Dic 6, 2019
18 Views
Commenti disabilitati su Le figuracce a ripetizione dei leghisti sul MES

Le figuracce a ripetizione dei leghisti sul MES

Written by

Le figuracce a ripetizione dei leghisti sul MES

L’altroieri Matteo Salvini ha dato spettacolo sulle CACS del MES (abbiamo spiegato qui cosa sono) in un’intervista nella quale si capiva perfettamente che non sapeva di cosa stesse parlando. Ma gli altri parlamentari leghisti come se la cavano? Sanno a cosa serve e cosa vuol dire MES? Il Fatto Quotidiano, in un articolo a firma di Marco Franchi, racconta come hanno reagito a un paio di domandine tecniche alcuni degli eletti leghisti. Alcuni hanno usato una tecnica collaudata ma sempre efficace: la fuga:

Il senatore Simone Pillon, organizzatore del Family Day e acerrimo nemico dei diritti dei gay, si blocca sul Mes, ma per motivi logistici, che pensate: “Mi scusi, sto scendendo dal treno, sto proprio materialmente scendendo”. Il collega Andrea Ostellari, di professione avvocato, ci prova col vecchio trucco: “Non sento, mi sente? ”. Riproviamo: “Lei mi sente, dice? Sì, ma io non sento”. E mette giù. Stoico il deputato Marzio Liuni, che, seppur influenzato, riesce a sciogliere la sigla Mes e saluta rinfrancato dall’umana solidarietà che non consente di proseguire la conversazione.

Il giovane Andrea Crippa, onorevole classe ‘86 e vicesegretario del Carroccio, è assai sincero: “A livello generale conosco l’argomento, ma se ne occupano principalmente le commissioni. Ecco se mi chiede le Cacs, le dico che è meglio rivolgersi a nostri tecnici, io seguo l’aspetto politico e la posizione del partito, che una e compatta”. Igor Iezzi, che una volta si presentò in consiglio comunale a Milano col burqa per fermare la costruzione di un centro islamico, comincia spedito: “Il Mes è il meccanismo…”. Poi fa il simpatico: “Siete le Iene scritte?”. E cade lachiamata.

Salvini dopo il MES parla da intenditore della Nutella (video)

Ma qualcun altro ha anche deciso di rispondere:

Il deputato Eugenio Zoffili, che potrebbe insegnare sulle materie europee poiché per anni ha seguito l’europarlamentare Salvini come responsabile della segreteria anche se l’europarlamentare Salvini non era tra i più presenti, purtroppo non può affrontare le spine del Mes perché “impegnato in una riunione importante”. Il dottor Guido De Martini, oculista all ’esordio a Montecitorio, ringrazia ma non compete con Salvini perché sta per “entrare in aula”.

Il deputato Daniele Belotti, che si definisce un “talebano dell’Atalanta”, fa capire come funziona la struttura del Carroccio: “Le domande sul Mes sono belle domande. Il meccanismo europeo di stabilità è come il prelievo forzoso nei conti correnti del ‘92 del governo di Giuliano Amato. E qui mi fermo, perché se, oltre a ridere, volete spiegazioni inappuntabili potete parlare con i vari Alberto Bagnai, Claudio Borghi, Massimo Garavaglia, Giancarlo Giorgetti”.

Leggi anche: A Ravenna Salvini raduna 500 persone, le Sardine sono 7000

L’articolo Le figuracce a ripetizione dei leghisti sul MES proviene da nextQuotidiano.

Alcuni hanno usato una tecnica collaudata ma sempre efficace: la fuga. “Mi scusi, sto scendendo dal treno, sto proprio materialmente scendendo”. “Non sento, mi sente? ”. Riproviamo: “Lei mi sente, dice? Sì, ma io non sento”

L’articolo Le figuracce a ripetizione dei leghisti sul MES proviene da nextQuotidiano.

neXt quotidiano

Article Categories:
nextquotidiano

Comments are closed.