Lug 21, 2019
70 Views
Commenti disabilitati su Casapound sfida Salvini sugli sgomberi

Casapound sfida Salvini sugli sgomberi

Written by

Casapound sfida Salvini sugli sgomberi

Written by

Casapound sfida Salvini sugli sgomberi

Casapound sfida Salvini sugli sgomberi. Mentre è partito l’iter per sfrattare i Fascisti del Terzo Millennio dallo stabile in via Napoleone III l’organizzazione annuncia che si opporrà a tutti gli sgomberi: «Noi siamo contrari a tutti gli sgomberi. Non c’è differenza tra l’occupazione di Casapound e quelle “rosse”, laddove ci siano cittadini italiani o immigrati regolari. Il problema non si risolve buttando in strada le famiglie, ma mettendo a punto un piano di edilizia residenziale pubblica e costruendo le case per chi ne ha bisogno». Scrive La Stampa:

Simone Di Stefano è l’ormai ex segretario di Casapound, l’organizzazione di estrema destra che un mese fa, incassato l’ennesimo risultato elettorale deludente alle Europee, ha deciso di abbandonare l’esperienza di partito per tornare alla dimensione «associativa e culturale».  Una svolta: «Non andremo neppure più fuori dai centri di accoglienza né nelle periferie a fare i picchetti contro i nomadi, a fare la guerra fra poveri con il pugnale tra i denti per le case. La gente ha votato Salvini, ci pensi lui se ci sono ingiustizie a impedirle».

Nonostante la comune matrice sovranista, l’impulso impresso dal ministro dell’Interno Matteo Salvini non trova terreno fertile nel campo di Casapound: «Gli sgomberi sono operazioni a costo zero che hanno un ritorno elettorale – dice Di Stefano – ma legalità è una parola vuota se non c’è soluzione sociale. Una stagione di sgomberi potrebbe dare il via a una nuova stagione di occupazioni, anche se Salvini ha inasprito le pene per chi le promuove». Tuttavia «se la sinistra pensa di usare Casapound per danneggiare Salvini – aggiunge – sbaglia».

casapound sfida salvini sugli sgomberi

Ed ecco la strategia per fermare lo sgombero dello stabile:

. «Quando arriveranno qui saranno cambiati sindaco, governo e presidente della Repubblica», dice Di Stefano. Eppure la denuncia presentata dal Demanio potrebbe velocizzare le procedure. In caso di sequestro da parte dell’autorità giudiziaria, in particolare, come ha spiegato il prefetto Gerarda Pantalone, «la posizione di Casapound sarà valutata come tutti gli altri». Il movimento non esclude un ricorso al Tar: «Occupanti abusivi sì, ma qui tutti hanno la residenza, pagano le tasse e sono anche pronti a saldare il conto dell’energia elettrica, circa 300mila euro: 100mila subito,il resto a rate. Acea ha detto no».

Leggi anche: Beppe Grillo ai grillini: «Non mi rompete più le p….»

L’articolo Casapound sfida Salvini sugli sgomberi proviene da nextQuotidiano.

I Fascisti del Terzo Millennio sfidano il ministro: “Si occupi lui della gente in strada”

L’articolo Casapound sfida Salvini sugli sgomberi proviene da nextQuotidiano.

neXt quotidiano

Article Categories:
nextquotidiano

Casapound sfida Salvini sugli sgomberi

Casapound sfida Salvini sugli sgomberi. Mentre è partito l’iter per sfrattare i Fascisti del Terzo Millennio dallo stabile in via Napoleone III l’organizzazione annuncia che si opporrà a tutti gli sgomberi: «Noi siamo contrari a tutti gli sgomberi. Non c’è differenza tra l’occupazione di Casapound e quelle “rosse”, laddove ci siano cittadini italiani o immigrati regolari. Il problema non si risolve buttando in strada le famiglie, ma mettendo a punto un piano di edilizia residenziale pubblica e costruendo le case per chi ne ha bisogno». Scrive La Stampa:

Simone Di Stefano è l’ormai ex segretario di Casapound, l’organizzazione di estrema destra che un mese fa, incassato l’ennesimo risultato elettorale deludente alle Europee, ha deciso di abbandonare l’esperienza di partito per tornare alla dimensione «associativa e culturale».  Una svolta: «Non andremo neppure più fuori dai centri di accoglienza né nelle periferie a fare i picchetti contro i nomadi, a fare la guerra fra poveri con il pugnale tra i denti per le case. La gente ha votato Salvini, ci pensi lui se ci sono ingiustizie a impedirle».

Nonostante la comune matrice sovranista, l’impulso impresso dal ministro dell’Interno Matteo Salvini non trova terreno fertile nel campo di Casapound: «Gli sgomberi sono operazioni a costo zero che hanno un ritorno elettorale – dice Di Stefano – ma legalità è una parola vuota se non c’è soluzione sociale. Una stagione di sgomberi potrebbe dare il via a una nuova stagione di occupazioni, anche se Salvini ha inasprito le pene per chi le promuove». Tuttavia «se la sinistra pensa di usare Casapound per danneggiare Salvini – aggiunge – sbaglia».

casapound sfida salvini sugli sgomberi

Ed ecco la strategia per fermare lo sgombero dello stabile:

. «Quando arriveranno qui saranno cambiati sindaco, governo e presidente della Repubblica», dice Di Stefano. Eppure la denuncia presentata dal Demanio potrebbe velocizzare le procedure. In caso di sequestro da parte dell’autorità giudiziaria, in particolare, come ha spiegato il prefetto Gerarda Pantalone, «la posizione di Casapound sarà valutata come tutti gli altri». Il movimento non esclude un ricorso al Tar: «Occupanti abusivi sì, ma qui tutti hanno la residenza, pagano le tasse e sono anche pronti a saldare il conto dell’energia elettrica, circa 300mila euro: 100mila subito,il resto a rate. Acea ha detto no».

Leggi anche: Beppe Grillo ai grillini: «Non mi rompete più le p….»

L’articolo Casapound sfida Salvini sugli sgomberi proviene da nextQuotidiano.

I Fascisti del Terzo Millennio sfidano il ministro: “Si occupi lui della gente in strada”

L’articolo Casapound sfida Salvini sugli sgomberi proviene da nextQuotidiano.

neXt quotidiano

Article Categories:
nextquotidiano

Comments are closed.