Ott 26, 2018
363 Views

Biella, ossa umane abbandonate nel forno crematorio: arrestato il figlio del gestore e sequestrato l’impianto

Written by

Ossa umane abbandonate in scatoloni nel tempio crematorio del cimitero di Biella. È ciò che hanno trovato i carabinieri della città piemontese, coordinati dal procuratore Maria Angela Camelio, indagando su presunte irregolarità del trattamento delle salme. Le indagini hanno portato all’arresto di Alessandro Ravetti, figlio del proprietario dell’impianto, e di un dipendente della società. Nell’inchiesta sarebbe coinvolta anche una terza persona, un dipendente della ditta ripreso dalle telecamere mentre armeggiava sui cadaveri le cui ossa finivano in scatole poi gettate nell’immondizia.
L’attività del crematorio è stata bloccata: una decina di esequie previste per la mattinata sono state annullate e verranno eseguite in un altro luogo. La Socrebi, società dell’impresa di pompe funebri Ravetti, ha costruito attraverso un project financing struttura e impianto del forno, del valore di circa due milioni di euro, in cambio della concessione per 27 anni. Pochi giorni fa il Consiglio comunale..

Pubblicità

Ossa umane abbandonate in scatoloni nel tempio crematorio del cimitero di Biella. È ciò che hanno trovato i carabinieri della città piemontese, coordinati dal procuratore Maria Angela Camelio, indagando su presunte irregolarità del trattamento delle salme. Le indagini hanno portato all’arresto di Alessandro Ravetti, figlio del proprietario dell’impianto, e di un dipendente della società. Nell’inchiesta sarebbe coinvolta anche una terza persona, un dipendente della ditta ripreso dalle telecamere mentre armeggiava sui cadaveri le cui ossa finivano in scatole poi gettate nell’immondizia.

L’attività del crematorio è stata bloccata: una decina di esequie previste per la mattinata sono state annullate e verranno eseguite in un altro luogo. La Socrebi, società dell’impresa di pompe funebri Ravetti, ha costruito attraverso un project financing struttura e impianto del forno, del valore di circa due milioni di euro, in cambio della concessione per 27 anni. Pochi giorni fa il Consiglio comunale ha bloccato e rimandato in commissione una delibera relativa alla costruzione di un secondo forno.

Aggiornato dalla redazione web alle 17.06 del 26/10/2018

Fonte articolo

Article Categories:
PHM

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy