Circosta Auto
Apr 23, 2019
98 Views
Commenti disabilitati su Walter Veltroni e il debito di Roma
0 0

Walter Veltroni e il debito di Roma

Written by
Ypsilon Black

Walter Veltroni e il debito di Roma

Francesco Rutelli scrive una lettera a Repubblica per discolparsi dal debito di Roma e dice che lui non c’entra niente. Ma allora chi ha fatto il debito di Roma? Brunella Bolloli su Libero di oggi punta il dito su Walter Veltroni e sugli anni dal 2001 al 2008:

Le casse della Città Eterna erano già messe male da un pezzo (qualcuno fa risalire l’inizio del debito al 1960, anno in cui Roma ospitò le Olimpiadi e lo Stato dovette mettere mano al portafogli). Nel ’64 mancavano all’appello 400 miliardi di lire, dal 1970 all’85 il passivo è aumentato fino a quota 2.600 miliardi del vecchio conio e l’allora sindaco Clelio Darida ammise sconsolato: «La nostra situazione non è grave. È disperata».

Con Francesco Rutelli, primo cittadino dal ’93 al 2001, alle uscite vanno sommate le entrate perché nel 2000 ci fu il Giubileo, per cui il vero crollo nei conti avviene con il successore, Veltroni, il quale volendo fare di più rispetto ai predecessori, non ha badato a spese. Con sindaco l’ex Ds, è nata la Festa del Cinema, si è costruito l’Auditorium, si sono accesi i riflettori sui grandi eventi in riva al Tevere e perfino in periferia, si è spacchettata l’azienda dei trasporti pubblici (tre consigli di amministrazione anziché uno) e sono lievitate le consulenze.

salva roma decreto crescita
Il Salva-Roma nel decreto crescita (Il Giornale, 23 aprile 2019)

In breve: il debito di Roma è volato serenamente e pacatamente verso i 7 miliardi di euro netti, un miliardo e 21 milioni in più rispetto a Rutelli. Ma non sono state solo le kermesse e le consulenze a far decollare il passivo del Campidoglio veltroniano, quanto le operazioni finanziarie, nate forse sotto i migliori auspici, ma concluse nel più disastroso dei modi, con una previsione di tassi d’interesse lontanissima dalla realtà e un accumulo di spese esorbitanti da pagare (fino a che poi, dal 2008, si è deciso per la gestione commissariale del debito).

Il grosso di questo deficit monstre, che fa pagare i romani più Irpef degli altri, è frutto soprattutto della gestione veltroniana, prima che Walter mollasse Palazzo Senatorio per lanciarsi nell’avventura (vana) del Pd, quando con il suo assessore al Bilancio Marco Causi il Comune arrivò a indebitarsi ad ogni livello, sottoscrivendo anche 9 contratti derivati (su cui indagò la Corte dei Conti) assai rischiosi: 4 a copertura dell’emissione di Boc (buono ordinario comunale) con rimborso bullet e 5 relativi a un nozionale di mutui contratti dall’ente comune di Roma.

In sintesi. Nel 2004 il Campidoglio ha collocato sul mercato il maxi-bond comunale “City of Rome”, da 1,4 miliardi di euro con restituzione integrale alla scadenza (bullet) il 27 gennaio 2048. Ma, come ha scritto Il Sole 24 Ore, 15 anni fa era un altro mondo, i tassi erano decisamente più alti e il bond paga un interesse del 5,345%, cioè una spesa annuale di 75 milioni di euro, che a fine corsa fa salire fino a 3,6 miliardi il prestito iniziale da 1,4. Un salasso.

Leggi anche: I 22 sgomberi pronti a Roma

 

L’articolo Walter Veltroni e il debito di Roma proviene da nextQuotidiano.

Libero all’attacco dell’ex sindaco: con lui il debito di Roma esplose

L’articolo Walter Veltroni e il debito di Roma proviene da nextQuotidiano.

neXt quotidiano

Article Categories:
nextquotidiano

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy