Mar 9, 2019
202 Views

Tav, Fico: “Il nostro no non è ideologico” ma “una battaglia identitaria del M5s”

Written by
Pubblicità

Il no alla Tav “non è un atto ideologico” ma “una battaglia identitaria del M5s”. Parla così Roberto Fico, a Napoli per un convegno sulla criminalità minorile ospitato dal Circolo Posillipo. Nel corso del quale il presidente della Camera ha fatto un deciso richiamo alle origini del Movimento: “Nel 2005 la prima riunione non del movimento perché non esisteva, ma dei meetup che nascevano fu fatta a Torino – ha raccontato l’esponente pentastellato, grillino della primissima ora – perché quel giorno c’era la grande manifestazione per dire no alla Tav. Eravamo un centinaio di persone, oggi alcuni non ci sono, c’era anche Beppe Grillo. Finì la riunione e andammo tutti alla manifestazione No Tav”.

Una posizione critica rimasta tale anche dopo l’ingresso dei grillini in Parlamento: “La prima uscita pubblica da parlamentari del Movimento 5 Stelle Camera e Senato nel 2013 – prosegue Fico – fu una visita ai cantieri della Tav per comprendere a che punto ci trovavamo, per dire l’ennesimo no documentato e non ideologico alla Tav. Quindi – ha concluso Fico – è una lotta che ha attraversato ogni periodo storico del Movimento 5 Stelle e ogni regione che ha contribuito a far nascere e a far crescere il Movimento”.

“Il no non era una posizione ideologica o per dire no a qualcosa, ma era per dire di cambiare rotta rispetto a delle opere che non servono e non servivano”, ha aggiunto il presidente della Camera, che argomenta con ragioni di carattere tecnico: “Abbiamo visto tutte le relazioni che sono negative. Senza contare che, non solo in Italia, ogni volta purtroppo che un’opera va avanti in un certo modo crescono anche le spese che in questo momento non sono a bilancio”.

La questione ha causato nei giorni scorsi forti fibrillazioni nel governo, ma a chi gli chiede se ci sia il rischio di andare al voto Fico risponde: “Non parlo del voto, la questione del voto non sta mai a me dirla, la legislatura è saldamente in piedi, c’è la nostra Carta costituzionale, la nostra Repubblica e semmai avverrà qualcosa la parola passerà sempre al Presidente della Repubblica, non al presidente della Camera”, ha spiegato l’esponente 5 Stelle, che venerdì al Quirinale a margine della cerimonia dell’8 marzo aveva confermato che nel governo sulla questione è in atto un “muro contro muro“. “In ogni caso si sta andando avanti, i provvedimenti sono agli atti, lunedì si continua il lavoro assolutamente normale”.

L’articolo Tav, Fico: “Il nostro no non è ideologico” ma “una battaglia identitaria del M5s” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Tav, Fico: “Il nostro no non è ideologico” ma “una battaglia identitaria del M5s”
Il fatto quotidiano

Article Tags:
Article Categories:
Il fatto quotidiano

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy