Giu 21, 2019
85 Views
Commenti disabilitati su Rocca di Papa, è morto anche il sindaco coinvolto nell’esplosione al Comune: “Era uscito per ultimo, prima ha salvato altri”

Rocca di Papa, è morto anche il sindaco coinvolto nell’esplosione al Comune: “Era uscito per ultimo, prima ha salvato altri”

Written by
Pubblicità

Rocca di Papa, è morto anche il sindaco coinvolto nell’esplosione al Comune: “Era uscito per ultimo, prima ha salvato altri”Rocca di Papa, è morto anche il sindaco coinvolto nell’esplosione al Comune: “Era uscito per ultimo, prima ha salvato altri”

È morto Emanuele Crestini, il sindaco di Rocca di Papa rimasto gravemente ferito il 10 giugno scorso nell’esplosione del palazzo comunale causata da una fuga di gas. L’incidente gli aveva provocato ustioni sul 35% del corpo, in particolare al volto e alle braccia: era ricoverato nel centro grandi ustionati dell’ospedale sant’Eugenio di Roma e le sue condizioni si erano aggravate nelle ultime ore, come aveva fatto sapere l’Asl Roma 2 con una nota, a causa di una sopraggiunta crisi respiratoria che aveva compromesso il già difficile quadro derivante dalle infezioni delle lesioni riportate e dovute alla lunga permanenza nel luogo dell’incendio. Crestini era stato infatti l’ultimo a lasciare l’edificio dopo l’incidente, preoccupandosi prima di far evacuare dipendenti, consiglieri e cittadini.

“È morto per il senso del dovere, per amore di quel luogo sacro che sono le istituzioni. Un esempio, un uomo che non ha avuto timore per la propria vita. Un eroe. Alla sua famiglia, a tutta la comunità di Rocca di Papa la nostra vicinanza”, scrive in una nota il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mauro Buschini. Il 16 giugno era già morto il delegato del sindaco, Vincenzo Eleuteri, anche lui rimasto troppo a contatto con i gas tossici del fumo. Le particelle solide dell’incendio avevano determinato infatti a entrambi un grave danno alle vie respiratorie.

Secondo quanto ricostruito sull’incidente, il comune aveva affidato una serie di test su eventuali cavità presenti al di sotto degli uffici che ospitano il municipio in prossimità dei quali è avvenuta la deflagrazione per una fuga di gas. La procura di Velletri ha aperto un’inchiesta. Tre gli indagati: un geologo, il titolare della ditta di Frosinone che stava effettuando i lavori e il fratello, esecutore dell’operazione. Nei loro confronti l’accusa è di disastro colposo e lesioni gravi o gravissime colpose. A cui sarà aggiunta quella di omicidio. Il sindaco aveva incaricato i lavori al geologo. Lui poi aveva affidato i lavori di perforazione alla ditta di Frosinone. L’ipotesi è che dopo la rottura di una conduttura il gas si sia incanalato per poi saturare il vano ascensore del Municipio e causare la deflagrazione che è avvenuta dentro l’immobile.

L’articolo Rocca di Papa, è morto anche il sindaco coinvolto nell’esplosione al Comune: “Era uscito per ultimo, prima ha salvato altri” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Il primo cittadino Emanuele Crestini è morto a causa delle ustioni e dei problemi respiratori causati dalla “lunga permanenza nel luogo dell’incendio”. Sull’incidente la procura di Velletri indaga tre persone per disastro colposo e omicidio

L’articolo Rocca di Papa, è morto anche il sindaco coinvolto nell’esplosione al Comune: “Era uscito per ultimo, prima ha salvato altri” proviene da Il Fatto Quotidiano.

F. Q.

Article Categories:
Il fatto quotidiano

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy