Mar 16, 2019
127 Views
0 0

Ghali: “Ecco I Love You, la mia lettera d’amore dal carcere”

Written by
Ypsilon Black

Il rapper italo-tunisino presenta il suo nuovo singolo dalla Casa Circondariale di San Vittore di Milano

ghalicaraitalia

Si intitola “I love You” il nuovo singolo di Ghali, che esce ad un anno di distanza da “Cara Italia”, triplo Platino con un video da oltre 100 milioni di visualizzazioni:

E’ una lettera d’amore ad un carcerato, che può essere un fratello, un amico, un padre. Un brano che ho voluto portare qui, in mezzo a chi la prigione la vive ogni giorno, per far sentire anche la loro voce, le loro storie

, così il rapper italo-tunisino presenta il  brano all’interno del Carcere di San Vittore a Milano, davanti ad una sessantina di detenuti e detenute under 25: “Ho ricordi molto forti di questo posto, quando da bambino venivo con mia madre a trovare papà“.

Ma “I Love You”, dice Ghali, non è solo una canzone, bensì un progetto:

un nuovo modo di fare musica, come quando per completare l’opera si abbina la moda, il merchandising, la comunicazione, il video clip ad una canzone. Ecco per me il next step è sfruttare i miei canali e tutta l’attenzione che ho per dare voce a qualcun altro“.

L’intento si vede già dalla copertina del singolo: oltre all’immagine del moonwalk, il noto passo di danza di Michael Jackson, uno dei suoi artisti preferiti, si vede una palla stroboscopica legata a una caviglia, e una fitta vegetazione dietro le sbarre.

Le piante rappresentano la voglia di vivere, di prosperare e di ballare che c’è in cella“, racconta Ghali.

“I Love You” nasce dalla consapevolezza che per iniziare a cambiare le cose occorre partire dall’individuo e dalla sua realtà. Un sound arabeggiante e un ritornello che non esce più dalla testa sin dal primo ascolto. E quando parte il brano a San Vittore si compie un piccolo miracolo, di quelli che spesso solo la musica può realizzare.

I detenuti in sala si alzano in piedi, battono le mani, tengono il ritmo e cantano all’unisono. Per pochi minuti ragazzi come gli altri, in mezzo agli altri. Con una speranza e una gioia comuni. Ed è a loro che Ghali ha voluto dare voce.

“E’ una lettera d’amore che entra e che esce allo stesso tempo e connette il dentro con il fuori”.

Nel frattempo sullo schermo scorrono frammenti del nuovo video, racconto dei giorni di Ghali a San Vittore e del murales realizzato nello spazio per l’ora d’aria insieme a Jorit. Una parte dell’opera verrà messa all’asta e il ricavato andrà a un’associazione di giovani e donne di San Vittore.

Prima di tornare in cella c’è ancora tempo per qualche autografo e gli abbracci con i ragazzi, quasi tutti coetanei di Ghali, qualcuno più giovane. “Grazie per essere venuto qui da noi, è stato bellissimo da parte tua” dice un ragazzo tunisino, tra i più emozionati in sala, prima di tornare in fila insieme agli altri, verso il quinto raggio, dove il più vecchio ha 25 anni.

Ecco il testo del nuovo singolo di Ghali – I Love You

Io lo so che tu sei in sbatti forever
ma tutto andrà bene fidati my friend
e se Dio non c’è sette giorni su seven
vedrai che verrà con noi questo week end

E vengo in discoteca come gli Alkazar
sboccio ma non bevo solo in Ramadam
ho quaranta ladroni come Ali Babà
non finiamo in rehab ma finiamo il kebab

C’è chi canta insieme a una sirena
c’è chi balla dentro ad una galera
dove è sempre mezzanotte
tu lo sai che sei il mio brother
vorrei dirti tante cose
urlo forte

I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you

Ti voglio bene vorrei volerti bene
I love you, te quiero, je t’aime
si muore da soli, si vive togheter
a che serve sangue, la guerra e la ne
ti sento come se non ci fossero muri
ti sento come se non avessi più dubbi
ti mando un pezzo, premi play metti le cuffie e fuggi
sto arrivando da te
Ghali libera tutti

L’amore a mon mai, l’amore a mon mai
neanche se fai pon pon
l’effetto che fai, l’effetto che fai
mi manda nel vuoto
dove è sempre mezzanotte
tu lo sai che sei il mio brother
vorrei dirti tante cose
urlo forte

I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you

Ho qualcosa da farti sentire
connettimi al bluetooth
e c’ho un mare di problemi
dai vieni a farti un tuffo
sto ballando da ieri soltanto per chiedere aiuto
agli Ufo, aiuto

I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you
I love you, I love you

Ghali: “Ecco I Love You, la mia lettera d’amore dal carcere” di Marco Righetti su Rnbjunk Musica – Ultime notizie e gossip di musica

Ghali: “Ecco I Love You, la mia lettera d’amore dal carcere”
rnbjunk

Article Tags:
Article Categories:
Rnbjunk
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy