Gen 17, 2020
40 Views
Commenti disabilitati su Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Virginia Woolf a Claudio Magris (spoiler: puntata animalesca).

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Virginia Woolf a Claudio Magris (spoiler: puntata animalesca).

Written by
Pubblicità

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Virginia Woolf a Claudio Magris (spoiler: puntata animalesca).Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Virginia Woolf a Claudio Magris (spoiler: puntata animalesca).

Corvi neri della Torre di Londra avrete il mio scalpo. Semplicemente m’inchino a Il signore dei corvi (Guanda) scritto da Christopher Skaife. Una delle letture più gustose, divertenti, ricche di viva animalità degli ultimi anni. Uno di quei libercoli che mandi giù in un baleno e ogni tanto freni perché dici “mancano poche pagine poi finisce”. Skaife, ex soldato di Sua Maestà, è il “ravenmaster” della Torre di Londra dal 2011 ed ha un unico compito di lavoro da mattina a sera: accudire i sette corvi che abitano liberi, come leggenda di mille anni fa impone, lo splendido maniero medioevale ai piedi del Tower Bridge. Bene, sappiatelo subito. I protagonisti di questo racconto di lavoro quotidiano scritto in prima persona da Skaife sono solo loro: Munin, Merlina, Erin, Rocky, Jubilee II, Gripp II, Harris. Skaife ne snocciola abilmente, con tono spiritoso, giovale, eccentrico (bravo l’editor sicuro, però che commistione geniale), le abitudini, le idiosincrasie, gli amori, le manie, le esuberanze. Diciamo che c’è chi si fa accarezzare come un labrador e chi invece diffida maestosamente di chiunque. C’è chi per cena apprezza biscotti di cane immersi nel sangue di topo e chi invece adora per pranzo le patate fritte dei turisti ma dopo un abbondante pulitura dall’unto. C’è chi preferisce dormire nello spazio enorme fornito dal ravenmaster (amici animalisti state buoni, non è una gabbia, perché pare che alla Torre di Londra venga fatto tutto e solo in funzione del benessere animale) e chi modello puledro in libertà lassù in cima a un … merletto. Ed è in questo umano, sincero e rispettoso sguardo di Skaife verso i suoi amati pennuti che questo libro colpisce nel profondo del cuore fino a commuovere. L’incipit, composto da un paio di facciate su dove si caccia Merlina la notte, andrebbe imposto, modello cura Ludovico, a qualsiasi impunito cacciatore. Con foto centrali, tra cui un grandangolo sul musetto di un corvo, che sarebbe piaciuto a Hitchcock. Voto: 8.

L’articolo Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Virginia Woolf a Claudio Magris (spoiler: puntata animalesca). proviene da Il Fatto Quotidiano.

Corvi neri della Torre di Londra avrete il mio scalpo. Semplicemente m’inchino a Il signore dei corvi (Guanda) scritto da Christopher Skaife. Una delle letture più gustose, divertenti, ricche di viva animalità degli ultimi anni. Uno di quei libercoli che mandi giù in un baleno e ogni tanto freni perché dici “mancano poche pagine poi […]

L’articolo Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Virginia Woolf a Claudio Magris (spoiler: puntata animalesca). proviene da Il Fatto Quotidiano.

Davide Turrini

Article Categories:
Il fatto quotidiano

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy