Feb 12, 2019
82 Views
0 0

Nick Mason parla dei Pink Floyd e del suo tour sui primi album della band

Written by
Ypsilon Black

In un’intervista rilasciata alla radio statunitense KSHE 95, l’ex batterista dei Pink Floyd Nick Mason ha parlato – tra le altre cose – di se stesso all’interno della storica band inglese, della carriera e dell’eredità artistica degli stessi Pink Floyd e dell’annosa diatriba tra Roger Waters e David Gilmour.

«Non sono sicuro di essere stato presente su ogni album, forse in 2-3 tracce non ho suonato per qualche ragione, ma sì, è una bella cosa davvero», ha risposto Mason all’osservazione dell’intervistatore riguardo il fatto che il drummer abbia preso parte a tutti i più importanti lavori della formazione britannica, una quindicina. «Non credo che la cosa sia di per sè meritevole di un qualche riconoscimento. Al momento, l’unico riconoscimento giusto da tributare sarebbe per Rick», ha aggiunto il musicista facendo riferimento allo storico tastierista del combo, Rick Wright, scomparso nel 2008. «Credo che, guardando indietro alla musica che abbiamo composto, sia stato lui ad avere parte integrante nel nostro suono».

Mason ha parlato anche del tour che si sta apprestando a intraprendere insieme ai suoi Saucerful Of Secrets (partenza il 12 marzo da Vancouver), tour che – come sappiamo – toccherà anche l’Italia la prossima estate, dopo l’unica data dello scorso anno. Nello show sarà presente un mix di materiale preso dagli album dei Pink Floyd precedenti al 1973: «Molti credono che abbiamo iniziato con The Dark Side Of The Moon, ed è comprensibile, ma ci sono stati altri album prima che ci hanno condotto lì. In un disco come The Piper At The Gates Of Dawn, il primo che incidemmo, c’era questa sorta di elemento bizzarro, molto english, quasi folk direi».

Sulla polemica che ormai si trascina da anni tra i suoi due ex compagni di band Waters e Gilmour, e sulla possibilità che un giorno si riconcilino, Mason invece ha detto: «Non lo so. A volte le persone sentono di dover continuare a litigare per il resto della loro vita, altre volte ci vuole un attimo per tornare indietro. Magari non un tour insieme, nè uno show da una sera e basta; potrebbe bastare una serata al pub, chi lo sa». Anche di recente Mason aveva provato a fare da paciere tra i due.

Su SA trovate alcune recensioni della discografia dei Pink Floyd, compresa quella relativa all’ultimo album The Endless River nonché quella dell’indispensabile cofanetto The Early Years 1967-1972. Recente è anche la nostra recensione alla prima autobiografia della band ad opera dello stesso Nick Mason. A seguire, vi proponiamo il video integrale dell’esibizione del gruppo al Live 8, l’ultima apparizione del combo al completo:

Nick Mason parla dei Pink Floyd e del suo tour sui primi album della band
Sentire ascoltare

Article Tags:
Article Categories:
Sentireascoltare
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy