Feb 17, 2019
113 Views
0 0

Matteo Renzi sogna ancora la tv: sta preparando due nuovi programmi.

Written by
Ypsilon Black

In questi giorni è in tour in tutta Italia per presentare il suo nuovo libro Un’altra strada, bestseller più venduto su Amazonma Matteo Renzi pensa ancora alla tv.

L’ex premier e attuale senatore della Repubblica, che questa sera sarà ospite di Che Tempo Che Fa, dopo il sogno realizzato di Firenze, secondo me – documentario ben fatto sulla bellezza della sua città andato in onda sul Nove nel dicembre scorso – ha due nuovi progetti televisivi in mente e pare sia intenzionato a realizzarli prossimamente.

E’ lui stesso ad anticiparlo nella sua nuova opera letteraria:

Un’altra strada mi porta a emozionarmi, divertirmi, impegnarmi a fare televisione in modo diverso. Non più i talk show dove il pubblico in sala applaude con veemenza chi difende una tesi e dieci minuti dopo riserva lo stesso caloroso riscontro a chi dice il contrario. Puzza di falso, come il wrestling: tutto uno show, nessuno che ci creda davvero.

Di applausi comandati la tv è piena: contribuiscono a realizzare un’atmosfera appetibile per i telespettatori, oserei dire che sembrano essere indispensabili per creare il clima di coinvolgimento a cui siamo abituati, ma, inevitabilmente, possono influenzare il pubblico in maniera parziale. Questo è un tema ancora più rilevante nelle trasmissioni politiche, dove o si applaude troppo per tutti e si rischia di annoiare il pubblico o esageratamente per qualcuno e si rischia di dare l’impressione di manovrare il pubblico a favore di un certo soggetto politico. Forse, gli applausi dovrebbero essere su richiesta solo in circostanze insospettabili: occorrerebbe una lunga riflessione a riguardo, ma non è scontato che ce ne sia l’interesse da parte dei network televisivi. 

L’ex sindaco di Firenze dice anche:

Anche in questa nuova esperienza ho scelto un’altra via. Coltivavo da sempre il sogno di raccontare Firenze in modo originale e, grazie alla scommessa di amici eccezionali e di una troupe di prim’ordine, si è realizzato. Mi emoziona non poco, camminando per la città, che alcuni turisti si avvicinino dicendo: «Sono tornato qui a distanza di tanti anni perché mi è venuta voglia dopo aver visto il suo documentario» o che qualche fiorentino mi rivolga il suo: «Bravo, tu mi sei garbato. Anche se…» (perché se non aggiunge una punta di polemica non è fiorentino). Significa che anche solo un frammento di quella narrazione è rimasto nel cuore di chi le ha voluto dedicare qualche istante.

Poi, annuncia le sue nuove intenzioni televisive:

Compatibilmente con gli impegni parlamentari, desidero continuare a raccontare la bellezza in televisione e nei prossimi anni mi dedicherò a due nuove serie. Una sull’Italia del volontariato, dell’associazionismo, del terzo settore: c’è molta bellezza anche nei luoghi del dolore, tanta forza anche nell’Italia che soffre. Un’altra sulla qualità delle persone, sulle eccellenze italiane, su ciò che vale la pena ammirare, non certo invidiare.

Insomma, l’ex segretario del Partito Democratico pare non accontentarsi dei buoni risultati (considerando la prima esperienza di Renzi da protagonista in tv, il genere del programma, la rete e la collocazione del sabato sera) del documentario sulla sua amata città e ambisce a raccontare il suo, il nostro, amato Paese. 

 

L’articolo Matteo Renzi sogna ancora la tv: sta preparando due nuovi programmi. proviene da Trash Italiano.

Matteo Renzi sogna ancora la tv: sta preparando due nuovi programmi.
trashitaliano.it

Article Tags:
Article Categories:
Trash Italiano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy