Set 9, 2018
192 Views
0 0

Russia, 300 arresti per le manifestazioni contro la riforma pensioni. Decine di migliaia per le strade: “Putin è un ladro”

Written by

Quasi 300 manifestanti sono stati arrestati dalla polizia russa in diverse città del Paese mentre protestavano in piazza contro la riforma delle pensioni che aumenterà l’età pensionabile. Secondo l’ong OVD-Info, le città dove sono state fermate il maggior numero di persone sarebbero Ekaterinburg, negli Urali, e Omsk, in Siberia. Le proteste, organizzate dall’oppositore al governo di Vladimir Putin, Alexiei Navalny, che sta scontando una condanna di trenta giorni di carcere per aver organizzato una manifestazione non autorizzata, non hanno risparmiato la capitale: secondo i dati diffusi dal ministero dell’Interno, solo in piazza Pushkin, a Mosca, si sono radunate circa 2.000 persone, esponendo striscioni e scandendo lo slogan “Putin è un ladro”. Ma le proteste e i fermi si sono registrati anche a Krasnodar, San Pietroburgo, Tver, Ufa, Khabarovsk, Tomsk, Novosibirsk e Celyabinsk.
Ma Navalny, nonostante la detenzione, arringa la folla attraverso il suo staff sui social: “Per 18 anni Puti..

Ypsilon Black

Quasi 300 manifestanti sono stati arrestati dalla polizia russa in diverse città del Paese mentre protestavano in piazza contro la riforma delle pensioni che aumenterà l’età pensionabile. Secondo l’ong OVD-Info, le città dove sono state fermate il maggior numero di persone sarebbero Ekaterinburg, negli Urali, e Omsk, in Siberia. Le proteste, organizzate dall’oppositore al governo di Vladimir Putin, Alexiei Navalny, che sta scontando una condanna di trenta giorni di carcere per aver organizzato una manifestazione non autorizzata, non hanno risparmiato la capitale: secondo i dati diffusi dal ministero dell’Interno, solo in piazza Pushkin, a Mosca, si sono radunate circa 2.000 persone, esponendo striscioni e scandendo lo slogan “Putin è un ladro”. Ma le proteste e i fermi si sono registrati anche a Krasnodar, San Pietroburgo, Tver, Ufa, Khabarovsk, Tomsk, Novosibirsk e Celyabinsk.

Ma Navalny, nonostante la detenzione, arringa la folla attraverso il suo staff sui social: “Per 18 anni Putin e il suo governo si sono serviti del budget, dilapidandolo per progetti senza senso. Ora non ci sono più soldi e sono arrivati a toccare le pensioni per sbarcare il lunario”, si legge.

Vladimir Putin era cosciente dell’impopolarità di questa riforma che lui stesso ha definito “inevitabile”. Sì, perché nel Paese si va in pensione prima che in tutti gli altri Paesi dell’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico: a 60 anni gli uomini e a 55 le donne. Ma l’aumento dell’età media e il calo demografico hanno costretto il governo ad aumentare il tetto minimo per la pensione.

Provvedimento che potrebbe avere ricadute già sui risultati delle elezioni regionali e locali, tra cui quelle della città di Mosca, per le quali i russi stanno votando questa domenica, e sulla popolarità del Presidente russo che aveva già subito un netto calo da inizio anno. Il voto per eleggere il Sindaco della capitale russa non dovrebbe comunque presentare sorprese, con la rielezione dell’attuale primo cittadino e uomo del Cremlino, Serjey Sobyanin, anche per la mancanza di un vero leader forte dell’opposizione.

Fonte articolo

Article Categories:
PHM
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy