Dic 8, 2018
198 Views

Manovra, voto finale della Camera sabato pomeriggio. Opposizione fa ostruzionismo per far slittare il ddl riforme

Written by

Il voto finale della Camera sulla fiducia alla manovra arriverà solo sabato pomeriggio, dopo le 16. Il percorso per arrivare al primo via libera alla legge di Bilancio è stato faticoso: dopo l’ok arrivato venerdì sera, la discussione notturna sugli articoli si è arenata per l’ostruzionismo tecnico dell’opposizione che ha determinato appunto lo slittamento. L’opposizione chiedeva di far slittare a gennaio l’esame del ddl riforme costituzionali, che prevede il taglio dei parlamentari e l’introduzione del referendum propositivo. Ma l’accordo non è stato trovato e l’approdo in aula del ddl è stato rinviato solo di qualche giorno, dal 17 al 20 dicembre. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha intanto anticipato a martedì, al posto di mercoledì, la sua comunicazione alla Camera in vista del Consiglio europeo di giovedì e venerdì a Bruxelles. L’anticipo potrebbe essere legato alla volontà di incontrare il presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker già mercoledì per parlare dell..

Pubblicità

Il voto finale della Camera sulla fiducia alla manovra arriverà solo sabato pomeriggio, dopo le 16. Il percorso per arrivare al primo via libera alla legge di Bilancio è stato faticoso: dopo l’ok arrivato venerdì sera, la discussione notturna sugli articoli si è arenata per l’ostruzionismo tecnico dell’opposizione che ha determinato appunto lo slittamento. L’opposizione chiedeva di far slittare a gennaio l’esame del ddl riforme costituzionali, che prevede il taglio dei parlamentari e l’introduzione del referendum propositivo. Ma l’accordo non è stato trovato e l’approdo in aula del ddl è stato rinviato solo di qualche giorno, dal 17 al 20 dicembre. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha intanto anticipato a martedì, al posto di mercoledì, la sua comunicazione alla Camera in vista del Consiglio europeo di giovedì e venerdì a Bruxelles. L’anticipo potrebbe essere legato alla volontà di incontrare il presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker già mercoledì per parlare della manovra.

Lavori interrotti per permettere ai leghisti di andare in piazza – Sabato mattina il cdm ha approvato la Nota di variazione al bilancio di previsione dello Stato. Poi i lavori di Montecitorio si sono di nuovo interrotti per permettere ai deputati della Lega di partecipare alla manifestazione di piazza del Popolo con Matteo Salvini e tutti i ministri del Carroccio. Si riprende a votare dalle 14:45, su un testo che sarà inevitabilmente cambiato al Senato – dove la manovra approderà in commissione da lunedì – per inserire una serie di nuove misure concordate dai due azionisti di governo tra cui la “pace fiscale” con il saldo e stralcio per chi è in difficoltà economica, il taglio alle pensioni d’oro, il taglio dei fondi all’editoria e delle tariffe Inail pagate dalle imprese. Oltre alle modifiche all’ecotassa sulle auto inquinanti.

Accordo da trovare sui saldi di bilancio – Quanto ai saldi di bilancio, l’accordo sembra ancora tutto da trovare. L’Ue vuole vedere i nuovi impegni italiani nero su bianco entro il 19 dicembre. Lega e M5s non sembrano disposti a ridurre il deficit/pil verso quell’1,9%-2% sperato da Bruxelles, anche se in entrambe le forze ci sono posizioni diverse. Nel governo gialloverde le spaccature e le differenze di vedute restano su diversi punti, nonostante il susseguirsi di vertici e incontri, mentre il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha dovuto smentire le – ennesime – voci di sue dimissioni rilanciate dai giornali.

Fonte articolo

Article Categories:
PHM

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy