Apr 24, 2019
47 Views
Commenti disabilitati su Come cambia il Salva-Roma
0 0

Come cambia il Salva-Roma

Written by
Ypsilon Black

Come cambia il Salva-Roma

Il Consiglio dei ministri è finito a mezzanotte e ha trovato un accordo sul Salva-Roma. Sono rimasti in piedi soltanto gli articoli 1 e 7, mentre gli altri sono stati stralciati dal Decreto Crescita. Questo comporta che rispetto agli annunci di Castelli e Raggi il contenuto del provvedimento che dovrebbe risolvere il problema del debito di Roma cambia e di molto.

Come cambia il Salva-Roma

Spiega oggi Il Messaggero che con le nuove norme tutto il vecchio debito di Roma, 12 miliardi di euro di passivo antecedente al 2008, sarà trasferito al Campidoglio. La gestione commissariale che oggi si occupa di gestire il pesante fardello sarà chiusa. Il Comune si occuperà direttamente di pagare le rate dei mutui.

Per farlo potrà contare sui 200 milioni annui che arrivano dall’addizionale Irpef del 4 per mille sui redditi dei romani, e sul versamento da parte dello stato di un contributo annuo di 300 milioni di euro. Esattamente quello che già oggi il Tesoro versa al commissario straordinario. Un compromesso che permette a Matteo Salvini di dire che lo Stato non si è accollato i debiti di Roma, ma che rende anche più difficile il progetto di ridurre l’addizionale Irpef a carico dei romani.

salva-roma debito di roma
Il Salva-Roma e il debito di Roma (Il Messaggero, 24 aprile 2019)

Fino a tarda sera le norme prevedevano altro:

Il ministero dell’Economia si doveva accollare il cosiddetto “Colosseum bond”, il buono comunale da 1,4 miliardi di euro emesso a partire dal 2003 dal Comune di Roma. Si tratta di un prestito a tasso fisso che paga una cedola annuale a tasso fisso molto alta, il 5,345%, circa 75 milioni di euro ogni dodici mesi. Il capitale invece, doveva essere restituito in un’unica soluzione nel 2048.

Lo Stato, sempre tramite il Tesoro, si sarebbe accollato anche un altro debito, quello acceso con la Cassa Depositi Prestiti e con alcuni istituti bancari all’inizio della gestione commissariale. Si tratta di 4,5 miliardi circa per i quali oggi il commissario paga una rata di circa 180 milioni di euro l’anno. Il Tesoro, insomma, avrebbe dovuto far fronte a 250 milioni di euro annui di rate del vecchio debito di Roma e il saldo finale del “Colosseum Bond”, ma in cambio non avrebbe dovuto più versare allo stesso commissario straordinario i 300 milioni di euro di contributo annuale.

Leggi anche: Il Salva-Roma e i debiti delle grandi città

E gli altri comuni?

Non è tutto.  Salvini vuole che la norma venga estesa in un provvedimento ad hoc che includa gli altri Comuni in difficoltà: Catania, Alessandria, Torino, Genova, Napoli, Reggio Calabria.  Secondo il Fatto la viceministra Laura Castelli sta lavorando a queste possibilità:

Una di queste, la possibilità per i Comuni che hanno già varato piani di riequilibrio prima del 2019 di spalmare in 20 anni i costi del debito sarebbe dovuta finire nel testo (riguarda una trentina di comuni, tra cui spicca Reggio Calabria). Per le altre misure (possibilità di rinegoziare i mutui con Cassa Depositi e Prestiti, sospensione per due anni delle rate etc.) sarebbe rientrata in un pacchetto in fase di conversione del decreto perché servono coperture e l’accordo di banche e Cdp. La linea di Salvini, invece, è che tutto deve finire in un provvedimento unico.

salva-roma debito
Il debito delle grandi città (Il Sole 24 Ore, 23 aprile 2019)

Prima del Cdm Salvini aveva spiegato di aver chiesto a Conte «che tutti i comuni in difficoltà» venissero «tutti aiutati nella stessa maniera, non qualcuno prima e qualcuno dopo». Con un «provvedimento ad hoc per tanti comuni in dissesto, in pre-dissesto, indebitati, in difficoltà economica al Nord, Centro e Sud. Vogliamo aiutare i cittadini romani, savonesi, catanesi e alessandrini».

Leggi anche: La strana storia del clochard accoltellato per il crocifisso a Termini

L’articolo Come cambia il Salva-Roma proviene da nextQuotidiano.

Un compromesso che permette a Matteo Salvini di dire che lo Stato non si è accollato i debiti di Roma, ma che rende anche più difficile il progetto di ridurre l’addizionale Irpef a carico dei romani

L’articolo Come cambia il Salva-Roma proviene da nextQuotidiano.

Alessandro D’Amato

Article Categories:
nextquotidiano

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy