“Chiamava la madre disperato”. Vannini, ora parla la vicina di casa Ciontoli

Caso Vannini, continua la battaglia in attesa del terzo grado di giudizio. Stavolta, a parlare, è Maria Cristina la vicina di casa dei Ciontoli. Parole, rilasciata alla iena Giulio Golia, destinate a far discutere: Quella sera, la sera in cui Marco Vannini morì a casa della famiglia della fidanzatina, una villetta multifamiliare di Ladispoli, la macchina del padrone di casa, Antonio Ciontoli, forse non c’era. “All’apparenza tutti belli, tutti bravi, invece erano persone spiacevolissime, lui era una persona cattivissima. ‘Prima o poi sto cane te lo ammazzo’, mi diceva. Lei, la moglie, ha preso anche un sacco di botte, lui molto molto cattivo”, racconta così i suoi vicini Maria Cristina.

Poi fa emergere un dettaglio inquietante: “Lui, Antonio, parcheggiava la macchina nera del lavoro davanti al cancello, sul suo passo carrabile. Bisognava stare attenti a non strusciarla, fare retromarcia per parcheggiare. Quando sono arrivata questa macchina non l’ho vista, perché ho parcheggiato tranquilla. Ma lui sempre la metteva là, da venti anni”. (Continua dopo la foto)

Altro dettaglio. Quella sera c’era Roma-Udinese. In casa ci sono tutti: Marco, la fidanzata Martina, Federico, l’altro figlio dei Ciontoli, con la sua fidanzata e la madre dei due ragazzi. “Una serata come le altre, avevamo fatto la brace”, dice Ciontoli. “Quando vedevano le partite mangiavano sul terrazzo, là c’era il televisore. Sentivo ridere, scherzare. Ho sentito Martina, Marco, Federico. La voce di Antonio non te lo posso assicurare”, confessa Maria Cristina. (Continua dopo la foto)
“Le altre volte la sentivo, era inconfondibile, è molto forte. Non posso dire che l’ho sentita, mi fa pensare che lui non c’era”, dice ancora la vicina. Ciontoli spara a Marco Vannini, per sbaglio. Dopo tanto tempo, troppo, la famiglia Ciontoli chiama l’ambulanza: “Appena fatta la chiamata sono sceso giù per aspettarla. Siamo arrivati io e la mia ragazza fino alla fine della strada. si è affacciata anche la vicina”, ha dichiarato Federico durante l’interrogatorio. (Continua dopo la foto)

{loadposition intext}

“Federico e Viola erano scesi giù per andare a spostare la macchina per far mettere l’ambulanza davanti al cancello di casa”, ha dichiarato anche Antonio Ciontoli. “E io ho spostato la macchina e l’ho messa davanti al passo carrabile”, ha confermato Federico. Antonio Ciontoli, riferisce Maria Cristina, ha parcheggiato per venti anni davanti al suo passo carrabile, davanti al cancello. “Quella sera io la macchina non l’ho vista. Quando l’ambulanza è arrivata per la prima volta ho visto la macchina di Antonio, però la vettura non stava davanti al cancello, perché davanti al cancello c’era l’ambulanza, la sua macchina stava al centro della strada. Assurdo parcheggiare al centro della strada. Forse è venuto dopo, forse è arrivato e ha parcheggiato là. Ma per lasciarla al centro della strada, doveva essere di passaggio”.

Ti potrebbe anche interessare: “Non li perdono! Certe cattiverie…”. Leda, la sorella di Mia Martini senza pietà

fbq(‘track’, ‘STORIE’);

L’articolo “Chiamava la madre disperato”. Vannini, ora parla la vicina di casa Ciontoli proviene da Caffeina Magazine.

“Chiamava la madre disperato”. Vannini, ora parla la vicina di casa Ciontoli
Caffeina Magazine