Circosta Auto
Mar 15, 2019
13 Views
Commenti disabilitati su Assume un ragazzo nero per fare le pizze: nessuno va più nel suo locale
0 0

Assume un ragazzo nero per fare le pizze: nessuno va più nel suo locale

Written by

Assume un ragazzo nero per fare le pizze: nessuno va più nel suo localeAssume un ragazzo nero per fare le pizze: nessuno va più nel suo locale

Ha assunto un ragazzo del Gambia, in Italia con un permesso per motivi umanitari. Lo ha assunto per fare il pizzaiolo. Riccardo Lanzafame, che due anni fa ha preso in gestione la locanda Malatesta a Montescudo-Montecolombo, provincia di Rimini, ha fatto questa scelta e, come riporta il Corriere della Sera, è andato tutto bene fino a quando sulla pagina Facebook della cittadina è apparso un commento nel quale qualcuno sosteneva che Lanzafame non fosse in grado di gestire la struttura e che dato che aveva assunto un ragazzo africano per fare le pizze tanto valeva prendesse anche un Papa nero.

Da quel giorno, racconta sempre Lanzafame al Corriere, nessuno è più entrato nel locale: “Oppure telefonavano e le ordinavano per venirle a prendere, e poi non si presentava nessuno a ritirarle. Da quel giorno in pratica non abbiamo più lavorato”, spiega. Ma lui non ha ceduto e fuori dal ristorante ha appeso un cartello: “In questo locale abbiamo assunto un ragazzo africano, se sei razzista non entrare“. Masamba, così si chiama il ragazzo, sentendosi in colpa se n’è andato, ma Lanzafame lo ha richiamato: “Gli ho detto che piuttosto non mangio io, ma i soldi per dargli lo stipendio li trovo. Io non ho paura, anche se il paese è contro di me, se dovrò andare via almeno lo farò a testa alta”.

 

 

L’articolo Assume un ragazzo nero per fare le pizze: nessuno va più nel suo locale proviene da Il Fatto Quotidiano.

La vicenda, riportata dal Corriere della Sera, è accaduta a Montescudo-Montecolombo, provincia di Rimini

L’articolo Assume un ragazzo nero per fare le pizze: nessuno va più nel suo locale proviene da Il Fatto Quotidiano.

F. Q.

Article Categories:
Il fatto quotidiano

Comments are closed.

×

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy