’articolo Tre regole per investire /2 – Quando ‘le Borse crollano’, non fate gli italiani proviene da Il Fatto Quotidiano.

Il “constant mix”, visto la settimana scorsa, da solo non basta. Nel processo di controllo dei propri investimenti, anche il risparmiatore alle prime armi deve approfittare del “mix in caduta”. Di cosa si tratta? Il monitoraggio dei portafogli va fatto cogliendo le opportunità che il mercato offre lungo il percorso di investimento. Se applicate il […]

L’articolo Tre regole per investire /2 – Quando ‘le Borse crollano’, non fate gli italiani proviene da Il Fatto Quotidiano.

Vincenzo Imperatore

Article Categories:
Il fatto quotidiano

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy