Circosta Auto
Feb 9, 2019
26 Views
0 0

“Voglio una fine così”. Baglioni: “Achille Lauro parla di droga? Non me ne sono accorto”. Salvini: “Uno schifo”

Written by

Non c’è pace per Achille Lauro in questi giorni di festival. Dopo le accuse di plagio (qualcuno avrebbe individuato delle somiglianze con un brano degli Smashing Pumpinks), ora di nuovo dito puntato contro la sua canzone, Rolls Royce, che sarebbe un incitamento all’utilizzo di stupefacenti. A sollevare il dubbio che sia “un inno all’ecstasy” è di nuovo Striscia la Notizia. Rolls Royce sarebbe infatti il nome con cui viene definita una pasticca di ecstasy.

“Ogni giorno esce una cosa nuova, prima il plagio che non è un plagio. Ora questo. Ma io non ne ho mai sentito parlare – si difende il cantante -. Rolls Royce è la macchina, è lo status. Il pezzo è una fotografia di tutte le icone mondiali dagli anni Cinquanta a oggi: dal mondo di Hollywood alla musica, allo stile”. E domani di cosa si parlerà? “Domani? boh!”. “Rolls Royce, voglio una vita così, voglio una fine così”, dice il testo. E tra le righe ci sono pure Amy Winehouse, Jim Morrison e Jimi Hendrix, nomi tutti puliti, insomma. (Continua a leggere dopo la foto)

“C’è un trapper che non sa (o finge di non sapere) certe cose? Tutto nasce dalla famosissima statuetta di donna sul radiatore delle Rolls Royce. – si sentiva nel servizio del tg satirico – Il suo nome è Spirit of Ecstasy: da qui l’abitudine a chiamare Rolls Royce le pasticche sintetiche”. “Confesso che non so niente di droga, fin da ragazzo quando altri si facevano le canne”, ha detto Claudio Baglioni rispondendo così ad una domanda sull’ipotesi che la canzone di Achille Lauro inneggi all’uso di ecstasy. (Continua a leggere dopo la foto)

“Lui ha detto palesemente che il riferimento è al marchio di lusso, ricchezza e stile Rolls Royce. Non vorrei fare l’esegeta, credo che meglio dell’autore non possa sapere nessuno cosa voleva dire. Sarei comunque l’esperto meno indicato sulla questione”, aggiunge il direttore artistico del Festival. Dopo aver “attapirato” lo stesso cantante, la conduttrice Andrea Delogu e il direttore di Rai Uno Teresa De Santis, è arrivato il momento di sentire anche l’opinione di Matteo Salvini in merito a “Rolls Royce”. Intervistato da Gimmy Ghione, il vicepremier non usa mezzi termini: “È terribile, mi fa schifo solo l’idea. Anche perché cita qualche personaggio che in passato ha abusato e non è finito bene”. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
L’inviato ha inoltre chiesto: “Ma chi ha selezionato sia il cantante che il pezzo, non si sarà fatto una leggerissima domanda?”. Immediata la risposta del ministro: “Tu dici che è Baglioni? Non farmi polemizzare con Baglioni che ho già i miei problemi”. E ha concluso: “Preferivo le caramelle dei Dear Jack, rispetto alle Rolls Royce di sto tizio”. E alla domanda dell’inviato, che gli ha chiesto chi sarà mai stato a selezionare il brano, ha risposto tentando di svincolarsi: “Tu dici che è Baglioni? Non farmi polemizzare con Baglioni che ho già i miei problemi” – riferendosi alla querelle sui migranti.

Achille Lauro, chi è: età, altezza, peso, fidanzata, nome vero

  fbq(‘track’, ‘Gossip’);

L’articolo “Voglio una fine così”. Baglioni: “Achille Lauro parla di droga? Non me ne sono accorto”. Salvini: “Uno schifo” proviene da Caffeina Magazine.

“Voglio una fine così”. Baglioni: “Achille Lauro parla di droga? Non me ne sono accorto”. Salvini: “Uno schifo”
Caffeina Magazine

Article Tags:
Article Categories:
Caffeina Magazine
×

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy