Circosta Auto
Gen 4, 2019
13 Views
0 0

Decreto Sicurezza, la Digos all’Anagrafe di Palermo nel giorno del sit in per Leoluca Orlando

Written by

La Digos nell’ufficio anagrafe del comune di Palermo. Mentre in città si svolgeva il presidio di associazioni, forum e sindacati è stato organizzato in difesa del sindaco Leoluca Orlando, il primo a dare il via alla battaglia contro il decreto sicurezza, alcuni agenti sono andati a prendere informazioni negli uffici del comune. Due giorni fa, infatti, il primo cittadino aveva annunciato di aver ordinato al capo area Maurizio Pedicone  di non mettere in pratica le nuove norme che negano la possibilità di concedere la residenza a chi ha un permesso di soggiorno. Una mossa che ha scatenato i sindaci contro il padre del dl Sicurezza, Matteo Salvini. “Gli agenti hanno chiesto cosa accade quando vogliamo regolarizzare la posizione di un richiedente asilo e quali sono le procedure che stiamo seguendo”, spiegano i dipendenti dell’ufficio anagrafe di Palermo.

A Palermo in mattinata sono state dieci le richieste di residenza presentate all’ufficio anagrafe  da parte di extracomunitari. Il primo appuntamento per verificare le pratiche è stato fissato dagli impiegati per il 28 gennaio e date successive. I richiedenti sono tutti originari del Bangladesh e Ghana. “Cerchiamo di capire – spiegano alcuni dipendenti del Comune – cosa succederà dopo le parole del sindaco Leoluca Orlando e le dichiarazioni del ministro Matteo Salvini“.

Quello della Digos è il primo atto formale di accertamento dei fatti sulla condotta di Orlando. Bisogna capire se è stata già aperta un’indagine formale sull’atto di “disobbedienza” del primo cittadino. ” I sindaci ne rispondendarnno davanti alla legge”, minaccia Salvini da due giorni. “Al nervosismo del ministro Salvini rispondo che ho solo esercitato le mie prerogative di sindaco. Ho sospeso l’applicazione di norme di esclusiva competenza comunale che potevano pregiudicare i diritti umani di persone e adesso adirò all’autorità giduziaria perche possa in quella sede essere rimessa la questione alla corte Costituzionale che giudicherà la legittimità di queste norme che hanno un sapore disumano perche trasformano in illegali coloro che sono legali e credo che questa sia una vergogna”, dice invece Orlando.

Il capoluogo siciliano, intanto, è stato animato dal corteo contro il dl Sicurezza. Non ci sono bandiere ma solo uno striscione: “Palermo per accoglienza e solidarietà“. E attorno centinaia di persone che sotto la pioggia si sono ritrovate in piazza Pretoria per sosterere il primo cittadino. Un’esponente dell’Anpi con il fazzoletto dell’associazione partigiani, Maria Consuelo Spera, ha citato la dichiarazione dei diritti umani e dice che sono in discussione principi di umanità e solidarietà.  Il segretario della Cgil Palermo, Enzo Campo, lancia un allarme contro un decreto che “restringe le garanzie e i diritti riconosciuti ai migranti e ai richiedenti protezione internazionale”.  In piazza anche Davide Faraone, segretario regionale del Pd. “Contrastiamo in piazza – dice – come abbiamo fatto in Parlamento – un decreto che ha un carattere disumano. Sottrae diritti alle persone che ne hanno più bisogno. Saremo nelle piazze per contrastare le linee e le scelte di un governo che rivela un volto razzista e antimeridionalista”. Luca Casarini, esponente della sinistra Italiana, attacca: “Lo chiamerei decreto insicurezza perché alza i margini di influenza della criminalità e del lavoro nero”.

 

L’articolo Decreto Sicurezza, la Digos all’Anagrafe di Palermo nel giorno del sit in per Leoluca Orlando proviene da Il Fatto Quotidiano.

Decreto Sicurezza, la Digos all’Anagrafe di Palermo nel giorno del sit in per Leoluca Orlando
Il Fatto Quotidiano

Article Tags:
Article Categories:
Il fatto quotidiano
×

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy