Dic 10, 2019
42 Views

Migliori album 2019. La classifica di Pitchfork

Written by
Pubblicità

Con le classifiche di COS e Stereogum già prese in esame, quella di Pitchfork viene un po’ di conseguenza ma non senza sorprese. La prima non è tanto la vetta, condivisa con il secondo dei due web magazine sopracitati, quanto l’assenza totale di rapper nei primi venti posti invece occupati da un centrocampo di – passateci il termine – variegata indieness. Che faccia po’ strano vederci il reggaetone di Bad Bunny in mezzo a una classifica siffatta è palese, ma forse l’aspetto che più stupisce è vederci Agora di Fennesz, un disco minore, certamente valido, eppure non proprio quello che ti immagini ai piani alti di una classifica di fine anno in generale, figuriamoci dalle parti di Pitchfork.

Particolare è stata anche la scelta di mettere il live album di Beyoncé ed entrambi i dischi dei Big Thief pubblicati quest’anno. Altissimo e inaspettato è poi anche il posizionamento di Helado Negro il cui This Is How You Smile è decisamente piaciuto anche a noi. Sarebbe stato più “da Pitchfork” metterci i Vampire Weekend al suo posto o una Ariana Grande (29°) o anche un Nick Cave (28°). ma tant’è. Classifica back to songwriting la loro e in questo senso anche un po’ democristiana. Telefonato il 5° posto per Solange (il cui When I Get Home non ha messo d’accordo tutti come il precedente). Faceva troppo ok boomer mettere Bill Callahan tra i primi dieci (15°)? I dischi di Aldous Harding (39°) e Jenny Hval (20°) erano troppo radical chic? Ha senso Clairo molto sopra una Cate Le Bon? Per non dire dell’esclusione totale delle band riconducibili all’effervescente giro post-punk analizzato da Fernando Rennis nel suo speciale che, viceversa, lo “Stereogum true to you” ha considerato.

20. Jenny Hval: The Practice of Love
19. Jessica Pratt: Quiet Signs
18. Clairo: Immunity
17. (Sandy) Alex G: House of Sugar
16. Bon Iver: i,i
15. Bill Callahan: Shepherd in a Sheepskin Vest
14. Beyoncé: Homecoming: The Live Album
13. Big Thief: Two Hands
12. Brittany Howard: Jaime
11. Jamila Woods: LEGACY! LEGACY!
10. Purple Mountains: Purple Mountains
9. Weyes Blood: Titanic Rising
8. Fennesz: Agora
7. Helado Negro: This Is How You Smile
6. Bad Bunny: X 100PRE
5. Solange: When I Get Home
4. Angel Olsen: All Mirrors
3. Big Thief: U.F.O.F.
2. FKA twigs: MAGDALENE
1. Lana Del Rey: Norman Fucking Rockwell!

Migliori album 2019. La classifica di Pitchfork
Sentire ascoltare

Article Tags:
Article Categories:
Sentireascoltare

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy