Giu 27, 2019
51 Views
Commenti disabilitati su Sea-Watch una storia assurda con cui un giorno faremo i conti
0 0

Sea-Watch una storia assurda con cui un giorno faremo i conti

Written by
Ypsilon Black

Sea-Watch una storia assurda con cui un giorno faremo i conti

Dalla stampa nazionale:

  • SEA-WATCH 3 È DAVANTI AL PORTO DOPO AVER IGNORATO L’ALT DELLA FINANZA. ORA LA CAPITANA CAROLA RISCHIA 15 ANNI DI CARCERE. L’accusa è favoreggiamento immigrazione clandestina e rifiuto di obbedienza a nave da guerra. Salvini minaccia, “se continuerà il disinteresse della Ue”, di non identificare i migranti, “così saranno liberi di andare in giro per l’Europa”. E Palazzo Chigi annuncia di voler “verificare la condotta omissiva dell’Olanda”, paese di cui batte bandiera l’imbarcazione. […] Sono ore drammatiche nello specchio di mare antistante Lampedusa.  Una motovedetta della Guardia di finanza ha intimato l’alt alla Sea-Watch 3, entrata in acque italiane alle due meno dieci, ma la nave dopo quattordici giorni in mezzo al mare col suo carico di migranti disperati e stremati,  non si è fermata e ha continuato dritto. A tre miglia dal porto si è fermata e due motovedette della finanza e guardia costiera l’hanno avvicinata e gli ufficiali sono saliti a bordo chiedendo documenti.

E in serata interviene Palazzo Chigi: Prima del Consiglio dei Ministri, il Presidente del Consiglio Conte, il Ministro degli Interni e Vicepresidente Salvini e il Ministro degli Esteri Moavero Milanesi hanno avuto un confronto di aggiornamento sul caso Sea Watch 3 e alla fine hanno “concordato di proseguire nelle iniziative formali volte a verificare l’eventuale  condotta omissiva del governo Olandese”,  di cui l’imbarcazione carica di migranti batte bandiera. Continua a leggere [Fonte: REPUBBLICA di Alessandra Ziniti]

  • SEA WATCH, LA COMANDANTE UNA ‘SBRUFFONCELLA’? GLI ITALIANI NON LA PENSANO TUTTI COME SALVINI. Diritto e diritti. Sapete quanti secoli ci sono voluti per costruire una civiltà giuridica? E quanti ce ne sono voluti per scollare chi fa le leggi da chi le applica; per ottenere quell’impersonalità che consente ad uno Stato di diritto di funzionare? Tanti. E sapete quanto può volerci oggi per cancellare queste conquiste? Un tweet. O uno status su Facebook.

Matteo
Salvini
, un ministro eletto, non capo di una dinastia
in una monarchia assoluta, definisce in una diretta streaming da un profilo
personale su questioni istituzionali “sbruffoncella” la
capitana di Sea Watch e sbrodola una sequenza di epiteti e di
minacce, queste sì, da sbruffone: è arrivato forse il momento di preoccuparsi. Continua
a leggere
(Fonte: ILFATTOQUOTIDIANO di Massimiliano Sfregola)

  • CHI È LA CAPITANA DELLA SEA WATCH. Si chiama Carola Rackete, è tedesca, ha 31 anni e il diploma da ufficiale nautico da quando ne aveva 23. Dopo 15 giorni trascorsi al largo di Lampedusa per via del blocco imposto dal governo italiano, Carola Rackete, capitana della nave Sea Watch con a bordo 42 migranti, ha deciso ieri di entrare nelle acque territoriali italiane. Nella notte tra martedì e mercoledì ha oltrepassato il confine marittimo e adesso si trova poco fuori dal porto di Lampedusa, pronta ad attraccare e subire le conseguenze della sua decisione: il sequestro della nave e una multa che potrebbe arrivare fino a 50 mila euro.
SeaWatch

Rackete – che ha 31 anni ed è ufficiale di navigazione da quando ne aveva 23 – conosceva bene i rischi della sua decisione. Negli ultimi anni ha avuto sei esperienze diverse come ufficiale su altrettante imbarcazioni, due di queste al Polo Nord; ha fatto la guida turistica nel parco naturale dei vulcani in Kamchatka, nella Federazione Russa, e aiutato a curare uccelli e piccoli mammiferi per un’associazione francese. Dal 2016 è imbarcata sulla Sea Watch, dove ha guidato gommoni di soccorso e svolto l’incarico di coordinatore di missione prima di diventare capitana della nave: il primo incarico da comandante di una carriera cominciata molto presto (oggi però ricorda sempre che a bordo della Sea Watch ci sono anche altri membri dell’equipaggio, tra cui dieci donne). Continua a leggere (Fonte: ILPOST.IT)

  • SEA WATCH, VERRÀ UN GIORNO IN CUI QUESTA STORIA CI SEMBRERÀ DAVVERO ASSURDA. Verrà un giorno in cui la luce ritornerà a illuminare le nostre povere menti, il paesaggio attorno a noi diventerà finalmente leggibile e via via che le nebbie si scioglieranno, forse capiremmo in quale buio eravamo precipitati. Verrà un giorno in cui si racconterà una storia talmente assurda da risultare incredibile: quella di un paese ricco, di sessanta milioni di abitanti, dove ogni giorno si sprecano tonnellate di cibo, si consumano montagne di carburante in modo spesso inutile, dove si spendono milioni di euro per inviare immagini del proprio piatto pieno a qualche amico, che sta pranzando e che non riesce a dare un minimo di accoglienza a una quarantina di persone.

Verrà un giorno in cui dovremo abbassare lo sguardo, tutti, per avere
tradito quegli ideali che avrebbero dovuto fare dell’Europa Unita una terra di
solidarietà, democrazia, uguaglianza. Che una Corte a Strasburgo, lontana più
di mille chilometri da Lampedusa,ha deciso che la situazione su
quella nave non era grave, non abbastanza. Poi quei giudici saranno andati a
cena, con le loro famiglie. Avevano fatto rispettare la legge. Tutto a posto. Continua
a leggere
(Fonte: ILFATTOQUOTIDIANO di Marco Aime)

Sea watch“Sbruffoncella” ma non tutti la pensano come Salvini

Claudia Faverio

Article Categories:
peopleforplanet

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy