Ott 5, 2018
198 Views

“In Australia ho iniziato una carriera a 53 anni. Qui sembra casa: è pieno di italiani”

Written by

Io partii nel 2007 all’ età venerabile di 53 anni, perché – obviously – non avevo un lavoro a tempo indeterminato. E in più, essendo un poco stagionata, ero ancor meno papabile. Giustamente mi si preferì una giovane mamma. Diciamo che ho sofferto una discriminazione.
Meno male! Ora qui dove mi trovo, a Newcastle in Australia, e sono già dieci anni, ho fatto una rapida carriera nell’università in cui lavoro. Ho fondi per la ricerca, sono rispettata, viaggio nel Sud e Nord del globo.
Ho lasciato una madre anziana. Mi mancano le montagne, mia sorella e due bellissimi nipoti. E gli amici. Mio marito ha lasciato tutto per seguirmi e la sua vita non è stata facile. Eppure, guardando indietro e pur sapendo che il tempo non esiste ed è un accidente del Big Bang, rimetterei ancora le mie cose in quattro contenitori di alluminio, nemmeno un metro cubo ciascuno. Sono stati i miei primi mobili: han fatto da tavolo, da sedie e da comodini. Lo rifarei perché qui ho iniziato una carriera a 53 anni,..

Ypsilon Black

Io partii nel 2007 all’ età venerabile di 53 anni, perché – obviously – non avevo un lavoro a tempo indeterminato. E in più, essendo un poco stagionata, ero ancor meno papabile. Giustamente mi si preferì una giovane mamma. Diciamo che ho sofferto una discriminazione.

Meno male! Ora qui dove mi trovo, a Newcastle in Australia, e sono già dieci anni, ho fatto una rapida carriera nell’università in cui lavoro. Ho fondi per la ricerca, sono rispettata, viaggio nel Sud e Nord del globo.

Ho lasciato una madre anziana. Mi mancano le montagne, mia sorella e due bellissimi nipoti. E gli amici. Mio marito ha lasciato tutto per seguirmi e la sua vita non è stata facile. Eppure, guardando indietro e pur sapendo che il tempo non esiste ed è un accidente del Big Bang, rimetterei ancora le mie cose in quattro contenitori di alluminio, nemmeno un metro cubo ciascuno. Sono stati i miei primi mobili: han fatto da tavolo, da sedie e da comodini. Lo rifarei perché qui ho iniziato una carriera a 53 anni, che mi ha fatto uscire da un pessimismo al limite della depressione.

Oramai poi pare di essere a casa. È pieno di italiani! Con tanta fantasia, intraprendenza, genialità di chi è abituato a far ricerca con quattro soldi. Sono molto orgogliosa degli italiani in Australia. Tanti, ma tanti hanno storie di successo, dalla pizzeria alle scoperte importanti in medicina. Forse è un bene che gli italiani facciano le valige. Sennò, come potrebbero contribuire al bene di tutti se restassero a casa?

Cordiali saluti da Down Under,

Silvia

Fonte articolo

Article Categories:
PHM

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.