Circosta Auto
Mag 9, 2019
25 Views
Commenti disabilitati su Yara Gambirasio, Massimo Bossetti trasferito a Bollate. Aveva chiesto lo spostamento per poter lavorare
0 0

Yara Gambirasio, Massimo Bossetti trasferito a Bollate. Aveva chiesto lo spostamento per poter lavorare

Written by
Ypsilon Black

Yara Gambirasio, Massimo Bossetti trasferito a Bollate. Aveva chiesto lo spostamento per poter lavorareYara Gambirasio, Massimo Bossetti trasferito a Bollate. Aveva chiesto lo spostamento per poter lavorare

Massimo Bossetti è stato trasferito dal carcere bergamasco di via Gleno a quello milanese di Bollate. Il muratore di Mapello era stato condannato in via definitiva all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio e dopo la sentenza della Cassazione aveva chiesto: “Vorrei essere trasferito in un penitenziario dove poter lavorare. Per non impazzire chiedo di poter essere utile, di lavorare. Oggi non ho più nulla, mi resta il pensiero dei miei figli e della mia famiglia”.

Come riporta il Corriere della SeraBossetti aveva chiesto il trasferimento nel carcere milanese “per aiutare la famiglia, per impiegare in qualche modo il tempo e perché dove si trova lo spazio è veramente ristretto”. Lo aveva specificato il suo avvocato Claudio Salvagni. Il detenuto era infatti nella sezione protetti, quella in cui sono rinchiusi i detenuti che hanno commesso reati su donne e bambini. Ora invece sarà trasferito a Bollate dove potrà lavorare.

L’articolo Yara Gambirasio, Massimo Bossetti trasferito a Bollate. Aveva chiesto lo spostamento per poter lavorare proviene da Il Fatto Quotidiano.

Il muratore di Mapello era stato condannato in via definitiva all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio e dopo la sentenza della Cassazione aveva chiesto: “Vorrei essere trasferito in un penitenziario dove poter lavorare. Per non impazzire chiedo di poter essere utile”

L’articolo Yara Gambirasio, Massimo Bossetti trasferito a Bollate. Aveva chiesto lo spostamento per poter lavorare proviene da Il Fatto Quotidiano.

F. Q.

Article Categories:
Il fatto quotidiano

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy