Mag 29, 2019
24 Views
0 0

The Voice of Italy, sesta puntata: il momento di combattere

Written by
Ypsilon Black

The Voice of Italy 2019, le pagelle ai protagonisti della sesta puntata

The Voice of Italy 2019, le pagelle ai protagonisti della sesta puntata

Giunge così il tempo di darsi battaglia a The Voice of Italy: i 24 concorrenti, reduci dalle Blind Audition e dai Best Six, gareggiano ora uno contro l’altro, duello fratricida dove il pollice alzato o verso basso verrà segnato dal giudice della propria squadra, selezione ‘non naturale’ che dalla natura prende però spunto per assestare il colpo di grazia a chi si dimostrerà più debole. Si apre dunque la fase de Le Battle, tre scontri diretti fra appartenenti allo stesso team: solo dodici dei ventiquattro concorrenti sono, infatti, destinati a superare la seconda fase di The Voice of Italy, accedendo all’ulteriore puntata dedicata ai Knock-out.

C’è tanta attesa, questa sera, per le scelte che ogni giudice sarà di nuovo chiamato a fare, attesa dovuta forse all’altrettanta delusione per alcune esclusioni non adeguatamente digerite, perché in fondo la domanda sorge spontanea: perché accaparrare a man bassa, per poi facilmente scartare? È, in sintesi, eticamente giusto spingere ossessivamente il pulsante, nel caotico tentativo di avere la miglior scelta possibile, o è piuttosto corretto aguzzare mente e orecchie, sudare di sforzo intellettuale perfino, al fine di comporre un carnet coerente ed oculato? In sostanza, in un sistema che troppo spesso fagocita senza il tempo di assaporare, non è forse deprecabile sprecare talento?

Colpa dei concorrenti stessi, si potrebbe anche ribattere, che in stato di Blind hanno (forse?) troppo spesso scelto di pancia piuttosto che di cervello, affidando il proprio destino canoro in mano a un ‘beniamino’ piuttosto che a un serio estimatore; c’è dunque un gap di strategia da evidenziare, vuoto esperienziale che nel meccanismo del talent show coincide con l’affidarsi a quella volubilità endogena che ogni giudice racchiude in sé, quando a essere in palio sono l’onore e la gloria.

Qualunque sia il risvolto della medaglia o, meglio, il ‘partito’ prescelto, un dato rimane ineludibile: la famosa buona sorte farà come al solito il suo corso, perché se da un lato ogni lasciata è persa, dall’altro la vita non si spende tutta in un talent, lasciando così tutto lo spazio al talento autentico di emergere nella sua circostanza, facile o complicata che essa sia.

Apertura affidata, questa sera, a una carrellata celebrativa dei quattro giudici che una giallissima Simona Ventura annuncia con quel piglio da stadio che è diventanto marchio di fabbrica; aprono le danze i concorrenti del team Gue, seguito dagli altri giudici. Andiamo dunque con le pagelle delle Battle di The Voice of Italy, che per la speciale circostanza esprimeranno il loro altrettanto insindacabile ‘favore’ o ‘disappunto’ alla scelta operata dalle poltrone più famose d’Italia.

TVOI-2019_-I-4-COACH

The post The Voice of Italy, sesta puntata: il momento di combattere appeared first on Style.

The Voice of Italy, sesta puntata: il momento di combattere
StylecoriereNew feed
{$inline_image}

Article Tags:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy