Ago 30, 2019
103 Views
Commenti disabilitati su Migranti, l’allarme della Mare Jonio: “Non abbiamo più acqua”

Migranti, l’allarme della Mare Jonio: “Non abbiamo più acqua”

Written by
Pubblicità

Migranti, l’allarme della Mare Jonio: “Non abbiamo più acqua”

Migranti, Mare Jonio: “Non abbiamo più acqua”

Sulla Mare Jonio, ferma al largo dell’isola di Lampedusa, ci sono ancora trentaquattro migranti e sta finendo l’acqua dolce. Ormai manca da quasi due giorni, spiega l’equipaggio, perché la pompa del “dissalatore” si è rotta e le persone a bordo, così come i membri dell’equipaggio, sono costrette a lavarsi con le bottiglie dell’acqua potabile. Che sta finendo. Non è possibile pulire il ponte, le stoviglie, la lavanderia ed è reale il rischio di un’emergenza igienico-sanitaria.

“Il personale sanitario di bordo della Mare Jonio ha inviato alle autorità competenti una nuova richiesta urgente di entrata in porto della nave”, afferma l’equipaggio della Mediterranea Saving Humans. Una situazione “di cui le autorità sono informate già dalle prime ore di ieri mattina “, hanno spiegato dalla nave.

“Sottolineiamo che questa emergenza non può evidentemente essere risolta con il semplice invio di bottiglie di acqua. Allarmante inoltre la presenza a bordo di rifiuti derivanti dal salvataggio e dalla permanenza a bordo dei naufraghi, come i vestiti impregnati di benzina e di deiezioni”, prosegue la nota di Mediterranea.

“Il rischio di malattie comunitarie è aggravato dalla mancanza d’acqua, con conseguenti possibili danni per la salute di naufraghi ed equipaggio”, l’Ong .

Ieri, giovedì 29 agosto, a Lampedusa sono sbarcati donne, bimbi e altri soggetti vulnerabili ma a bordo restano ancora 34 persone.

In alcuni video pubblicati da Avvenire e Repubblica in esclusiva, si denuncia la pericolosità del trasbordo, avvenuto di notte in condizioni meteo avverse. Nelle immagini in esclusiva, si vedono i minori che passano di mano da una nave a un’altra con la paura che i bambini cadano in acqua a causa delle continue spinte delle onde. Le donne in stato di gravidanza, alcune anche vicine al parto, sono state costrette a saltare dal portellone della Mare Jonio alla motovedetta della Guardia Costiera italiana.

“È disumano continuare a far soffrire persone che hanno già alle spalle violenze e abusi terribili. Fateli scendere”, ha commentato il fondatore di Emergency, Gino Strada

Migranti, Mare Jonio: “Non abbiamo più acqua” Sulla Mare Jonio, ferma al largo dell’isola di Lampedusa, ci sono ancora trentaquattro migranti e sta finendo l’acqua dolce. Ormai manca da quasi due giorni, spiega l’equipaggio, perché la pompa del “dissalatore” si è rotta e le persone a bordo, così come i membri dell’equipaggio, sono costrette a […]

Marta Facchini

Article Categories:
tipinews

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy