Circosta Auto
Gen 11, 2019
160 Views
0 0

L’Eredità, altro ‘caso’: cosa non torna nella risposta degli autori

Written by
a giugno vieni a scoprire la nuva carbon edition

E anche nel 2019 L’Eredità di Flavio Insinna sembra essere il quiz show che vanta un record a dir poco particolare: quello del numero di gaffe. Praticamente non c’è giorno in cui non si parli della trasmissione in onda tutte le sere su Raiuno. Anche nelle ultime puntate, infatti, gli spettatori hanno assistito a vari ‘disastri’ in studio. Dei concorrenti in gara, per esempio. Sarà l’emozione di stare di fronte a una telecamera e l’ansia da prestazione, perché dover rispondere in pochi secondi da casa sembra una passeggiata ma in studio è tutta un’altra cosa, ma di fatto le figuracce dei malcapitati si sprecano.

E inevitabilmente finiscono in pasto al popolo della rete, a cui non sfugge proprio nulla. L’elenco sarebbe lunghissimo considerando che Insinna ha dato il via alla ‘sua’ Eredità a settembre scorso, ma uno degli ultimi scivoloni è stato quello di Virgilio, il concorrente che ha giocato nella puntata di giovedì 10 gennaio e si è reso protagonista di una gaffe clamorosa. (Continua dopo la foto)

La domanda era semplice: “Qual era il primo nome del rivoluzionario argentino Guevara, conosciuto da tutti come ‘Che’?”. La risposta, ovviamente, era Ernesto ma Virgilio ha pensato di ribattezzarlo “Eugenio” tra l’imbarazzo generale. Ancora, nella puntata della sera precedente è stato Fabrizio a essere preso di mira dagli utenti dei social per un’altra risposta, chiaramente sbagliata, che ha fatto saltare dalla sedia tutti. Persino il padrone di casa. (Continua dopo la foto)

“Quanti sono i commensali dell’Ultima cena?”. Facile o no? No, evidentemente. Fabrizio ha risposto “Dieci”. In studio è subito calato il gelo, con un visibilmente imbarazzato Flavio Insinna che ha provato a dire: “Ci vuoi far chiamare dal Papa?! No, dai… sono 12 più Gesù, 13 in totale e per quello si dice che 13 a tavola non porta bene…”. Quindi ha riproposto il quesito a Fabrizio, che però c’è ricascato: “Sono 12”. E Insinna: “No, ti prego! 13! Ci terrei a tenere questo posticino ancora per qualche mese… 13 sono 13”. (Continua dopo la foto)

{loadposition intext}
E arriviamo così all’ultimissima, che però non riguarda i concorrenti. Errore degli autori del programma, sempre nella puntata di giovedì, e a farne le spese è stato ovviamente il conduttore, che ha chiesto quale fosse nel calcio “un tipico fallo da contrasto”. Domanda già di per sé, scrive Libero, un poco astrusa. Ma è stata la risposta a risultare ancora peggiore, che secondo gli autori era “gomitata”. Dubbi. Nel calcio, infatti, un “tipico fallo da contrasto” in linea di massima non viene punito con un cartellino. Al contrario, la gomitata vale come minimo l’ammonizione (se di lievissima entità), o nella maggioranza dei casi l’espulsione diretta. Dunque, conclude Libero, a L’Eredità di Flavio Insinna sono bocciati anche gli autori.

L’Eredità, le accuse a Flavio Insinna sulla campionessa

fbq(‘track’, ‘Gossip’);

L’articolo L’Eredità, altro ‘caso’: cosa non torna nella risposta degli autori proviene da Caffeina Magazine.

L’Eredità, altro ‘caso’: cosa non torna nella risposta degli autori
Caffeina Magazine

Article Tags:
Article Categories:
Caffeina Magazine
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: