Ott 26, 2018
325 Views

Usa, un arresto per i pacchi bomba. Scoperti altri due ordigni, le indagini si concentrano in Florida

Written by

Un uomo è stato arrestato negli Stati Uniti per i pacchi bomba inviati nei giorni scorsi a politici democratici e personalità critiche nei confronti del presidente Donald Trump. Lo annunciano varie fonti ufficiali citate dalla Cnn. Sui finestrini del suo furgone, mostrano le immagini della tv di Stato, sono attaccate immagini del capo della Casa Bianca. Che proprio oggi ha espresso rammarico su Twitter per il fatto che la vicenda stia distraendo dalle elezioni di midterm, proprio quando, a suo avviso, il suo partito stava risalendo nelle intenzioni di voto. “I repubblicani stanno andando molto bene nel voto anticipato e nei sondaggi, e ora succede “questa cosa della bomba” e la tendenza favorevole frena fortemente. I media ora non parlano di politica. Molto spiacevole quello che sta succedendo. Repubblicani, uscite di casa e votate!”, ha scritto.
Republicans are doing so well in early voting, and at the polls, and now this “Bomb” stuff happens and the momentum greatly slows – news not..

Pubblicità

Un uomo è stato arrestato negli Stati Uniti per i pacchi bomba inviati nei giorni scorsi a politici democratici e personalità critiche nei confronti del presidente Donald Trump. Lo annunciano varie fonti ufficiali citate dalla Cnn. Sui finestrini del suo furgone, mostrano le immagini della tv di Stato, sono attaccate immagini del capo della Casa Bianca. Che proprio oggi ha espresso rammarico su Twitter per il fatto che la vicenda stia distraendo dalle elezioni di midterm, proprio quando, a suo avviso, il suo partito stava risalendo nelle intenzioni di voto. “I repubblicani stanno andando molto bene nel voto anticipato e nei sondaggi, e ora succede “questa cosa della bomba” e la tendenza favorevole frena fortemente. I media ora non parlano di politica. Molto spiacevole quello che sta succedendo. Repubblicani, uscite di casa e votate!”, ha scritto.

Republicans are doing so well in early voting, and at the polls, and now this “Bomb” stuff happens and the momentum greatly slows – news not talking politics. Very unfortunate, what is going on. Republicans, go out and vote!

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 26 ottobre 2018

Altri due ordigni sono stati scoperti nella giornata di venerdì, l’undicesimo e il dodicesimo di una serie cominciata nei giorni scorsi, quando i primi ordigni rudimentali hanno raggiunto tra gli altri Barack Obama e Bill Clinton, ma anche il Time Warner Center e la sede newyorkese della Cnn, per poi essere ricevuti anche dall’attore Robert De Niro e Joe Biden, ex numero due della Casa Bianca. Tutti esponenti o personalità vicine al Partito Democratico, come anche gli ultimi due destinatari: il senatore Cory Booker e l’ex capo dell’intelligence Usa, James Clapper. Intanto proseguono le indagini: la maggior parte dei pacchi sospetti sono stati spediti da un ufficio postale di Opa-locka, cittadina della Florida. Ma rimane un mistero: l’assenza del ‘postmark‘, il contrassegno che indica quando e da dove è stato spedito.

L’undicesimo pacco era indirizzato al senatore Booker, anche in questo caso una delle voci più critiche di Donald Trump. Dalle prime informazioni il plico, trovato in Florida dove in queste ore si sta concentrando la caccia all’Unabomber, è del tutto simili agli altri dieci già rinvenuti. Il dodicesimo è stato rinvenuto invece nel cuore di Manhattan all’interno di un ufficio postale, indirizzato a James Clapper, l’ex capo degli 007 Usa. Isolata la zona di Midtown, un’area non lontana da Times Square.

Le indagini si concentrano intanto su Opa-locka, la cittadina di 15mila abitanti, situata una ventina di km a nord di Miami, da dove sono partiti quasi tutti i pacchi. La città, sviluppata sul tema di ‘Mille e una notte‘ con un revival di architettura moresca – il più grande in Occidente – ha fatto da sfondo a vari film (Living Dreams, Texas Justice, Bad Boys II e 2 Fast 2 Furious), e ha un aeroporto che nel 1950 diventò il sito della più grande operazione della Cia, Pbsuccess, legata al colpo di Stato in Guatemala nel 1954. Lo scalo servì anche come postazione di ascolto di L’Avana sino alla crisi dei missili di Cuba del 1962.

E l’attore Robert De Niro, bersaglio di uno dei pacchi recapitati negli ultimi giorni, attraverso il suo addetto stampa ha poi ringraziato le forze dell’ordine per il loro lavoro. “C’è qualcosa di più potente delle bombe, ed è il vostro voto. La gente deve votare“, ha fatto sapere.

Fonte articolo

Article Tags:
· · · ·
Article Categories:
PHM

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy