Circosta Auto
Ott 10, 2018
122 Views
0 0

Caroline Rose, il coraggio di affrontare le sfide. Il video di ”Jeannie Becomes a Mom” per OCB Sessions

Written by

Sentireascoltare, in collaborazione con OCB Papers Sessions – il progetto mensile del brand OCB per lanciare artisti indie emergenti – vi presenta il video dell’esecuzione di “Jeannie Becomes A Mom” di Caroline Rose.
Cambiamenti e nuove sfide sono fondamentali nel percorso di maturazione di un’artista. Lo sa benissimo Caroline Rose, cantautrice di Long Island (New York), classe 1990: la sua passione per il rock tradizionale e l’alternative country, tipico delle terre statunitensi, non le ha impedito, nell’ultimo episodio pubblicato, di sposare un approccio più tendente al synth-power-pop. E i risultati sono davvero interessanti.
Loner è un concentrato di testi auto-ironici, densi di sarcasmo e pungenti analisi sulla società e sulla sua personalità, sviscerati secondo una trasversalità di arrangiamenti che premia il coraggio dell’artista, ancorata nei primi due lavori (America Religious del 2012 e I Will Not Be Afraid del 2014) a una classica, ma comunque non deludente, palette tra fo..

a giugno vieni a scoprire la nuva carbon edition

Sentireascoltare, in collaborazione con OCB Papers Sessions – il progetto mensile del brand OCB per lanciare artisti indie emergenti – vi presenta il video dell’esecuzione di “Jeannie Becomes A Mom” di Caroline Rose.

Cambiamenti e nuove sfide sono fondamentali nel percorso di maturazione di un’artista. Lo sa benissimo Caroline Rose, cantautrice di Long Island (New York), classe 1990: la sua passione per il rock tradizionale e l’alternative country, tipico delle terre statunitensi, non le ha impedito, nell’ultimo episodio pubblicato, di sposare un approccio più tendente al synth-power-pop. E i risultati sono davvero interessanti.

Loner è un concentrato di testi auto-ironici, densi di sarcasmo e pungenti analisi sulla società e sulla sua personalità, sviscerati secondo una trasversalità di arrangiamenti che premia il coraggio dell’artista, ancorata nei primi due lavori (America Religious del 2012 e I Will Not Be Afraid del 2014) a una classica, ma comunque non deludente, palette tra folk e country. Ora Caroline, che ha firmato per New West Records, spazia, con la sua voce – ora ruvida, ora rasserenante – da una capricciosa, ribelle e sfavillante new-wave (Bikini) al surf-rock più tradizionale (Money), passando per il suo amato rockabilly (Money) e lo slowcore (To Die Today). Fino a toccare il synth-pop dalle tonalità calde e vintage in Jeannie Becomes A Mom: Caroline Rose – in un track by track curato da COS – lo ha definito “il pezzo migliore dell’album”. Una canzone soltanto inizialmente ispirata da un’amica rimasta accidentalmente incinta: Caroline parte da questo episodio per aprire ampi margini di riflessione sulla personale vita quotidiana, gli obiettivi da raggiungere, l’ansia che la pervade nel percorso per toccarli. Jeannie Becomes A Mom è anche la traccia che la cantautrice, assieme alla sua band, presenta dal vivo nell’appuntamento di ottobre delle OCB Papers Sessions. Il format ha ospitato in passato artisti del calibro di Bad Gyal, Lambchop, The Drums, Mammal Hands, Kadhja Bonet e Marika Hackman.

Segui OCB Papers su Instagram, Facebook e Youtube.

10 ottobre 2018 di Luigi LupoFonte articolo

Article Categories:
Sentireascoltare
offerte.cpsPromo.sales.giulietta
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: