Mar 23, 2019
93 Views

Ecco il primo algoritmo a firmare per una label

Written by
Ypsilon Black

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale è entrata con sempre maggiore prepotenza nel mondo della musica. Da Spotify che determina ciò che ascoltiamo in base ad algoritmi, alle playlist che guidano il processi creativi degli artisti, la tecnologia potrebbe presto rendere lo stesso fare musica un’attività obsoleta. E se è lì che andremo a finire, benvenuti nel nuovo mondo, dal momento che un algoritmo è appena stato messo sotto contratto da un’etichetta discografica.

Si chiama Endel ed è la prima app ad aver firmato per una label, la Warner Music Group. Che fa Endel? Crea musica da sola, per aiutarci nelle varie fasi della nostra giornata. Partendo da una serie di input – come le condizioni meteo, l’ora o il battito del nostro cuore – genera da sola panorami sonori dai fini più disparati, dal metterci di buon umore all’aumentare la nostra concentrazione, al favorire il rilassamento o il sonno.

Endel è disponibile per iOS, Android e Amazon Alexa, ed entro la fine dell’anno pubblicherà 20 album, cinque dei quali già disponibili sulle piattaforme streaming: si tratta degli LP della serie Sleep, con titoli come Clear Night, Rainy Night, Cloudy Afternoon, Cloudy Night e Foggy Morning. I nomi delle tracce? Anche qui non aspettatevi chissà quali voli di fantasia, visto che andiamo da Blanket Cover a Counting Sheep, a Cocoa Mugs. I dischi successivi rientreranno nelle categorie Focus e Relax e magari conterranno titoli come Caffeine Boost e Head Petting

Endel è stata creata in Giappone e lanciata nello scorso mese di novembre. Tra gli investitori nel progetto figurano la casa discografica giapponese Avex Group, Jillionaire dei Major Lazer e Alexa Found.

A seguire, una demo della nuova applicazione:

Ecco il primo algoritmo a firmare per una label
Sentire ascoltare

Article Tags:
Article Categories:
Sentireascoltare

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.